Nostrofiglio.it

Pianetamamma logo pianetamamma.it

gpt skin_web-video-0
gpt strip1_generica-video
gpt strip1_gpt-video-0
Video gravidanza
1 5

Come rinforzare il perineo dopo il parto | Video

adsense-itemtop

Scopriamo quali sono gli esercizi perineali da svolgere dopo il parto.

Come rinforzare il perineo dopo il parto video

Il perineo è l'insieme dei muscoli contenente gli organi genitali. E' buona pratica seguire delle sessioni di rieducazione perineale e una volta concluse, cercare di mantenere quella certa costanza nell'attività fisica. Inoltre, queste sessioni su come rinforzare il perineo dopo il parto, vi consentirà di tonificare il ventre e riconquistare la forma fisica di un tempo. Ricordate di eseguire questi esercizi tutti i giorni, eseguendo tre sessioni per tre mesi. La costanza è fondamentale per ottenere i risultati sperati.

Esercizi per rinforzare il perineo dopo il parto

Gabriella Vico Fitness vi spiegherà dettagliatamente, quali sono e come andranno eseguiti gli esercizi del perineo post parto.
  • Il primo esercizio di Kegel consente nella presa di coscienza del perineo: stringere i muscoli vaginali come se si volesse trattenere l'urina per cinque secondi, rilasciare per 10 secondi. E' un esercizio che si può mettere in pratica anche durante l'allattamento, in autobus, al risveglio. Ovunque!
  • Il secondo: sdraiati sulla schiena, talloni a terra, gambe piegate e mani sulle cosce. Stringete il perineo e poi rilasciate. Porta il ventre dentro mentre trattieni il respiro e spingi con le mani sulle cosce. Mantenere la postura dai 12 ai 15 secondi.
  • Il terzo: mezzo ponte. In posizione sdraiata sulla schiena, gambie piegate e piedi in appoggio a terra. Contraete il perineo soffiando lentamente. Stringete glutei e le cosce e continuate l'esercizio come spiegat nel video
Mettiamo in pratica questi utili suggerimenti e prendiamoci cura di noi stesse.
Come prevenire i danni al perineo
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-video-0