Nostrofiglio.it
1 5

4th Trimester Bodies Project: la maternità più autentica

/pictures/2019/05/07/4th-trimester-bodies-project-la-maternita-piu-autentica-2173186593[734]x[307]780x325.jpeg back 4th Trimester Bodies Project | ash luna / Photo Courtesy
gpt native-top-foglia-parto
Il 4th Trimester Bodies Project è ambizioso e mira a raccontare con le immagini e le storie il volto più autentico della maternità, senza filtri

4th Trimester Bodies Project

La verità sulla maternità e la genitorialità in immagini. E' il cuore del "4th Trimester Bodies Project", una serie di scatti fotografici che Ash Luna sta scattando in giro per gli Stati Uniti con l'obiettivo di raccontare la verità sul post parto, senza filtri, senza ritocchi e lontano dallo stereotipo.  La fotografa statunitense da anni immortala momenti emozionanti e intimi, ma questo progetto ha una finalità del tutto diversa e intende essere rivelatore di un senso più profondo. Mettendo in mostra i cambiamenti che la gravidanza e il parto hanno apportato al corpo della donna, la fotografa intende interpretare in maniera realistica e cruda la bellezza femminile, con l'obiettivo di cambiare le aspettative nei confronti di se stesse e del loro corpo, nonché di cambiare ciò che gli altri pensano.

Lughi comuni sulla maternità

Come è nato 4th Trimester Bodies Project

Ash Luna racconta di avere 4 figli, di cui uno morto dopo la nascita, e di aver vissuto esperienze di gravidanza e parto particolarmente traumatiche, spiega soprattutto di aver lottato con la sensazione di ritrovarsi in un corpo strano, inaspettato, del tutto lontano dall'immagine patinata proposta dai media e dalle sue stesse aspettative.

L'idea è stata, quindi, quella di impegnarsi un progetto teso a valorizzare e rispettare il corpo della madre non per l'immagine corporea che ci si aspetterebbe da loro ma per il loro ruolo nel creare, sostenere e nutrire la vita.

A quel punto si è messa in cerca di donne desiderose di partecipare e di mostrarsi nella loro intimità con semplicità, naturalezza e orgoglio, e pronte anche a raccontare le loro esperienze di gravidanza, parto e post parto, senza filtri o tentativi di edulcorazione. Con lo scopo ultimo di abbracciare la positività del corpo, normalizzare l'allattamento al seno e i cambiamenti legati all'esperienza assolutamente straordinaria di aver dato la vita ad un altro essere umano.

Il 4th Trimester Bodies Project è stato aperto non solo a giovani neomamme, ma anche alle mamme adottive, alle nonne che fanno da madri, alle mamme che hanno avuto numerosi figli oppure hanno partorito in età avanzata.

La mission

Sul sito di 4th Trimester Bodies Project leggiamo:

gli esseri umani, e in particolare le donne, vengono giudicati troppo grossolanamente: ci si aspetta che siano facilmente classificabili nei canoni  originati dalla misoginia e basati su standard irraggiungibili. Ci viene detto continuamente che non siamo all'altezza perché siamo troppo grassi, troppo scuri, troppo rumorosi o troppo bizzarri e invece dovremmo essere orgogliosi di noi stessi indipendentemente dal modo in cui i nostri figli sono arrivati da noi. Questo progetto esiste perché è diventato un bisogno normalizzare ciò che è normale e che le nostre società hanno negato per troppo tempo.

Il progetto si è arricchito in questi anni anche con un podcast e un libro, mentre è in arrivo un secondo volume altrettanto ricco di storie, racconti e immagini della vera e più autentica maternità.

I racconti

Sul sito del progetto c'è un interessante archivio dove sono raccolte le fotografie e le testimonianze delle mamme che hanno partecipato. C'è Julia che spiega:

Diventare mamma ha cambiato la mia intera prospettiva sul corpo della donna. Sapere quanto il mio corpo sia potente al punto da poter dare la vita mi ha portato a rispettarlo di più e ad essere più gentile con me stessa. Prima della gravidanza ero molto magra ma dopo la mia pancia era così molliccia e rilassata, inoltre aver avuto un cesareo mi faceva sentire inadeguata, come se il corpo non fosse stato in grado di fare quello per cui era stato progettato. Sto lentamente accettando l'idea che molto probabilmente non tornerò più come ero prima e questo non mi fa soffrire perché i corpi sono destinati a cambiare e le donne sono giudicate con standard ridicoli: ho smesso di nascondermi. La mia cellulite, la perdita di capelli post-parto, lo stomaco cadente, la cicatrice del cesareo e le smagliature sono qui per rimanere.

Credits of Ash Luna

Informazioni

gpt inread-parto-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-parto-0