Home Parto Partorire

Parto distocico: significato, conseguenza e complicanze

di Penelope Greco - 16.04.2021 Scrivici

parto-distocico
Fonte: shutterstock
Che cos'è il parto distocico? Quali sono le cause, le conseguenze e complicanze? Vediamo cosa sappiamo di questo difficile parto

Con parto cistopico si indica un parto che non si svolge in maniera naturale e che, per essere portato a termine, richiede l'intervento dell'ostetrica, che utilizza forcipe e ventosa oppure effettua il cesareo.

Le cause possono essere:

  • difficoltà dell'utero a contrarsi (distocia dinamica)
  • disturbi dovuti alla dilatazione del canale cervicale (distocia meccanica)
  • una conformazione del bacino che rende difficile la fuoriuscita del bimbo
  • anomalie nella presentazione o posizione del piccolo
  • peso eccessivo del bambino

In questo articolo

Parto distocico e cesareo

In Italia, la distocia dinamica fa parte delle quattro indicazioni principali al taglio cesareo insieme a sofferenza fetale, presentazione podalica e pregresso taglio cesareo, rappresentando complessivamente il 70% dei tagli cesarei.

La distocia fetale può verificarsi quando il feto è

  • Troppo grande per l'apertura pelvica (sproporzione fetopelvica)
  • Posizionamento anomalo (p. es., presentazione podalica)

Sproporzione fetopelvica

La diagnosi si basa sull'esame obiettivo, sull'ecografia o sull'evidenza di una maggiore durata del travaglio. La terapia si basa sull'esecuzione di manovre manuali di riposizionamento del feto, sull'esecuzione di un parto operativo o sul taglio cesareo.

Il travaglio può continuare senza problemi se l'aumento della durata del travaglio ripristina una normale progressione e il peso del feto è inferiore ai 5 kg in donne senza diabete o 4,5 kg in donne con diabete.

Se la progressione è più lenta del previsto nella 2a fase del travaglio, si valutano le donne per determinare se sia sicuro e appropriato un parto vaginale operativo (mediante forcipe o ventosa). Tentare parto di un feto troppo grande usando un forcipe può causare dei danni.

Presentazione podalica

La 2a presentazione anomala più frequente è quella podalica

Posizione trasversa

La posizione fetale si dice trasversa quando l'asse lungo del feto è obliquo o perpendicolare anziché parallelo all'asse lungo materno. La presentazione di spalla necessita di un parto cesareo a meno che il feto non sia un 2o gemello.

Distocia di spalla

In questa condizione infrequente, la presentazione è di vertice, ma la spalla anteriore del feto diventa bloccata dietro la sinfisi pubica dopo il parto della testa fetale, impedendo il parto vaginale. La distocia di spalla si riconosce quando la testa fetale appare sul perineo, ma sembra essere tirata indietro strettamente contro il perineo 

Parto distocico: cause

Le cause del parto distocico sono riconosciute, quindi, essere specifiche anomalie che occorrono in maniera dipendente tra loro a complicare il parto eutocico (parto fisiologico):

  • distocie meccaniche cervicali determinate da un irrigidimento del collo dell'utero. Può essere dovuto ad anomalie della contrazione uterina, ad una mancata o scarsa apertura del collo uterino o ad una stenosi cicatriziale;
  • distocie dinamiche determinate da una contrattilità uterina anomala che provoca contrazioni uterine inefficaci;
  • discesa della parte presentata protratta;
  • arresto della discesa della parte presentata;
  • anomalie del bacino materno quando bacino o canale del parto presentano un diametro troppo stretto;
  • travaglio disfunzionale ipertonico;
  • travaglio protratto per oltre 12 ore con diagnosi di inerzia uterina, per esempio. In questo caso, si assiste anche ad una disidratazione della donna;
  • arresto del travaglio;
  • sproporzione cefalo-pelvica dovuta ad un'anomalia della posizione, della presentazione (podalica, per esempio), del peso eccessivo (superiore a 5 Kg) o dello sviluppo del feto;
  • fattori psicologici determinati da paura, tensione nervosa, spavento e impreparazione sull'evento del parto. Il modo di vivere il dolore da parte della donna e il suo stato emotivo.

Parto distocico: manovre

Un travaglio distocico può richiedere:

  • parto cesareo
  • manovre da parte dell'ostetrica
  • l'utilizzo di strumenti quali il forcipe o la ventosa

Manovra di Kristeller 

L'ostetrica che si trova a fianco del lettino della madre spinge con il suo avambraccio sul fondo dell'utero, ossia sulla parte più alta della pancia. La spinta deve essere impressa durante la contrazione (fase espulsiva) in direzione del canale del parto.

Manovra di McRobert 

Manovra per correggere una distocia di spalla durante il parto; consiste nella flessione delle cosce materne contro l'addome.

Manovra di Wood

Il ginecologo, dopo aver inserito una mano in vagina, ruota la spalla del feto di 180 gradi

Forcipe

È uno strumento ostetrico a forma di pinza scomponibile, inventato da Chamberlen nel 1572 a Londra. Viene utilizzato in caso di parto distocico, ma è sempre meno usato, tanto da essere sempre più sconsigliato anche dall'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), a meno di specifiche condizioni estreme e solo se usato da personale esperto.

Ventosa

La ventosa ostetrica è uno strumento ostetrico composto da un cappuccio d'acciaio o in materiale plastico monouso e un aspiratore, per creare il vuoto tra la ventosa e la testa del nascituro. Viene utilizzata per accelerare o facilitare la fuoriuscita della testa del bambino dal canale del parto. Il suo utilizzo ha soppiantato quasi del tutto l'uso del forcipe.

Parto distocico: conseguenze

Nel 2018 le linee guida dell'OMS ha definito la manovra di Kristeller come non raccomandata. Se non eseguita in maniera corretta e da un professionista esperto, la manovra di Kristeller può comportare problemi. Tra questi, inversione e rottura dell'utero, rottura di alcune costole, lesioni vaginali, lesioni perineali. E, inoltre, distacco della placenta con ipossia nel bambino durante il passaggio attraverso il canale del parto.

L'utilizzo del forcipe può avere conseguenze devastanti come paralisi degli arti e traumi della calotta cranica.

Fonti articolo: msdmanuals, OMS, Medscape

gpt inread-parto-0

articoli correlati