strip1-video
gpt strip1_generica-video
gpt strip1_gpt-video-0
Nostrofiglio.it

Pianetamamma logo pianetamamma.it

gpt skin_web-video-0
Video bambino
1 5

Slime atossico fai da te | Video tutorial

adsense-itemtop

Slime atossico? Si, avete letto bene. Oggi scopriremo come realizzarlo fai da te.

Slime atossico fai da te video tutorial

Quante volte abbiamo sentito parlare dello slime come un gioco pericoloso per i bambini? La brava Camilla Cannas di Soffici Morbidezze ha realizzato un nuovo video tutorial in cui ci spiega come fare uno slime atossico e fai da te. Proviamo?

Slime atossico: gli ingredienti 

Gli ingredienti ci cui ci serviremo sono assolutamente innocui e atossici:
  • 40 gr di fecola di patate;
  • 200 ml di acqua;
  • 5 ml di olio di semi;
  • colorante alimentare;
  • una frusta da cucina.
Ora assembliamo seguendo i passaggi descritti nel video tutorial.

Come realizzare uno slime in casa?

Lo slime è una pasta gelatinosa molto simile al pongo e la ricetta fai da te è stata spesso contestata per via dell’utilizzo di materiali non adatti ai bambini. Oggi seguiremo una ricetta del tutto naturale e di facile realizzazione.
  • Versiamo la fecola di patate nell'acqua e giriamo per bene con la frusta da cucina. Una volta mescolato per bene la metteremo a fuoco basso fino a quando non si addenserà. Il suggerimento è quello di continuare a mescolare per evitare che il composto si attacchi.
  • Una volta pronto (sembrerà gelatina), lasciamo raffreddare per qualche minuto e versiamo del colorante alimentare. Continueremo a girare fino a quando il nostro slime fai da te non avrà cambiato colore. Infine aggiungeremo dell'olio di semi.
  • Versiamo il composto in un contenitore e riponiamolo in freezer per circa 3 minuti.

Avremo ottenuto uno slime atossico fai da te realizzato in pochissimo tempo!

Come creare la sagoma di un elefante | Video tutorial
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-video-0