Home La famiglia Il bimbo nella società

Calo delle nascite, ecco come si incentiva la natalità

di Redazione PianetaMamma - 24.04.2014 Scrivici

mamma-e-figli-1
Dai viaggi dell'amore ai bonus, ecco come molti Paesi cercando di combattere il calo delle nascite. Che però, per qualcuno, è un falso problema

INCENTIVITI ALLA NATALITA' E CALO DELLE NASCITE

- Cala il

tasso di natalità

in gran parte del mondo. In alcuni Paesi il calo delle nascite rappresenta un problema allarmante.

Ad esempio in

Danimarca

dove il numero delle nascite è in costante calo da ben 27 anni e dove l'anno scorso sono venuti alla luce solo 55.873 bambini, un numero mai così basso dal 1986.

LEGGI ANCHE

Bonus bebè 2014, come funziona e come chiederlo

E allora fioccano le

iniziative

messe in atto per fronteggiare il problema ed incentivare la natalità.

Proprio in Danimarca è partita nei giorni scorsi una bizzarra campagna chiamata "Fallo per la Danimarca": l'agenzia di viaggi Spies Rejser ha realizzato un video nel quale ricorda alle coppie che non c'è niente di meglio di un

bel viaggio romantico

per concepire un figlio e che i danesi in vacanza fanno sesso con una frequenza maggiore del 46%. Lo dimostra il fatto che ben il 10% dei bambini viene concepito durante le

vacanze

.

E allora l'agenzia di viaggi ha ideato un'iniziativa per cui se organizzi un viaggio con pacchetto "ovulazione discount" riceverai in

premio

3 anni di pannolini gratis ed una vacanza gratuita a misura di bambino.

In una sola settimana il video ha ottenuto più di 4 milioni di visualizzazioni.

LEGGI ANCHE

Bonus bebè e Fondo di credito per i nuovi nati

Ma la Danimarca non è l'unico paese ad essersi inventato

incentivi

bizzarri per favorire la natalità. Come riporta

Il Giornale

, ad esempio, in

Corea del Sud

, dove il tasso di natalità non supera l',8,42 per mille, hanno organizzato un appuntamento al buio nella Yoido Plaza di Seul. Si sono presentati in ventimila.

Eppure sembra che per qualcuno quello del

calo delle nascite

nel mondo rappresenti un falso problema. Sul

New York Times

Michael Teitelbaum e Jay Winter spiegano che i cambiamenti demografici non hanno mai rappresentato un evento

drammatico

nella storia dell'umanità.

Un rapporto delle Nazioni Unite dell'anno scorso mostrava come la metà della popolazione mondiale vivesse in zone con un

tasso di fecondità di 2,1

. I due esperti spiegano che ciò crea un allarme nei Paesi più sviluppati dove il tasso di

natalità

è piuttosto basso e dove si ha paura che la popolazione diminuisca. Ciò però, spiegano i ricercatori, è un falso problema perchè un tasso di 2,1 significa che entrambi i genitori verranno rimpiazzati dai loro figli e che la popolazione rimarrà

costante

.

Inoltre, suggeriscono gli studiosi, la

decrescita

della popolazione ha anche aspetti positivi. Ad esempio può essere il segnale di un miglioramento della

condizione delle donne

che lavorano, sono più emancipate e scelgono quando fare figli e quanti farne.

E se la popolazione cala si possono destinare più

risorse

ad ambiti diversi da quelli legati ai neonati, ad esempio all'istruzione, il che si tradurrebbe in una maggiore produttività economica.

MAMME E BAMBINI

gpt inread-altre-0

articoli correlati