Home La famiglia Il bimbo nella società

Principesse Disney: è il momento di cambiare

di Francesca Capriati - 18.02.2014 Scrivici

elsa-diventa-regina-dei-ghiacci
Le nuove eroine dei cartoni Disney sono moderne, indipendenti e coraggiose, ma il modello estetico resta sempre lo stesso. Non è ora di cambiare?

Son passati i tempi di Biancaneve o Cenerentola: modelli di donne che hanno bisogno di un principe azzurro per affrancarsi da un destino crudele o patetico.

Oggi le nuove eroine se la cavano da sole, si districano in mezzo ai pericoli, sono indipendenti e alla fine tutta la storia la risolvono loro. Una bella rivoluzione per un modello femminile che era ormai obsoleto e indubbiamente non più al passo con i tempi.

Principesse Disney che somigliano alle bambine


Ma resta un nodo cruciale che ancora andrebbe sciolto: il modello estetico.
Basta dare un'occhiata ad Anna ed Elsa, le ultime due principesse Disney protagoniste del film d'animazione Frozen - il regno di ghiaccio che ha avuto un grandissimo successo nelle sale nelle scorse settimane.

Magrissime, un girovita a grissino, alte e snelle, un seno prorompente: il classico stereotipo da top model che non trova grande riscontro nella realtà delle donne normali e che resta comunque un modello estetico inarrivabile per le bambine.


Vestire come una bambola: da oggi si può


Non sarebbe giunto il momento di mandare in pensione queste principesse anoressiche e proporre un nuovo tipo estetico di eroina? Forte, indipendente, coraggiosa e magari con delle forme più realistiche.

Ad aprire il dibattito sono i media statunitensi.
Su The Guardian Anna Smith scrive: "Elsa e Anna hanno tali forme fisiche da far sembrare grassottella perfino la Barbie".

Insomma dai tempi di Ariel e di Cenerentola sembra che ben poco sia cambiato dal punto di vista estetico: queste eroine propongono sempre canoni estetici inarrivabili.

Unica eccezione, forse,

 

Merida

 

, la principessa ribelle di The Brave:  portatrice di qualche imperfezione estetica che la faceva sembrare quasi reale e normale.

 

Una scelta che trova il

 

parere favorevole

 

del pubblico?

 

Forse sì se si leggono i risultati di un

 

sondaggio

 

condotto dall'International Central Institute for Youth and Educational Television tedesco che ha chiesto a 1.055 bambini che tipo di figure femminili volessero vedere sullo schermo: sottile, proporzioni media oppure una più paffutella.

 

Il 70% delle bambine ha risposto che preferiva vedere protagoniste femminili dalle proporzioni medie.

 

gpt inread-altre-0

articoli correlati