Home La famiglia Il bimbo nella società

Insegnare l'educazione finanziaria ai bambini: come aiutarli a gestire i soldi

di Viola Stellati - 20.12.2022 Scrivici

come-insegnare-a-gestire-i-soldi-ai-bambini
Fonte: shutterstock
Tutto quello che c’è da fare per insegnare l’educazione finanziaria ai bambini in modo che possano gestire il denaro in modo consapevole

In questo articolo

Come insegnare l'educazione finanziaria ai bambini

C'è un dato piuttosto importante che vi dobbiamo necessariamente citare: secondo un'analisi eseguita da Standard and Poor's e Banca Mondiale, l'Italia è il 63esimo Paese al mondo in quanto a educazione finanziaria. Per questo motivo, e per avere un futuro migliore, è necessario insegnare l'educazione finanziaria ai bambini. Ma come fare per aiutarli a gestire l'economia e quindi imparare a utilizzare il denaro, non sprecarlo e perciò risparmiarlo?

Come educare i nostri figli a una gestione consapevole del denaro

Stando ai dati dello studio che vi abbiamo citato, in Italia esiste una sorta di analfabetismo finanziario. Per questo motivo, è molto importante insegnare l'educazione finanziaria ai bambini non appena abbiano le minime capacità per comprenderla.

La prima cosa da fare in questo senso è partire dalla classica "paghetta", una pratica ancora molto diffusa tra le famiglie italiane. Del resto, se si impara fin da subito a gestire il proprio denaro è più probabile che venga amministrato meglio anche da adulti.

Quando i bambini hanno un'età che va dai 3 ai 6 anni è consigliato insegnargli a contare le monete o le banconote di piccolo taglio. In questa fase dello sviluppo, infatti, i nostri figli generalmente possiedono un grande interesse nei confronti dei numeri.

Subito dopo è suggerito passare alla questione "paghetta", una piccola somma di denaro destinata ai più piccoli e che può avere una cadenza settimanale o mensile. Essa non è da sottovalutare, in quanto ancora oggi è un ottimo pretesto per insegnare ai bambini l'educazione finanziaria, sia in ambito familiare, sia personale.

I figli crescono e arriva il momento di iniziare a parlargli della gestione del denaro. Il rischio è che per molti bambini questo sia un argomento noioso e complesso, ma se spiegato con una narrazione stimolante e inerente all'età, i risultati potrebbero persino stupirvi.

Molti genitori tendono a ricompensare i propri figli con piccole somme di denaro a fronte di buoni risultati raggiunti come un discreto rendimento scolastico o una vittoria sportiva.

Dal nostro punto di vista è meglio evitare tale comportamento, in quanto nel corso del tempo potrebbe distorcere la visione del denaro: un bambino non deve conseguire importanti risultati solo per soldi e, inoltre, il rischio è far passare il denaro come qualcosa che si vince e non che si guadagna con l'impegno e la fatica.

Insegnare l'educazione finanziaria ai bambini: l’importanza della scuola

Secondo l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), la scuola è un canale privilegiato per veicolare iniziative, conoscenze e competenze di educazione finanziaria. Ma non solo. Essa, infatti, riveste un ruolo fondamentale in quanto consente di raggiungere una vasta fascia della popolazione e di tutti i ceti sociali e, contemporaneamente, agevola il processo di familiarizzazione dei consumatori di domani con i temi finanziari.

Per questo motivo, insegnare l'educazione finanziaria ai bambini dovrebbe essere non solo compito delle famiglie, ma anche delle scuole.

Non a caso nel nostro Paese da vari anni si discute sull'eventualità di introdurla negli istituti scolastici, ma l'opinione pubblica non è ancora compatta sul tema. Un argomento, quindi, molto sentito ma che ancora, purtroppo, non viene accolto.

In alcuni Paesi come il Portogallo e in molti Stati americani, insegnare l'educazione finanziaria ai bambini nelle scuole è già da tempo obbligatorio, una vera e propria materia scolastica.

La verità è che è fondamentale parlare di educazione finanziaria già sui banchi di scuola, ma a livello legislativo bisogna ancora chiarire meglio determinati punti e dettagliare maggiormente alcuni contenuti. Una strada aperta, ma purtroppo attualmente in salita, che potrebbe portare molti cambiamenti positivi nelle famiglie italiane.

gpt inread-altre-0
Continua a leggere

Approfondimenti