Home Rimanere incinta Sono incinta?

Test gravidanza negativo: cosa fare?

di Francesca Capriati - 26.04.2021 Scrivici

test-gravidanza-negativo
Fonte: shutterstock
Test gravidanza negativo: esistono i falsi negativi? Quando ripeterlo quando il ciclo non arriva, il test può essere negativo ma si è incinta?

Test gravidanza negativo

Il momento in cui siamo in cerca di una gravidanza e proviamo a fare un test di gravidanza casalingo è pieno di emozioni, paure e dubbi. Può capitare che il test di gravidanza sia negativo, ma noi sospettiamo ci sia comunque una gravidanza in atto. Cosa fare? Quando ripeterlo ed esistono dei falsi negativi?

In questo articolo

Esistono i falsi negativi?

Perché è meglio aspettare a fare il test e che probabilità c'è che il risultato sia un falso positivo?

Ricordiamo cosa accade nel nostro corpo subito dopo il concepimento:

  1. l'ovulo che è stato appena fecondato viaggia verso l'utero dove si anniderà al rivestimento uterino (impianto);
  2. a quel punto comincia a formarsi la placenta che produce l'ormone della gravidanza: l'ormone gonadotropina corionica umana (HCG), che entra in circolo sia nel sangue che nelle urine;
  3. la concentrazione di Beta Hcg nelle prime settimane di gravidanza cresce esponenzialmente, giorno dopo giorno, raddoppiando ogni due o tre giorni.

Il test di gravidanza casalingo utilizza uno stick che viene inserito in un campione di urina, preferibilmente del mattino, quindi quella più concentrata, e rileva la presenza degli ormoni Beta Hcg.

E' chiaro che più giorni sono passati dal concepimento e quindi dall'impianto dell'embrione e dall'avvio di produzione dell'ormone Beta e maggiori sono le probabilità che lo stick ne rilevi la presenza.

Fare un test troppo presto, quindi, ci espone al rischio di un falso negativo, semplicemente perché i livelli delle Beta sono ancora troppo bassi per essere rilevati dal test.

Inoltre c'è da dire che in un ciclo mestruale normale, che dura 28 giorni tra una mestruazione e l'altra, l'ovulazione e di conseguenza all'eventuale concepimento è avventura intorno al 14esimo giorno e ciò ci aiuta in qualche modo a fare un calcolo di quando sarebbe avvenuto il concepimento. Ma il corpo femminile non è una macchina e molti fattori possono provocare un'ovulazione ritardata o anticipata il che rende impossibile stabilire con certezza in che giorno sia avvenuta la fecondazione.

Il modo più sicuro, quindi, per avere un risultato accurato del test di gravidanza domestico è aspettare il primo giorno di ritardo delle mestruazioni.

Quando ripeterlo

Molti test di gravidanza casalinghi promettono di riuscire a dare un risultato accurato e sicuro già dopo un solo giorno di ritardo dal ciclo o addirittura prima, immediatamente dopo l'eventuale concepimento. In realtà se vogliamo essere davvero sicure del risultato e non rischiare di avere un falso negativo – che non farà che aumentare le nostre ansie e aspettative – il momento migliore per fare il test, o eventualmente per ripeterlo dopo un primo test negativo, è dopo il primo giorno di ritardo delle mestruazioni.

Quando il ciclo non arriva

Cosa dobbiamo fare se il test di gravidanza è negativo, ma il ciclo non viene?

Innanzitutto è bene aspettare qualche giorno e ripetere il test dopo una settimana. Se non cambia nulla è meglio rivolgersi al proprio medico: un esame del sangue permetterà di sapere senza ombra di dubbio se c'è una gravidanza in atto e, al tempo stesso, consentirà di fare delle analisi per valutare eventuali disturbi che possono provocare l'assenza delle mestruazioni (amenorrea):

  • disturbi della tiroide,
  • basso peso corporeo,
  • problemi alle ovaie,
  • eccessivo esercizio fisico,
  • stress.

Quando ho sintomi premestruali ma il ciclo non arriva

I primi sintomi di gravidanza possono essere facilmente confusi con quelli della sindrome premestruale:

  • Mal di testa;
  • stanchezza;
  • nausea al mattino;
  • tensione, gonfiore e dolore al seno;
  • crampi addominali;
  • mal di schiena e nella zona lombare;
  • aumento di sensibilità verso gli odori;
  • sbalzi repentini d'umore.

Si tratta di sintomi comuni a molte donne, sia quelle che stanno vivendo i primi giorni di gravidanza sia quelle che stanno per avere le mestruazioni, L'unico modo per essere certe che non si tratti di sindromi premestruali è aspettare il ritardo delle mestruazioni e fare un test di gravidanza.

Test negativo ma incinta

Può accadere che il test dia risultato negativo e invece la gravidanza c'è? Questo può succedere se abbiamo fatto il test troppo presto, oppure se l'ovulazione e quindi il concepimento sono avvenuti più tardi di quanto immaginiamo e quindi dobbiamo solo aspettare per ripetere il test qualche giorno dopo.

Altre cause che possono spiegare un falso negativo sono:

  • aver utilizzato un'urina eccessivamente diluita (per questo quela ideale è quella del primo mattino, più concentrata);
  • aver tolto lo stick dal campione di urina troppo presto.

Fonti

gpt inread-incinta-0

articoli correlati