Home Rimanere incinta Infertilità

Bambini a rate: un mutuo per diventare genitori

di Redazione PianetaMamma - 03.04.2009 Scrivici

A volte, il desiderio di avere un figlio è talmente forte che si può arrivare anche a chiedere un mutuo oppure un prestito per un vero e proprio viaggio della speranza oltre confine

A volte, il desiderio di avere un figlio è talmente forte che si può arrivare anche a chiedere un mutuo oppure un prestito

per un vero e proprio viaggio della speranza oltre confine

. Barbara, attraverso le pagine del

Corriere.it

, ha raccontato di volere un figlio a qualsiasi costo, un bambino che

“possa vivere. Senza la condanna della mia malattia. E siamo sempre di più quelli costretti ad emigrare, a fare i debiti perché in Italia, nonostante medici bravissimi, non sarebbe stato possibile. Perché la legge 40 non rispetta la Costituzione, il diritto alla salute, all'eguaglianza”

In effetti quello di Barbara non è affatto un caso isolato. Come lei anche Fabio e Laura che se da un lato sono felice di avere un piccolo che piange per casa dall’altra parte vivono uno stato d’ansia per via del

mutuo sulla casa che hanno dovuto fare per pagarsi tutte le trasferte della fecondazione assistita.

Storie drammatiche, storie di vita quotidiana, di famiglie che in Italia non si sono viste tutelate. E’ semplicemente terribile pensare ad un “bambino a rate”. Purtroppo, stando alle stime delle varie associazioni, sarebbero ben diecimila le coppie che nel corso del 2008 si sarebbero rivolte a cliniche straniere come in

Spagna

(con i costi che evidentemente sono eccessivamente cari) dove la fecondazione eterologa (il seme di una persona estranea alla coppia), la conservazione degli embrioni sono legali.

Tuttavia qualcosa in questi ultimi giorni è cambiato.

Vediamo in sintesi le due principali modifiche alla legge 40:

1) E’ possibile la

diagnosi preimpianto

: prima erano possibili solo diagnosi di tipo osservazionale (in questo modo chi soffre

ad esempio di talassemia

ha qualche possibilità in più di mettere al mondo un figlio sano)

2) Ora vi è la possibilità di ricorrere alle tecniche di procreazione medicalmente assistita (PMA) anche per le coppie in cui l'uomo sia portatore di malattie virali sessualmente trasmissibili (come virus HIV e epatite B e C)

Purtroppo non hanno accesso alla fecondazione assistita i single.

Inoltre, come recita il testo della legge, è possibile produrre

non più di tre embrioni per volta

, ovvero il numero necessario a un unico e contemporaneo impianto. Questo, secondo molte mamme che soffrono di gravi malattie rappresenta un limite grave

Martina Braganti

gpt inread-incinta-0