Home La famiglia Il bimbo nella società

I bambini iniziano a bere alcolici a sei anni

di Redazione PianetaMamma - 13.12.2012 Scrivici

Allarmanti i dati diffusi nei giorni scorsi: il 90% degli under 14 già beve alcolici. E il primo bicchere si fa in casa con i genitori

Adolescenti e alcol

 

. Quanto il quadro sia davvero allarmante lo si evince leggendo i dati raccolti nell'ultima indagine

 

realizzata dall’Osservatorio permanente giovani e alcol (Opga), in collaborazione con la Società italiana di medicina dell’adolescenza (Sima), su un campione rappresentativo di 2.102 studenti di terza media.

 

LEGGI ANCHE: Alcol in gravidanza, poco non nuocerebbe al bambino

 

Il 90% degli intervistati dichiara di aver già avuto un approccio con le

 

bevande alcoliche

 

(LEGGI)

 

e, dato ancora più preoccupante, il 29,5% dichiara di aver bevuto per la prima volta tra i 6 e i 10 anni e l’8,2% addirittura a

 

meno di 6 anni.

 

E nelle regioni settentrionali le percentuali sono ancora più alte: 11,6% ha bevuto la sua prima bevanda alcolica  prima dei sei anni e il 35% tra i 6 e i 10 anni.

 

Ciò che fa riflettere è che la prima bevuta è avvenuta, per il 73% dei ragazzini, in casa. Quindi in un clima sereno e non particolarmente

 

trasgressivo

 

: il 59% ha fatto il suo primo sorso insieme ai genitori e il 14% con altri parenti.

 

Solo il 18,3% ha fatto la sua

 

prima bevuta

 

in compagnia dei coetanei e il 6,9% insieme ad amici più grandi.

 

Enrico Tempesta, presidente del laboratorio scientifico dell’Osservatorio giovani e alcol, non si dice particolarmente sorpreso: nella nostra

 

cultura

 

sembra quasi normale che i bambini possano bere un po' di vino a tavola insieme ai genitori.

 

LEGGI ANCHE: Feto nell'aperitivo per dire no all'alcol in gravidanza

 

Insomma, è una cosa che accade da generazioni e generazioni, ma l'esperto precisa che i tempi sono cambiati ed anche il contesto socioculturale è profondamente diverso.

 

Oggi difficilmente si riesce ad imporre dei

 

limiti (LEGGI)

 

ai ragazzi : "

 

sono venute meno molte delle strategie tradizionali di contenimento e molti fattori di moderazione e  l'inizio precoce presenta nuove valenze e nuovi rischi

 

", spiega Tempesta. Tuttavia è anche bene precisare che il contesto in cui è avvenuto il primo contatto con l'alcol ha una sua valenza per i comportamenti futuri: solo il 18,4% dei ragazzini che hanno iniziato a bere in famiglia è poi diventato un bevitore abituale, contro il 52,9% di chi ha fatto il primo sorso in compagnia degli amici.

 

Fonte:

 

Adnkronos

 

gpt inread-altre-0

articoli correlati