Home La famiglia Il bimbo nella società

Gli stereotipi della genitorialità duri a morire

di Francesca Capriati - 23.02.2022 Scrivici

genitorialita-e-stereotipi
Fonte: shutterstock
Stereotipi della genitorialità: un'illustratrice disegna vignette che raccontano il modo diverso con cui guardiamo le madri e i padri. E il suo lavoro diventa virale

In questo articolo

Stereotipi sulla genitorialità

La mamma porta il cibo da fast food alla sera? E' una mamma pigra che non ha voglia di cucinare. Ma se a farlo è il papà, allora è un padre divertente. E ancora: la mamma va al supermercato con il bambino? E' una mamma ordinaria, nulla di speciale. Ma se il papà ad andare a fare la spesa col pargolo al seguito, allora è un super papà. Stereotipi sulla genitorialità duri a morire, che fanno ancora parte della nostra quotidianità e permeano profondamente le nostre mentalità.

Stereotipi che esistono ancora radicati nel 2022, nonostante ogni giorno si parli di parità di genere, di suddivisione qua dei compiti, di genitorialità condivisa. A squarciare il velo su questi pensieri ancora così diffusi è stata Mary Catherine Starr, madre, illustratrice e istruttrice di yoga, che ha realizzato e diffuso una serie di vignette intitolata "An Illustrated Guide To The Double Standards Of Parenting". Con quattro semplici esempi illustrati, Mary mostra situazioni estremamente comuni per madri e padri che, però, vengono viste dagli occhi altrui in modo molto diverso a seconda di chi compie l'azione. Mary ha pubblicato il suo lavoro su suo account Instagram ed è diventato in poche ore virale: milioni di visualizzazioni, like e condivisioni in tutto il mondo.

vignette genitorialità di Mary Catherine Starr

vignette genitorialità di Mary Catherine Starr

Fonte: photo-courtesy

Due modi diversi di vedere e di giudicare

Anche se ormai è opinione condivisa che la genitorialità appartenga ad entrambi e che sia il padre che la madre debbano occuparsi della famiglia e dei figli, il lavoro di Mary ci mette di fronte alla realtà: la società è molto più dura con le madri, e permane un doppio standard di genitorialità.

Le aspettative riposte sulle mamme sono altissime e le madri, oltre che incolpare se stesse, vengono costantemente criticate. Insomma, se i padri che si occupano dei figli senza fare nulla di straordinario vengono guardati con orgoglio e soddisfazione, alle mamme non viene data nemmeno una pacca sulla spalla!

Intervistata dall'Huff Post Mary ha spiegato di essere stanca del fatto che la società si congratuli con i padri per aver gestito doversi genitoriali basilari e si aspetti, invece, la perfezione dalle madri.

Le vignette rappresentano situazioni di vita vissuta, momenti in cui Mary si è sentita profondamente e duramente giudicata dalla società e si è detta che a suo marito ciò non sarebbe accaduto.

Una volta passeggiavo con mia figlia nel passeggino e guardavo il cellulare: un vicino mi ha apostrofato dicendo che avrei dovuto prestare attenzione a mia figlia invece che al telefono. So per certo che a mio marito non lo avrebbe mai detto.

vignette genitori di Mary Catherine Starr

vignette genitori di Mary Catherine Starr

Fonte: photo-courtesy

Un altro esempio? La gente pensa che se il bambino è malato la mamma dovrebbe prendere un permesso dal lavoro per stare a casa, mentre dai padri ci si aspetta che vadano a lavoro. E infatti ai papà non viene data la stessa flessibilità che viene concessa alle mamme. E ancora: se la mamma è fuori per un viaggio o per lavoro le viene sempre chiesto "e i bambini con chi stanno?", mentre al padre non viene mai posta questa domanda.

Mary ha chiarito che lo scopo di questi fumetti non è colpire i papà. Servono a renderci più consapevoli di come vengono visti in modo diverso mamme e papà quando fanno esattamente la stessa cosa. La speranza è che più se ne parla e prima possiamo iniziare a cambiare la narrativa.

Data la grande popolarità delle vignette, Mauro Mercatanti, fondatore e direttore creativo della società di comunicazione Ideificio, ha pensato di tradurre le didascalie delle vignette in italiano.

gpt inread-altre-0
Continua a leggere

articoli correlati