strip1-famiglia
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
Nostrofiglio.it

Pianetamamma logo pianetamamma.it

gpt skin_web-famiglia-0
1 5

Fino all'ultimo bambino, la nuova campagna di Save The Children

/pictures/2018/10/16/fino-all-ultimo-bambino-la-nuova-campagna-di-save-the-children-600901281[1836]x[765]780x325.png Ufficio Stampa
gpt native-top-foglia-famiglia

Fino al 14 novembre è attiva la nuova campagna solidale di Save The Children, Fino all'ultimo bambino, per combattere la malnutrizione dei bambini, con una testimonial d'eccezione, la cantante Elisa

Fino all'ultimo bambino, la campagna di Save The Children

Secondo l'ultimo rapporto diffuso da Save the Children, ogni minuto 5 bambini con meno di 5 anni muoiono nel mondo per cause legate alla malnutrizione. Si tratta di bambini che vivono in paesi colpiti da carestie e siccità, afflitti dalla povertà o dilaniati da guerre e conflitti. Bambini che non hanno libero accesso a cibo adeguato, acqua pulita e cure mediche. 

Per cercare di aiutare questi bambini e garantire loro quell'infanzia a cui avrebbero diritto, l'Organizzazione internazionale ha avviato la nuova campagna “Fino all’ultimo bambino”. Obiettivo della campagna è infatti raccogliere fondi per salvare questi bambini che soffrono di malnutrizione, garantendo loro cibo, acqua e cure mediche.

Sostenere la campagna è molto semplice: basta fare una donazione attraverso il numero solidale 45533, attivo dal 15 ottobre al 14 novembre. Si possono donare 2 euro inviando un SMS dal proprio cellulare oppure 5 o 10 euro chiamando lo stesso numero da rete fissa con Tim, Wind Tre, Fastweb, Vodafone e Tiscali. Sempre da rete fissa si possono donare 5 euro chiamando con TWT, Convergenze e PostMobile. Tutti i soldi raccolti serviranno per sostenere i progetti di Save the Children in Etiopia, India, Malawi, Mozambico, Nepal e Uganda.

La canzone di Elisa, nuova Ambasciatrice di Save The Children

Testimonial d'eccezione di questa campagna è la cantautrice Elisa, nuova Ambasciatrice di Save The Children. Per sostenere la campagna, Elisa ha messo a disposizione la sua canzone “Promettimi”, facendola diventare colonna sonora di un video realizzato dal regista Riccardo Milani. Nel video si può vedere la cantante insieme ad un gruppo di bambini che partecipano ai progetti di Save the Children.

La canzone è stata scritta da Elisa per il suo secondo figlio e fa parte del suo nuovo album. Ma l'artista l'ha concessa in anteprima all'Organizzazione, per sostenere questa campagna e tutti i progetti umanitari di Save The Children.

Nel video possiamo vedere Elisa interagire con tanti bambini e mettere in scena, insieme a loro, attraverso il gioco, la lettura, i disegni e il teatro, una fiaba scritta dal regista del video. Tutto per riuscire a portare magicamente in vita i personaggi della favola e promettere ai bambini nel mondo di difendere il loro futuro ed i loro diritti.

Queste le parole di Valerio Neri, Direttore Generale di Save the Children, sulla partecipazione di Elisa per sostenere le attività dell'Organizzazione:

Siamo estremamente felici e orgogliosi che Elisa abbia sposato pienamente la nostra missione e che da oggi sia entrata a far parte della nostra famiglia. Il video, realizzato sotto la sapiente guida del regista Riccardo Milani, e le meravigliose parole del brano di cui Elisa ci ha fatto dono prezioso sono per noi il modo più bello e più intenso per affermare e rilanciare, insieme a Elisa, il nostro comune impegno e la nostra promessa di continuare a fare di tutto per proteggere i bambini dalle tante minacce che ne mettono gravemente a rischio il futuro, tra cui la terribile piaga della malnutrizione.

Ed ha anche spiegato qual è la situazione dei bambini nel mondo:

Pensare che ogni minuto cinque bambini perdono la vita perché non riescono ad avere accesso a cibo sano, acqua potabile e cure sanitarie, è qualcosa che semplicemente non possiamo e non vogliamo accettare. Gli importanti passi avanti fatti nel corso degli anni, che dal 2000 a oggi hanno portato a ridurre da 198 a 151 milioni i bambini malnutriti cronici nel mondo, dimostrano che la malnutrizione può e deve essere sconfitta. Ma c’è ancora moltissimo da fare e occorre rimboccarsi le maniche per raggiungere l’obiettivo che il mondo si è dato di eliminare tutte le forme di malnutrizione entro il 2030.

La situazione dei bambini nel mondo

Dal rapporto di Save the Children “Lontani dagli occhi, lontani dai cuori. Fuori dalle luci dei riflettori milioni di bambini continuano a morire di malnutrizione. A casa loro” emerge che nel mondo più di 50 milioni di bambini sotto i cinque anni soffrono a causa delle gravissime ripercussioni della malnutrizione acuta. Circa 151 milioni di bambini sono invece malnutriti cronici e rischiano di subire forti ritardi nella crescita.

I 3 principali fattori che causano questa situazione di malnutrizione infantile sono i conflitti, i disastri naturali provocati dai cambiamenti climatici e la povertà. Nelle aree di conflitto come Yemen, Siria e Repubblica Democratica del Congo, più di mezzo milione di bambini sotto i 5 anni potrebbero morire entro la fine dell’anno per malnutrizione se non riceveranno urgente assistenza umanitaria. Nel Corno d'Africa sono circa 700.000 i bambini malnutriti a causa della prolungata siccità.

Cosa sta facendo Save The Children? Lo spiega sempre Valerio Neri:

Solo nel 2017, grazie ai nostri programmi di salute e nutrizione, siamo riusciti a raggiungere 33 milioni di bambini in tutto il mondo, fornendo loro semplici soluzioni salva-vita e trattamenti contro la malnutrizione, seguendo le loro mamme prima, durante e dopo la gravidanza e lavorando insieme alle comunità locali per creare le condizioni affinché ogni bambino possa crescere in salute. Continueremo ogni giorno a fare di tutto per salvare i bambini più a rischio, quelli costretti a crescere in luoghi segnati dai conflitti, dove dilaga la povertà o dove gli effetti dei cambiamenti climatici provocano siccità e carestie dannosissime, perché nessuno di loro venga più lasciato indietro e possano tornare a vivere finalmente l’infanzia che meritano.

Intervenento in maniera efficace e puntuale, molti di questi bambini possono essere salvati. Ed è per questo che la campagna di Save The Children è importante. Tutti possiamo sostenerla con poco. Aiutiamo Save The Children a dare un futuro a questi bambini.

gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0