Home La famiglia Il bimbo nella società

San Silvestro spiegato ai bambini: le origini, cosa si fa e perché si chiama così

di Viola Stellati - 27.12.2022 Scrivici

san-silvestro-bambini
Fonte: shutterstock
San Silvestro spiegato ai bambini: le origini di questa festa, come mai si festeggia la notte tra il 31 e l’1 gennaio e chi era questo personaggio

In questo articolo

San Silvestro spiegato ai bambini

Tutti sappiamo che la notte tra il 31 dicembre e il 1 gennaio è quella più lunga (e divertente) dell'anno. Inoltre, siamo tutti a conoscenza che il Santo del giorno è Silvestro, ma nei fatti in pochi sappiamo perché e, soprattutto, chi era in vita questo personaggio. I nostri figli però sono creature curiose e potrebbero chiederci più informazioni su questo argomento. Per questo motivo, abbiamo deciso di rivelarvi come chiarire con loro cos'è il Capodanno e, al contempo, abbiamo anche preparato per voi una piccola guida su San Silvestro spiegato ai bambini.

Come spiegare il Capodanno ai bambini

Secondo un nota proverbio, prima bisognerebbe dedicarsi al dovere e poi al piacere, ma siccome ci stiamo occupando di feste abbiamo deciso di fare il contrario: prima di passare a San Silvestro spiegato ai bambini, vogliamo raccontarvi come rendere comprensibile ai più piccoli il significato di Capodanno.

Non ci saranno troppe difficoltà in quanto i bambini amano questa festa. Complici il fatto stanno svegli fino a tardi "come i grandi", che riescono a mangiare tantissimi dolcetti e a festeggiare con i fuochi di artificio, ma i nostri figli aspettano questa festa quasi quanto il Natale. E in fondo non possiamo biasimarli. 

Tuttavia, c'è da spiegare cosa si festeggia in questo giorno e per farlo basta raccontargli che stiamo dicendo addio al vecchio anno dando contemporaneamente il benvenuto a quello nuovo. Insomma, con l'ausilio di un calendario il Capodanno è il momento perfetto per spiegare loro come funziona il calcolo degli anni che vanno dall'1 gennaio al 31 dicembre.

A quel punto possiamo passare alle tradizioni:

  • si gettano via i vecchi oggetti come per liberarsi dei pesi inutili e lasciare spazio a un anno migliore (e magari più leggero);
  • si mangiano le lenticchie perché si dice che che portino fortuna e, soprattutto, soldi;
  • si indossa qualcosa di rosso perché è un colore positivo in quanto gli antichi romani lo utilizzavano prima delle battaglie;
  • si usano i fuochi d'artificio - anche se per il bene degli animali e dell'inquinanto sarebbe decisamente meglio non farlo - per cominciare con il botto il nuovo anno.

San Silvestro spiegato ai bambini: chi era

Oltre a Capodanno, questo momento è chiamato anche notte di San Silvestro.

Ma perché? San Silvestro spiegato ai bambini prevede che gli si racconti, prima di tutto, chi era in vita quest'uomo.

Il Santo, in realtà, era Papa Silvestro, il 33° vescovo della città di Roma e quindi un personaggio che risulterebbe importante nella storia della cristianità. Vi basti pensare che, secondo diversi racconti, è stato sotto il suo pontificato che la Roma pagana lasciò il posto a quella cristiana.

Non a caso, viene considerato da molti il "papà" della Chiesa moderna. È bene specificare, però, che i documenti storici su San Silvestro e la sua vita non lo rendono colui che fece convertire Costantino Il Grande, e quindi a far scattare la diffusione del Cristianesimo nel mondo. Nonostante questo, il suo impatto sulla storia della religione cristiana rimane comunque molto forte.

San Silvestro spiegato ai bambini: perché si festeggia proprio il 31 dicembre

Ok, ora abbiamo capito chi era, ma un San Silvestro spiegato ai bambini non può prescindere da un racconto sul perché si festeggia proprio il giorno 31 dicembre di ogni anno.

Per nostra fortuna, la risposta è molto semplice: Papa Silvestro morì a Roma il 31 dicembre del 335, e per questo motivo ogni anno viene ricordato proprio in questo giorno. Inoltre, un fatto curioso è che Silvestro è stato il primo Santo non martire della Chiesa Cristiana. Con tutte queste informazioni questo peirodo dell'anno sarà più bello che mai.

gpt inread-altre-0
Continua a leggere

Approfondimenti