Nostrofiglio.it

Pianetamamma logo pianetamamma.it

gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Safer Internet Day 2018: costruiamo tutti insieme un web più sicuro per i nostri figli

/pictures/2017/02/07/safer-internet-day-2017-telefono-azzurro-e-istituzioni-insieme-per-un-web-piu-sicuro-per-i-nostri-figli-725072599[1230]x[512]780x325.jpeg Shutterstock
gpt native-top-foglia-famiglia

In occasione del Safer Internet Day ecco i consigli per tutelare i nostri figli dai rischi della Rete e il messaggio delle istituzioni

Safer Internet Day

Il 6 febbraio si celebra in 100 Paesi in tutto il mondo il Safer Internet Day, la giornata mondiale dedicata alla sicurezza in Rete dei minori. Il messaggio di quest'anno è rivolto soprattutto agli adulti: usiamo la Rete in modo rispettoso e sicuro, per creare un Internet migliore per i nostri figli. Ecco cosa stanno facendo le istituzioni e cosa possiamo fare noi genitori per tutelare i nostri figli dai rischi di Internet

Safer Internet Day 2018, gli eventi in programma

  • Al teatro Brancaccio di Roma si tiene un evento organizzato dal Consorzio Generazioni Connesse e dal MIUR che vede la partecipazione di circa 700 studenti
  • in molte scuole italiane si terrà la seconda edizione di  “Un Nodo Blu – le scuole unite contro il bullismo”
  • Telefono Azzurro è protagonista di un importante appuntamento. Il 6 febbraio a Roma presso la Sala Polifunzionale - Presidenza del Consiglio si terrà l’evento al quale si è scelto di associare l’hashtag #SID4KIDS. Una prospettiva dal taglio istituzionale, attraverso la quale le istanze dei ragazzi e le loro riflessioni verranno accolte da esperti e stakeholder di rilievo. L’evento si inserisce nel più ampio progetto progetto “Generazioni Connesse”, coordinato dal MIUR e finanziato dalla Commissione Europea.

Safer Internet Day, Telefono Azzurro

Telefono Azzurro ha organizzato in Italia, come di consueto, una giornata dedicata alla sicurezza dei giovani (e dei giovanissimi) sul web, per allertare i ragazzi, ma anche i genitori, gli educatori e le istituzioni, spesso impreparati e non in grado di proteggere i minori dai rischi di internet.

Nella Rete ci sono dei contenuti tossici che dobbiamo affrontare con i ragazzi e questo è il motivo per cui vorremo proporre delle indicazioni concrete questo richiede un’attenzione, questo significa lavorare attentamente sulla privacy, partendo da una verifica dell’età anagrafica. Occorrono risposte immediate e congiunte a tutela dei bambini e degli adolescenti. È inoltre di primaria importanza sviluppare una regolamentazione in tema di uso del denaro e di acquisti online, incrementando la sensibilità della società civile e delle Istituzioni su questo fenomeno

ha spiegato Enrico Caffo, presidente di Telefono Azzurro.

La linea di ascolto 1.96.96 nel 2017 ha gestito circa 1 caso al giorno di problematiche riconducibili a Internet. Nel 2017 gli psicologi e gli operatori dell’associazione che da trent’anni opera a tutela dei diritti di bambini e adolescenti hanno offerto sostegno su disagi legati a Cyberbullismo 33%; Sexting 18%; Atti autolesivi e suicidio 13%; Grooming 7%, Pedopornografia online 5%, Informazioni su Internet 10%, Dipendenza da Internet 4%.

