Home partner Speciale Nivea Sun

Come proteggere la pelle dei bambini dalle scottature

di Monica De Chirico - 26.06.2013 Scrivici

nivea-kids-per-i-piu-piccoli
I bambini sono sempre in movimento e adorano stare all’aria aperta. Per questo passano anche più tempo sotto il sole. Ci sono quindi poche semplici regole da seguire per proteggere la loro pelle delicata, anche in funzione della loro età

A cura della redazione e in collaborazione della dottoressa Lidia Francesconi

I bambini sono sempre in movimento e adorano stare all’aria aperta. Per questo passano anche più tempo sotto il sole. Ci sono quindi poche semplici

regole da seguire per proteggere la loro pelle delicata

, anche in funzione della loro età.


LEGGI ANCHE:  Il comportamento corretto da tenere con i bambini in spiaggia



Innanzitutto, non bisogna dimenticare che durante il primo anno di vita

la cute del bambino è molto delicata

e particolarmente

sensibile alla disidratazione,

e per questo richiede degli accorgimenti particolari. In più, i bambini al di sotto dei 3 anni non devono essere esposti alla luce diretta del sole per periodi prolungati, e

la loro pelle va protetta con prodotti specifici.

Questo anche in vista di recenti studi, i quali dimostrano che le

scottature

prese durante i primi mesi di vita aumentano sensibilmente il rischio di sviluppare problemi permanenti alla pelle nell’età adulta. Si deve infatti ricordare che

i raggi solari arrivano anche sotto l’ombrellone

, sia diretti che riflessi dalla superficie del mare e dalla sabbia.

LEGGI ANCHE: Giochi da fare all’aria aperta

In generale è perciò preferibile portare i bimbi in spiaggia, anche i più grandicelli,

solamente nella prima metà del mattino

e

nella seconda metà del pomeriggio

, evitando quindi le ore centrali quando in raggi solari sono più intensi. È anche opportuno utilizzare

prodotti con alto fattore protettivo

, riapplicare frequentemente – soprattutto dopo i bagni - e non scordare mai di fargli indossare indumenti protettivi quali cappellino, occhiali da sole e maglietta.

Ricordiamo poi che l’esposizione solare non causa solo disidratazione cutanea, ma anche sistemica. Pertanto, quando portiamo i nostri bambini in spiaggia dobbiamo ricordarci di farli bere spesso.

Infine, al pari dell’applicazione della crema protettiva solare, è importante

applicare il doposole

dopo una giornata al mare, per reidratare la pelle e fornire sostanze lenitive che aiutano a minimizzare il rischio di insorgenza di

eritemi solari.

GUARDA IL VIDEO CON I CONSIGLI

PER PROTEGGERE LA PELLE DEI BAMBINI

gpt inread-altre-0

articoli correlati