Home Rimanere incinta Sessualità e corpo

Si può restare incinta col coito interrotto durante l’ovulazione?

di Elena Berti - 21.09.2022 Scrivici

lubrificanti-sesso
Fonte: shutterstock
Si può praticare il coito interrotto nei giorni fertili oppure è rischioso e si può restare incinta? Nel liquido preseminale ci sono spermatozoi?

Coito interrotto nei giorni fertili

La scelta del metodo contraccettivo è molto personale e, se si è in una relazione stabile, solitamente il preservativo non rappresenta la preferenza delle coppie. Oltre ai contraccettivi ormonali come pillola, cerotto o spirale, in molti si affidano al caro vecchio "salto della quaglia". Ma cosa succede se si pratica il coito interrotto nei giorni fertili?

In questo articolo

Che cos’è il coito interrotto

A volte si fa confusione sulle varie espressioni: coito interrotto, Ogino-Knaus, metodi naturali… Che cos'è esattamente il coito interrotto? Lo si intuisce facilmente dal nome: si tratta di una pratica che prevede di interrompere il coito, cioè il rapporto sessuale penetrativo, un attimo prima dell'orgasmo maschile, e quindi dell'eiaculazione. Ma il coito interrotto nei giorni fertili potrebbe essere la scelta peggiore per le coppie che non vogliono figli, e vi spieghiamo perché. 

Si resta incinta col coito interrotto?

Nonostante le amiche o gli amici ci raccontino che hanno sempre fatto così e "non è mai successo niente", il coito interrotto non è un metodo anticoncezionale affidabile. Per due motivi: 

  • il primo è che l'uomo deve essere capace di uscire ed eiaculare lontano dalla vagina, e non sempre è così
  • il secondo è che se il coito interrotto avviene dopo una precedente eiaculazione, il liquido preseminale potrebbe contenere spermatozoi

Nel primo caso, molti uomini per paura di fare figuracce non ammettono nemmeno di non essere riusciti a controllarsi, per questo è preferibile non applicare questo metodo se non si vogliono figli. Il secondo, meno noto, è che il liquido preseminale di per sé non contiene spermatozoi, ma se c'è stata una precedente eiaculazione potrebbero essercene ancora nell'uretra e il liquido seminale, passandoci attraverso, potrebbe portarli con sé e quindi depositarli in vagina durante il rapporto. 

Se a questo sommate il periodo fertile femminile, capite che il rischio si alza notevolmente!

Coito interrotto e giorni fertili

Il coito interrotto ha una piccola possibilità di fallimento, soprattutto se effettuato lontano da una precedete eiaculazione (quindi l'uretra è "pulita") e ovviamente se la donna non è fertile.

Se invece la donna si trova nei giorni immediatamente precedenti l'ovulazione o addirittura nel giorno dell'ovulazione, il rischio di una gravidanza aumenta notevolmente. 

Se non programmate in nessun caso una gravidanza, è quindi necessario prendere precauzioni particolarmente nei giorni fertili. Un anticoncezionale ormonale impedisce l'ovulazione e, di fatto, la donna non è fertile, perciò non esiste rischio. Una donna con regolare ovulazione è invece a rischio gravidanza e per questo è necessario l'uso del preservativo

Riconoscere i giorni fertili

Chi segue i metodi naturali e applica il metodo Billings sa quando ovula e anche quando questo sta per succedere: temperatura basale, muco cervicale e altri sintomi sono chiari segnali dell'arrivo dei giorni fertili. Queste persone, se hanno la certezza dell'ovulazione, possono praticare il coito interrotto nel resto del tempo, evitando accuratamente quei giorni. 

Ma anche se si ha il ciclo regolare e si pensa di ovulare il tal giorno, non è facile prevedere il momento preciso (e uno spermatozoo sopravvive anche tre giorni in attesa!), perciò se la gravidanza è da escludere è meglio evitare sempre il coito interrotto e affidarsi ad altri metodi. 

Se invece la gravidanza non rappresenta un no categorico, tentate la sorte! 

gpt inread-incinta-0

articoli correlati