Home La famiglia Il bimbo nella società

Con la crisi economica niente più figli

di Redazione PianetaMamma - 12.07.2013 Scrivici

i-pannolini
Uno studio mostra dati allarmanti in tutta Europa: a causa della crisi economica non si fanno più bambini

Disoccupazione, precariato, crisi e difficoltà economiche: il momento storico è difficile in molti Paesi d'Europa e questa situazione influisce pesantemente anche sul tasso di natalità complessiva.
Insomma non si fanno figli perchè non ci sono soldi (LEGGI) e non c'è lavoro.


LEGGI ANCHE: Niente dentista per i bambini, c'è la crisi


A fotografare il dato è uno studio condotto da alcuni demografi dell’istituto Max Planck di Rostock, in Germania, guidati da Michaela Kreyenfeld che hanno messo a paragone i tassi di disoccupazione con quelli di natalità in diversi paesi europei.

I risultati mostrano un collegamento molto stretto tra questi due fattori: se il tasso di disoccupazione sale dell'1% la fertilità cala dello 0,2% nella fascia di età più giovane (15-19 anni) e dello 0,1% nella fascia di età 20-24 anni.
In alcuni Paesi dell'Europa del Sud colpiti in modo molto forte dalla crisi economica, la fertilità è scesa dello 0,3% per i genitori adolescenti e dello 0,2% per quelli tra i 20 e i 24 anni.


LEGGI ANCHE: Come apparire mamme curate in tempo di crisi


Il calo si registra soprattutto tra i genitori giovani che rimandano sempre di più l'uscita dalla famiglia di origine per  l'impossibilità di rendersi indipendenti economicamente e costruire un concreto progetto di vita autonomo.
E quindi nei momenti di crisi si sono registrati cali della natalità in Grecia (dove il tasso di natalità è sceso dall'1,5 nel 2010 all'1,4 nel 2011), in Croazia, Bulgaria, Spagna e Repubblica Ceca e nei Paesi dove si stava registrando un incremento del numero di nascite, la risalita si è interrotta.

E' il caso dell'Italia (

LEGGI

) dove dal 2008 il

tasso di natalità

è fermo a 1,42 figli per ogni donna mentre negli anni precedenti si era assistito a una lenta e graduale risalita; e a fare figli nel nostro Paese sono sopratutto le donne straniere.

E il calo della fertilità va di pari passo, in tutti i Paesi presi in esame, con l'aumento del tasso di disoccupazione.

Gli studiosi commentano negativamente questi dati: la crisi influirà negativamente anche sugli

anni a venire

perchè un presente senza bambini vuol dire un futuro con un numero inferiore di adulti che lavorano e producono.

gpt inread-altre-0

articoli correlati