gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Nella legge Bilancio 2018 arriva il bonus nonni

/pictures/2017/11/16/nella-legge-bilancio-2018-arriva-il-bonus-nonni-1967756503[967]x[403]780x325.jpeg Shutterstock
gpt native-top-foglia-famiglia

Nella legge Bilancio 2018 spunta il bonus nonni: la possibilità di detrarre le spese sostenute per aiutare i nipoti

Bonus nonni

In Italia l'esercito dei nonni è un'ancora di salvezza per milioni di genitori: si occupano dei nipoti, vanno a prenderli a scuola, li  accompagnano a fare sport e nei compiti e aiutano economicamente i propri figli. Dati che non possono essere ignorati e che hanno spinto AP a proporre un emendamento nella nuova legge del Bilancio 2018 per inserire un vero e proprio “Bonus nonni”. Vediamo in cosa consiste e cosa accadrà se verrà approvato.

Bonus nonni, a chi spetta

Il bonus fiscale prevedrebbe una detrazione IRPEF al 19% per le spese che i nonni sostengono per sostenere economicamente i loro nipoti nelle attività sportive, nelle spese scolastiche e universitarie nell'affitto per i fuori sede. In pratica se si aiutano i nipoti pagando rette per le attività sportive o scolastiche si potranno detrarre queste spese per il 19% in sede di dichiarazione dei redditi. Più in generale la detrazione fiscale si potrà richiedere per tutte le spese sostenute per i parenti in linea retta quindi i figli e di conseguenza i nipoti e pronipoti.

Quali spese potranno essere portate in detrazione?

  • Spese per l'attività sportiva;
  • spese mediche;
  • spese assicurative;
  • spese per l'affitto per studenti fuori sede;
  • spese per l'istruzione universitaria;
  • spese scolastiche.

Cosa cambierebbe rispetto ad oggi? Attualmente i nonni che convivono con i nipoti o quelli che percepiscono assegni non risultati da provvedimenti giudiziari possono portare in detrazione le spese sostenute per aiutare i nipoti, che sono considerati familiari a carico fino a un massimo di  2840,51 euro di reddito annui.

Il nuovo emendamento inserito nella legge del Bilancio 218 eliminerebbe questi vincoli aprendo a tutti i nonni italiani che aiutano economicamente i nipoti (e i figli) la possibilità di detrarre dal proprio reddito le spese sostenute.

Sette cose che i nonni-babysitter non ti dicono

I nonni in Italia

Una recente indagine della Fondazione Senior Federanziani ha mostrato che nel nostro Paese vivono quasi 12 milioni e mezzo di nonni:

  • 1 su 3 si occupa quotidianamente dei propri nipoti;
  • 1 su 2 li accudisce una o più volte alla settimana;
  • 7 milioni di anziani aiutano i propri figli e nipoti anche economicamente per una spesa complessiva di quasi 5 miliardi e mezzo di euro ogni anno.

E in base ai dati del rapporto Assimoco-Ermeneia, nel 2016, la cifra che le famiglie italiane hanno trasferito ai giovani ammonta a 38,5 miliardi di euro.

Dati confermati anche dalla Società Italiana di Pediatria che ricorda come più del 70% dei bambini fino ai 10 anni venga regolarmente affidato ai nonni per la loro vita quotidiana e soltanto il 5% dei genitori opta invece per una baby sitter.

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0