Questi i dati:

  • Cyberbullismo, pornografia e pedopornografia, adescamento, sextortion, grooming sono le situazioni di pericolo che bambini e adolescenti vivono quotidianamente durante la loro navigazione online o sui social;
  • sei adolescenti su dieci sono stati vittime di esperienze negative durante attività di streaming live;
  • per il 40% dei ragazzi Internet rappresenta luogo di minaccia e quasi il 40% ha paura del cyberbullismo;
  • il 26% degli adolescenti tra i rischi di internet teme di incontrare notizie false (fake news);
  • un terzo degli adolescenti acquista giochi online e dedica al web più di due ore al giorno, tra utilizzo della rete e gaming; nella fascia 8-11 anni lo fa oltre il 20%.
Le domande dei bambini contro il bullismo e i pericoli in rete

Quali sono i rischi del web

In questa infografica Telefono Azzurro sintetizza quali sono i rischi del web secondo i ragazzi

Inoltre nei giorni scorsi proprio Telefono Azzurro ha siglato insieme alle aziende e al Comune di Milano La Carta di Milano, un decalogo di raccomandazioni che impegnano le aziende alla collaborazione e all’attenzione per lo sviluppo di un Internet a misura di bambini e di adolescenti.

Senza adeguate misure di protezione, molti più bambini e adolescenti saranno sempre più vulnerabili ai rischi e ai danni online nel nostro paese e nel mondo e gli stessi ragazzi ne sono consapevoli, infatti 6 ragazzi su 10, tra i 12 e i 18 anni, dicono di aver vissuto un’esperienza spiacevole nello streaming live, e nonostante ciò continueranno ad usare e far entrare nella propria sfera di relazioni, device e social e con essi altri rischi online. Oggi il nostro impegno, unitamente a istituzioni, governi, aziende e società civile, dovrà essere non un impedimento alla vita "social" al contrario un'adeguata e precisa programmazione di azioni intente a rafforzare la sicurezza in rete, perché tutto possa essere usato e usufruito correttamente.

ha spiegato Ernesto Caffo.

Diventare genitori ai tempi di Internet

Parole (o)Stili

Una ricerca EU Kids Online per Parole O_Stili su rischi e opportunità di Internet per bambini e ragazzi, condotta dall’OssCom (Centro di ricerca sui media e la comunicazione) dell’Università Cattolica, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e l’ATS Parole Ostili ha fatto emergere che:

  • Il 31% degli 11-17enni dichiara di aver visto online messaggi d’odio o commenti offensivi rivolti a singoli individui o gruppi di persone, attaccati per il colore della pelle, nazionalità o religione
  • di fronte all’hate speech il sentimento più diffuso è la tristezza (52%), seguita da rabbia (36%), disprezzo (35%), vergogna (20%)
  • nel 58% dei casi gli intervistati ammettono di non aver fatto nulla per difendere le vittime.

Internet e giovani: rischi e conseguenze

Smartphone, tablet, computer, social network e giochi online sono i luoghi virtuali attraverso i quali viene veicolata la violenza, senza limiti spazio-temporali, sono i luoghi dove i nostri figli finiscono vittime di molestie da parte di adulti, di hate speech da parte di coetanei, di sexting e di cyberbullismo e sono, sempre, più spesso, tra le cause di depressione e isolamento dei nostri giovani.

Un altro fenomeno in netto aumento tra i giovani è il cosiddetto vamping, ossia lo svegliarsi di notte, almeno una volta, per controllare i messaggi sui social: il 18 per cento dichiara di farlo. Una sorta di dipendenza da social network e app di messaggistica.

Safer Internet Day, Valeria Fedeli

Il Ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli ha dichiarato

L'approvazione di una legge per il contrasto del cyberbullismo è una svolta importante. Stiamo lavorando da mesi alla sua attuazione e proprio nella stessa giornata in cui celebriamo il Safer Internet Day, avvieremo i lavori del Tavolo tecnico inter-istituzionale, insediato presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri e coordinato dal MIUR, che elaborerà un Piano di azione integrato per il contrasto e la prevenzione del cyberbullismo e realizzerà un sistema di raccolta di dati per monitorare l'evoluzione di questi fenomeni

Sport Safer Internet Day 2018

Il Miur ha lanciato un nuovo video per "Un nodo blu", la campagna per il contrasto del bullismo e cyberbullismo

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0