strip1-parto
gpt strip1_generica-parto
gpt strip1_gpt-parto-0
Nostrofiglio.it
gpt skin_web-parto-0
1 5

Il racconto di un parto indotto finito con l'uso della ventosa

/pictures/2019/01/30/il-racconto-di-un-parto-indotto-finito-con-l-uso-della-ventosa-3588271545[2005]x[837]780x325.jpeg iStock
gpt native-top-foglia-parto

Il racconto del parto di Margherita, avvenuto oltre il termine con l'induzione e con l'uso della ventosa per far nascere la sua meravigliosa creatura

Parto indotto con ventosa

Dopo 40 settimane e 5 giorni di attesa, il 2 Luglio 2018 alle 21.41 ho conosciuto la Felicità: è la data di nascita della mia bambina, la mia meravigliosa creatura. Un parto indotto e operativo avvenuto circa 10 ore dopo l’inserimento della fettuccia, visto che avevo superato il termine e cominciava a scarseggiare il liquido amniotico. Alle 11.30 del mattino dopo la visita e il tracciato, la dottoressa in turno decide di ricoverarmi e indurre il parto con l’uso della fettuccia, a cui segue un nuovo tracciato e mi viene assegnata una stanza provvisoria in attesa delle dimissioni: il reparto è pieno.

Dopo pranzo arrivano i primi dolorini del travaglio, ma ancora poco fastidiosi, come quelli del ciclo per intenderci. Così inganno l’attesa passeggiando in corridoio, andando dal mio fidanzato in sala d’attesa, poi verso le 16.30, dopo il trasloco di camera, i dolori si fanno più intensi e regolari e alle 17.30 scendo a fare il tracciato di controllo e mi tengono in sala parto, ho contrazioni ogni 2/3 minuti. 

Racconto di un parto cesareo d'urgenza dopo il tentativo di parto indotto

Chiamano il mio partner che si veste ed entra in sala parto. Nell’attesa dell’ostetrica, mi si rompono le acque, a quel punto inizia la dilatazione intensa e veloce, tanto che non riesco nemmeno a fare l’epidurale: alle 19.00 sono a 9 cm. E si cambiano le posizioni, si spinge e le fitte alle schiena fanno male da togliere il fiato, ma cerco di rimanere concentrata: l’obiettivo è troppo grande per farsi prendere dal panico.

Alle 21.00 il ginecologo viene chiamato dall’ostetrica perché il tracciato rileva un abbassamento dei battiti della bimba e così mettono la ventosa e con le spinte e l’aiutino alle 21.41, sento il pianto più bello, la mia bimba è nata e sta benone.

Mamma Margherita

gpt inread-parto-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-parto-0