Home partner L'emozione di essere mamma

Le sensazioni dopo il parto

Una neomamma racconta quali sono le emozioni e le sensazioni che ha provato dopo aver partorito

Raccontare questa esperienza mi commuove ogni volta e sono sempre felice di ricordarla mentre ora guardo il mio Alessandro! Ho avuto un parto a termine, la data presunta era il 22 dicembre e proprio quella mattina è nato il mio cucciolo.

Quando ho fatto il test e l’ho visto positivo non riuscivo a credere ai miei occhi! Il mio sogno si stava realizzando! Era forse il terzo test che facevo..gli altri due erano negativi, ma quella mattina  io e il mio fidanzato Matthieu abbiamo visto le due linee…sii era positivoo!!!!

Siamo scoppiati a ridere di gioia!! Volevo avvisare tutto il mondo della splendida notizia, non riuscivo a crederci  e poi per sicurezza ho fatto l’altro test (quello che ti dice le settimane di gravidanza) e anche quello era positivo!!!!  

Penso sia stata la “notizia” più bella ed emozionante che abbia mai avuto!! La mia gravidanza è andata benissimo, mai avuto complicazioni di nessun genere, io stavo bene e il piccolo pure!!

L’ultima settimana di gestazione la sera ho iniziato ad avere mal di pancia. Tutte le sere dopo cena, avevo sintomi simili a quelli dei dolori mestruali ma niente di allarmante, anzi sembrava che il bimbo stesse bene lì nella pancia..poi il 21 sempre dopo cena ho iniziato ad avere forti dolori.
Dentro di me  era come se avvertissi qualcosa! Corriamo in ospedale. Arrivata al reparto la ginecologa mi dice che è un falso allarme, non sono dilatata e sono solo i primissimi sintomi niente di più..cosi mi rimandano a casa. 
Tornata a casa, erano le undici più o meno, mi metto a letto e lì iniziano di nuovo i dolori, questa volta ancora più forti e ancora più regolari: sono vere e proprie contrazioni da parto!! Io e Matt  ci sguardiamo e pensiamo E’ ORA!!! 

Corriamo in ospedale, i dolori sempre più fitti, così decidono di farmi un tracciato, ma questa volta mi ricoverano anche se per loro non essendo dilatata non sono ancora in procinto di far nascere il piccolo! Tracciato doloroso, da sola nella stanza perché non può entrare nessuno..finito il tracciato entra in camera la ginecologa dicendo che le contrazioni sono regolari.  Matt  mi porta la borsa dell’ospedale, sta a fianco a me mentre io sul letto mi lamento come una dannata per i dolori lancinanti.

Non sono ancora dilatata ed è circa l’una di notte. Per  facilitare un po’ le cose mi mandano a fare una doccia calda, io tremo dal freddo, sono straziata dal dolore mi appoggio a Matt urlando, sono stravolta … provo  a tornare in camera senza nessun risultato, passa un po’ di tempo e mi rimandano sotto la doccia, io sto sempre peggio … tornata in camera dopo la seconda doccia mi dicono che qualcosa si sta muovendo: piano piano mi sto dilatando.

Ricordo che sono nel letto e urlo, sono in preda ai dolori e non si calmano mai, io voglio solo Matt accanto e lui è li’ che mi stringe la mano, io provo anche ad alzarmi dal letto e  mi appoggio a lui provando un po’ di conforto!!

Passa il tempo e mi dilato sempre di più e mi addormento tra una contrazione e l’altra, finchè a un certo punto nella stanza a luce soffusa, io, il futuro papà  e l’ostetrica ci rendiamo conto che sta arrivando il momento di spingere!!!!!!!! Siiii!!!!!! Io spingo, spingo e urlo dicendo “vi prego ditemi che si vede la testa!!”  Sembro una pazza.. !!

Non vedo l’ora di avere il mio bimbo tra le braccia  anche se non sono del tutto consapevole di quello che sta accadendo, per me è solo una serie di lunghi dolori che non passano più, fino a quando non sento il mio fidanzato dirmi “dai si vede la testa “e guardando lui che rideva dalla gioia mista a stanchezza ho capito che Ale sta arrivando e io devo metterci tutto l’impegno del mondo!!  E così  dopo 5 ore di travaglio è arrivato Alessandro!!

Ho guardato il papà e rideva di gioia alla vista di quel piccolino.
La cosa più strana ma bella è che appena hanno tagliato il cordone Alessandro si è “arrampicato” per venire ad abbracciare sua madre … mi ricorderò sempre la frase dell’”ostetrica, “ehii ma che forza ha appena nato questo piccolino!” .

Spero di non aver  turbato nessuno avendo parlato dei dolori del travaglio, ma vi assicuro che dopo è passato tutto, perché appena l’ho abbracciato e l’ho guardato, mi sono sentita la persona più felice del mondo, mi sentivo una dea, una persona migliore, una donna diversa. Una mamma.  
Era la sensazione più bella e più emozionante che potessi mai provare nella mia vita!!

Avrei milioni di parole per descrivere quello che provavo a tenere il MIO bambino tra le braccia, ma nessuna parola può  rispecchiare l’emozione che avevo dentro di me!!  Mi commuovo ancora quando ci penso! E penso che quei momenti siano stati i più belli della mia vita!


gpt inread-altre-0

articoli correlati