Home Parto Travaglio

Smartphone bandito in sala parto

di Monica De Chirico - 14.11.2013 Scrivici

che-gioia
Un ospedale di Roma ha deciso di bandire le fotocamere dalla sala parto. Spesso infatti, invece di vivere il momento della nascita del proprio figlio, molti papà si preoccupano di immortalare la foto

Lo smartphone è diventato ormai uno degli accessori più acquistati e più utilizzati nella nostra quotidianeità. Non riusciamo a staccarcene, e in molti casi il "demone della reperibilità", citando Zero Calcare, si impossessa di noi e perdiamo il senso della misura a tal punto che non riusciamo a liberarci del telefono neanche in sala parto.


Farsi fotografare in sala parto: l'ultima moda



A reagire a questo atteggiamento di dipendenza è  un ospedale di Roma che ha deciso di bandire le fotocamere dalla sala parto. Spesso infatti, invece di vivere il momento della nascita del proprio figlio, alcuni papà si preoccupano di immortalare la foto. Arriva quindi il primo provvedimento concreto dall'ospedale Cristo Re di Roma, noto per vantare uno dei migliori reparti di neonatologia della capitale.

Il dottor

Maurizio Gnazzi

del reparto avrebbe reso noto che spesso e volentieri, mariti e compagni, prestano attenzione più allo smartphone e tablet, piuttosto che rendersi utile e aiutare le future mamme, incoraggiando la

gestione in travaglio

. Inoltre in molti casi fare foto, infastidisce il lavoro degli infermieri.

Il medico del reparto

avrebbe quindi vietato in sala operatoria l'utilizzo di ogni tipo di fotocamera

Fonte Credits|

Il Sole 24 ore

gpt inread-parto-0

articoli correlati