Home La famiglia

Reframing: il nuovo modello di felicità danese

di Francesca Capriati - 24.02.2022 Scrivici

reframing-il-nuovo-modello-di-felicita-danese
Fonte: shutterstock
Reframing: il nuovo modello di felicità danese. Cosa vuol dire il reframing e come applicarlo nella vita di tutti i giorni insieme ai nostri figli

Reframing: il nuovo modello di felicità danese

Il modello danese per una genitorialità felice e consapevole torna a far parlare di sé. Vi avevamo già raccontato di cosa voglia dire essere genitori hygge, cioè avere la natura e istintiva attitudine a saper godere del tempo passato in famiglia godendo di abitudini semplici, di una casa accogliente e di momenti intimi e irrinunciabili. Ebbene arriva sempre dalla Danimarca un altro concetto importante: il reframing. Vediamo cosa vuol dire e come riuscire ad applicarlo nella vita di tutti i giorni, per provare a cambiare il nostro stile di vita che ci trasforma troppo spesso i genitori iperstressati e scontenti.

In questo articolo

Cosa vuol dire reframing

Letteralmente la parola inglese reframing significa riformulare, ristrutturare. Nella nostra vita quotidiana il reframe va applicato soprattutto agli eventi della vita, in modo da cambiare completamente l'approccio mentale con il quale affrontiamo piccoli e grandi sfide ed imprevisti.

Il metodo danese del reframing

Il metodo danese di reframing è un modo di guardare la vita in un modo più morbido, più positivo o meno limitante. È qualcosa che i danesi fanno in modo naturale e trasmettono questa abilità ai loro figli.

A far discutere del concetto di reframing in famiglia sono sempre Jessica Alexander e Iben Sandahl, gli autori del saggio "The Danish Way of Parenting" nel quale rimettono al centro l'importanza del tempo trascorso in famiglia e a casa, del gioco insieme, del tempo "accogliente".

Proprio gli autori chiariscono il concetto al magazine MotherMag con un esempio: se ti lamenti con un danese del tempo quando fuori fa freddo e piove, ti risponderà immediatamente che è contento di poter stare comodo a casa la sera. In linea di massima, quindi, se provi a far concentrare un danese su una cosa negativa lui la reinterpreterà in positivo. Una moderna attitudine a vedere il bicchiere sempre mezzo pieno invece che mezzo vuoto, insomma.

I danesi sono quelli che gli psicologi chiamano "ottimisti realistici": non negano le informazioni negative come le persone eccessivamente ottimiste, tendono ad essere brutalmente realistici riguardo alla vita, ma sono anche incredibilmente capaci di individuare angoli della realtà che non siano così oscuri, sconvolgenti o negativi.

Riformulare significa guardare la vita, metterla in una cornice più grande e trovare i dettagli meno negativi.

Come possiamo diventare genitori capaci di fare un reframe?

Innanzitutto dobbiamo cambiare non solo modo di pensare ma anche di esprimerci con il linguaggio. Scegliere le parole da pronunciare sta a noi: se istintivamente ripetiamo a noi stessi e ai nostri figli che "fuori fa freddo", "non ho forza di volontà", "non sono bravo a fare questa determinata cosa", stiamo facendo delle affermazioni sono molto precise e limitanti.

Quindi il primo sforzo da fare è modificare il nostro modo di dire le cose declinandole in positivo ("sto cercando di mangiare meglio", "sono bravo a fare questa cosa") perché in questo modo potremo effettivamente cambiare il nostro modo di vedere noi stessi e la vita, e anche gli altri.

Come si può usare il reframing con i bambini?

Il reframing con i bambini parte dal genitore che aiuta il figlio a spostare l'attenzione da quello che pensa di non poter fare a quello che possono fare. Noi genitori, quindi, abbiamo il compito di aiutarli a concentrarsi su altri dettagli della loro vita che sono meno negativi, senza, però, dire loro come si sentono. Ad esempio se nostro figlio non ama la scuola, possiamo concentrarci su cose che sappiamo che gli piacciono a scuola e portarlo a parlare di quegli aspetti. Non mettendo parole in bocca, ma conducendolo gentilmente in una direzione dalla quale possa scorgere aspetti che gli piacciono.

gpt inread-altre-0

articoli correlati