Home La famiglia Il bimbo nella società

Il bisfenolo A, dopo i biberon, sarà bandito dai contenitori per alimenti

di Barbara Leone - 12.10.2012 Scrivici

biberon_1
Aumentano in tutto il mondo le leggi per mettere al bando l'uso del bisfenolo A, considerato dannoso per la salute umana, nella produzione di prodotti per alimenti

Il Bisfenolo A è un composto organico fondamentale nella sintesi di plastiche e additivi plastici. Una volta veniva utilizzato anche per la produzione dei biberon per bambini, ma, dato che è considerato dannoso per la salute umana, il suo utilizzo è stato bandito in molti prodotti destinati all'infanzia. I primi sospetti sulla dannosità del bisfenolo risalgono addirittura agli anni '30, ma è soltanto da alcuni anni che vari governi nel mondo hanno iniziato a proporre leggi specifiche per vietarne l'uso.

Il bisfenolo è considerato responsabile di molte malattie: può ridurre la fertilità, aumentare il rischio di malattie cardiovascolari, diabete, problemi alla tiroide e della mammella e creare problemi nello sviluppo sessuale maschile nel feto.



LEGGI ANCHE: Biberon senza Bisfenolo A venduti in Italia



Dopo essere stato vietato per la produzione di biberon, adesso sarà anche bandito da tutti i contenitori per alimenti. In Francia è stata da poco approvata una legge che vieta, a partire dal 1 ° gennaio 2015, la presenza di bisfenolo A (BPA) in tutti i contenitori per alimenti. Ma già dal prossimo anno partiranno i primi divieti. Attualmente il bisfenolo viene utilizzato nella produzione di policarbonato, plastica presente in barattoli, lattine, bottiglie di acqua, contenitori per forni a microonde e contenitori per omogeneizzati per bambini.



LEGGI ANCHE: L'alimentazione del bebè mese per mese



In Belgio, a partire dal 1° gennaio 2013, entrerà in vigore la legge che vieta il BPA nei contenitori degli alimenti destinati ai bambini fino ai tre anni di età. In Danimarca è già in vigore il divieto di utilizzare il Bisfenolo A negli imballaggi per gli alimenti destinati ai bambini piccoli. Ed anche la Svezia vuole far approvare una legge simile. E mentre le aziende cercano un valido sostituto al bisfenolo, continuano ad aumentare i paesi in cui questo prodotto viene vietato.

gpt inread-altre-0

articoli correlati