Home Parto Travaglio

Travaglio pretermine: i sintomi e cosa fare

di Francesca Capriati - 27.07.2021 Scrivici

travaglio-pretermine-sintomi
Fonte: shutterstock
Travaglio pretermine sintomi: cosa fare e come riconoscere una minaccia di parto prematuro. Cosa fare e cosa dicono le linee guida

Travaglio pretermine sintomi

Il travaglio pretermine si verifica quando le contrazioni regolari determinano l'apertura della cervice dopo la ventesima settimana e prima della 37esima di gravidanza e ciò può portare ad un parto prematuro. La causa specifica del travaglio pretermine spesso non è chiara. Alcuni fattori di rischio potrebbero aumentarne le probabilità ma il parto pretermine può verificarsi anche in donne in gravidanza senza fattori di rischio noti. Ma quali sono i sintomi del parto pretermine e come si può prevenire ed intervenire?

In questo articolo

Cause del parto prematuro

Spesso la causa precisa del parto prematuro non è chiara. Tuttavia, sono noti alcuni fattori di rischio che includono:

  • Avere avuto un precedente parto prematuro
  • Gravidanza multipla
  • Un intervallo inferiore ai sei mesi tra le gravidanze
  • Fecondazione in vitro
  • Problemi uterini, alla cervice o alla placenta
  • Fumo o droghe
  • Infezioni del liquido amniotico o del tratto genitale inferiore
  • Ipertensione, diabete ed altre patologie croniche
  • Essere sottopeso o sovrappeso prima della gravidanza
  • Stress ed eventi traumatici durante la gravidanza
  • Aborti o aborti multipli
  • Lesioni fisiche o traumi.

Prevenzione

Anche se la causa del parto pretermine resta spesso sconosciuta, ci sono alcune cose che possiamo fare essere fatte per ridurre il rischio di parto pretermine:

  • Progestinici: questo trattamento viene iniziato durante il secondo trimestre e continuato fino a poco prima del parto e viene consigliato alle donne a rischio, come quelle che hanno già avuto precedenti parti prematuri. A questo proposito va ricordato che l'Aifa ha riconosciuto il progesterone in capsule vaginali come farmaco di fascia A, includendolo tra i farmaci essenziali per la prevenzione del parto pretermine in gravidanze singole con cervice raccorciata.
  • Se la cervice si dilata, si può intervenire con la tocolisi con solfato di magnesio, un calcio-antagonista, o, se il feto è ≤ 32 settimane, con un inibitore della prostaglandina.

Come riconoscere i sintomi di un travaglio prematuro

I sintomi di travaglio pretermine includono:

  • Sensazione regolare o frequente di contrazione addominale (contrazioni)
  • Mal di schiena sordo e intenso nella aprte bassa e in quella lombare
  • Una sensazione di pressione pelvica o nella parte inferiore dell'addome
  • Lievi crampi addominali
  • Spotting vaginale o leggero sanguinamento
  • Rottura prematura delle membrane: che si manifesta con uno zampillo o con un rivolo continuo di liquido dopo che la membrana intorno al bambino si è rotta o si è strappata
  • Cambiamento delle perdite vaginali che diventano acquose, simili a muco o sanguinolente.

Linee guida per la minaccia d'aborto

Le linee guida per la gestione del travaglio pretermine includono diverse indicazioni e raccomandazioni per il personale sanitario, come ad esempio:

  • Cerchiaggio dell'utero: si tratta di un piccolo intervento chirurgico che si effettua in anestesia totale, si interviene inserendo una piccola fascetta circolare nella cervice uterina, atta a "chiuderla" e ad evitare che questa dilatandosi e raccorciandosi scateni un parto prematuro. E' indicata durante la gravidanza in donne con una cervice corta o una storia di accorciamento cervicale.
  • Corticosteroidi se l'età gestazionale è < 34 settimane (profilassi steroidea antenatale)
  • Riposo a letto e idratazione
  • Antibiotici attivi sugli streptococchi di gruppo B, in attesa dei risultati colturali che vengono eseguiti per diagnosticare un'eventuale infezione in corso.

Fonti

gpt inread-parto-0

articoli correlati