Home Rimanere incinta Sessualità e corpo

Come fare a prevedere l’arrivo delle mestruazioni

di Elena Berti - 09.09.2022 Scrivici

ciclo-mestruale-ballerino
Fonte: shutterstock
Calcolo del ciclo mestruale: come fare per capire quando arriveranno le mestruazioni, anche se si ha il ciclo irregolare, capire i sintomi e ovulazione

Calcolo del ciclo mestruale

Comunemente chiamiamo ciclo le mestruazioni, ma in realtà il ciclo mestruale è tutto il periodo che intercorre tra una mestruazione e la successiva. Sappiamo che questo periodo ha un intervallo medio di un mese, o 28 giorni, ma per molte donne non è affatto così. Come fare quindi il calcolo del ciclo mestruale?

In questo articolo

Come dicevamo, il ciclo mestruale ha una durata media di 28 giorni, tant'è che anche gli anticoncezionali sono calibrati su quella durata. Un ciclo inizia il primo giorno di mestruazioni, ha poi una fase pre-ovulatoria, un picco al momento dell'ovulazione, poi una fase luteale, o post-ovulatoria, che si conclude con l'arrivo delle nuove mestruazioni. 

Come ben sappiamo, però, non solo il ciclo potrebbe avere una durata diversa per ogni donna, ed essere 26 o 34 giorni, per esempio, ma potrebbe anche cambiare di volta in volta. Come si fa quindi a fare il calcolo del ciclo mestruale con esattezza?

I dati certi del ciclo mestruale

In un ciclo mestruale, l'unico dato certo è la durata della fase luteale. In assenza di problemi (per esempio un calo di progesterone), la fase luteale ha infatti una durata fissa per ogni donna. In media è quattordici giorni, ma potrebbe durare dodici o sedici. Se dura meno di quattordici e si sta cercando di concepire un figlio meglio parlarne col proprio medico, potrebbe esserci appunto un deficit di progesterone

Il primo passo è quindi calcolare la propria fase luteale: una volta conosciuta, si ha ben presente quando verranno le mestruazioni se si conosce, ovviamente, il momento dell'ovulazione.

Come sapere quando si ovula

Per conoscere il momento esatto dell'ovulazione esistono vari metodi. Sicuramente le app possono aiutare chi ha un ciclo regolare - dopo 2 o 3 cicli completi calcolerà facendo delle previsioni - ma ci si può affidare ad altro se il ciclo è irregolare: 

Il metodo Billings si basa sull'osservazione del muco cervicale.

Esistono corsi per imparare a riconoscere la consistenza del muco e quindi a riconoscere con esattezza il momento del ciclo in cui ci si trova. L'ovulazione avviene dopo alcuni giorni di muco a chiara d'uovo, sensazione di bagnato e poi di asciutto improvvisa. 

La temperatura basale consiste nel misurare la temperatura in vagina ogni mattina alla stessa ora, a letto, prima di fare qualsiasi altra cosa. Quando avviene l'ovulazione, la temperatura si alza, per poi crollare il giorno dopo e mantenersi più bassa. 

Gli stick sono utili perché aiutano a prevedere l'ovulazione, colorandosi piano piano, fino al picco. Possono essere usati soli o con un computer. 

I sintomi dell'ovulazione invece sono: 

  • dolore al seno o ai capezzoli
  • sensazione di bagnato
  • gonfiore
  • aumento della libido
  • mal di testa
  • fitte alla pancia

Questi metodi, soprattutto se combinati, possono aiutare con buona precisioni a calcolare l'arrivo delle mestruazioni. 

Le app di monitoraggio del ciclo funzionano?

Negli ultimi tempi le app di monitoraggio del ciclo mestruale sono state al centro di numerose polemiche, non tanto per il loro funzionamento o uso, ma perché, in seguito al divieto di aborto in alcuni stati americani potrebbero essere usate per ottenere dati sensibili, come già successo coi social network che hanno dovuto consegnare alla polizia addirittura conversazioni private di chi aveva abortito. Ha senso, quindi, utilizzare le app di monitoraggio del ciclo per calcolare il ciclo mestruale?

Se il vostro ciclo è regolare o comunque ha uno scarto di pochi giorni, può essere utile tenere il conto, soprattutto se siete sbadate e non ricordate quando avete avuto l'ultimo ciclo. Sono utili anche per inserire i rapporti e verificare se, in caso di ritardo, ne avete avuti in giorni ovulatori

Se però avete il ciclo irregolare, magari a causa di un disturbo come la PCOS, sono piuttosto inutili: le previsioni saranno spesso scorrette.

In questi casi il modo migliore per conoscere l'arrivo delle mestruazioni è conoscere l'ovulazione e poi aspettare i quattordici giorni di fase luteale. 

Il calcolo del ciclo mestruale non è sempre semplice, se non si ha il ciclo regolare. Ma con qualche accortezza anche le più sbadate potranno conoscere meglio il proprio corpo e avere un'idea più precisa di quando faranno capolino le prossime mestruazioni! 

gpt inread-incinta-0

articoli correlati