Home La famiglia Il bimbo nella società

Come aiutare chi è in Ucraina: i riferimenti per donare

di Francesca Capriati - 07.03.2022 Scrivici

come-aiutare-chi-e-in-ucraina
Fonte: shutterstock
Come aiutare chi è in Ucraina: dalla Croce Rossa alle associazioni no profit, ecco cosa donare e come aiutare i volontari che sono sul campo e le famiglie in fuga

Come aiutare chi è in Ucraina

Fioccano le prenotazioni in Ucraina su Airbnb. Nulla di strano: le persone, in un mondo dove la tecnologia può diventare uno strumento straordinario di generosità e coinvolgimento sociale, stanno escogitando mille modi per aiutare le persone in Ucraina inviando direttamente del denaro ai proprietari di appartamenti su Airbnb. Come spiegato dal CEO della società Brian Chesky, le commissioni per queste prenotazioni sono azzerate e saranno messi a disposizione decine di appartamenti per i profughi. E' solo l'ultimo esempio di come il mondo e la comunità internazionale si stia muovendo per sostenere i cittadini ucraini colpiti da una guerra folle e spaventosa.

A pochi giorni dall'inizio della guerra in Ucraina, un milione e mezzo di persone ha già abbandonato da un giorno all'altro le proprie case per percorrere centinaia di chilometri e trovare riparo oltre confine, in Polonia o in Ungheria. Secondo l'ONU si tratta della crisi dei rifugiati più rapida dal Dopoguerra. Ma come aiutare? Come possiamo renderci utili? Dove inviare denaro o aiuti con la certezza che verranno impiegati per aiutare i profughi?

In questo articolo

La Croce Rossa

Francesco Rocca, presidente della Croce Rossa Italiana e della federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, ha spiegato ai media che la Croce Rossa ucraina ha chiesto medicine e materiali sanitari e logistici e ci si è messi in moto immediatamente per far partire dei tir. Tuttavia Rocca consiglia di non aderire a campagne social e a raccolte spontanee, ma di accodarsi alla raccolta fondi ufficiale.

Cibo e vestiti sono difficili da smistare e distribuire, quindi la cosa migliore da fare è inviare un piccolo contributo in denaro che consentirà di acquistare ciò che serve direttamente in loco o di dare dei contati ai profughi in modo che possa comprare ciò che gli serve nell'immediato.

La Croce Rossa insieme al ministero della Salute del governo ucraino ha creato anche un conto speciale per raccogliere donazioni.

Queste le coordinate per i donatori europei:

Soggetto giuridico: URCS
Codice azienda: 00016797
Numero di conto IBAN: UA983510050000026004271658800
Nome della banca: SOCIETÀ PER AZIONI "UKRBSIBBBANK"
Banca beneficiaria (JSC "UKRBSIBBBANK"):
07205696UKRBSIBBBANK
VIA ANDRIIVSKA 2/21
KIEV, UCRAINA
Codice SWIFT: KHABUA2K
Banca intermediaria: BNP PARIBAS SA Parigi, FRANCIA
Codice SWIFT: BNPAFRPP

UNHCR

L'ONU stima che 12 milioni di persone all'interno dell'Ucraina avranno bisogno di soccorso e protezione e più di 4 milioni di rifugiati ucraini potrebbero aver bisogno di protezione e assistenza nei paesi vicini nei prossimi mesi. L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), Filippo Grandi, ha detto: "Stiamo assistendo a quella che potrebbe diventare la più grande crisi di rifugiati in Europa del secolo. Abbiamo visto un'enorme solidarietà e ospitalità da parte dei paesi vicini nell'accogliere i rifugiati, anche da parte delle comunità locali e dei privati cittadini, e sarà necessario molto più sostegno per assistere e proteggere i nuovi arrivati".

Un piano di risposta regionale per i rifugiati (RRP) per la situazione in Ucraina chiede una somma preliminare di 550,6 milioni di dollari per aiutare i rifugiati in Polonia, Repubblica Moldova, Ungheria, Romania e Slovacchia, così come in altri paesi della regione, al fine di aiutare i paesi ospitanti a fornire riparo, articoli umanitari di emergenza, assistenza in denaro, salute mentale e sostegno psicosociale a coloro che sono fuggiti dall'Ucraina, comprese le persone con bisogni specifici, come i bambini non accompagnati.

Associazioni no profit locali

In Ucraina sono a lavoro diverse associazioni no profit che operano sul campo per offrire assistenza medica e psicologica alle famiglie in fuga.

  • Voices of Children è un'associazione ucraina non profit nata per dare supporto psicologico ai minori traumatizzati dalla guerra del 2014, soprattutto nel Donbass. Da quando è iniziata la guerra i volontari di Voices of Children si stanno adoperando per portare beni di prima necessità e supporto alle famiglie in fuga. Qui il sito dell'associazione e come donare.
  • Vostok SOS è un'associazione ucraina nata nel 2014 per offrire assistenza alle vittime delle aggressioni militari nella regione orientale del paese e in Crimea. Sulla pagina Facebook scrivono: "Parte della nostra squadra difende il paese con le armi in mano, una parte è ora a Uzhgorod e qui ha già organizzato una sede provvisoria per le vittime di guerra. Qui lavoriamo su una linea telefonica diretta - fornendo informazioni sull'evacuazione\ luoghi di residenza temporanea in tutta l'Ucraina\cibo per profughi o supporto psicologico". Infine stanno organizzando tir con materiali di prima necessità. Sul loro sito tutte le info per sostenerli.

UNICEF

L'UNICEF continua a fornire assistenza salvavita per i bambini e le famiglie colpite, incluso nelle aree più difficili da raggiungere: il nostro impegno è rimanere pienamente operativi in tutta l'Ucraina, compreso a Donetsk e Luhansk, ed operare per la protezione e i diritti dei bambini, rispondendo alla duplice vulnerabilità per il conflitto e il COVID-19.

UNICEF, Croce Rossa Italiana e UNHCR hanno unito le forze avviando una raccolta fondi straordinaria per portare acqua potabile, cure sanitarie, rifugi, coperte, articoli per l'igiene, sostegno psicologico e altri aiuti di prima necessità in Ucraina. Si possono donare 2 euro mandando un SMS al 45525 (2 euro) o chiamando da rete fissa (5 o 10 euro).

Associazioni no profit

  • Save The Children è attiva nella regione del Donbass dal 2014: si può donare al fondo emergenze da qui.
  • Medici senza frontiere è pronta ad intervenire. Ha distribuito kit di assistenza per feriti di guerra a Mariupol e fornito formazione a distanza sulla cura dei traumi a 30 chirurghi dell'Ucraina orientale. Diversi team d'emergenza sono arrivati al confine polacco-ucraino da dove stanno cercando di inviare personale e forniture essenziali in Ucraina, oltre ad avviare progetti d'emergenza su entrambi i lati del confine. Diversi medici e volontari sono bloccati a Mariupol insieme alle loro famiglie e inviano ogni giorno drammatiche testimonianze. Ecco come donare.
  • Soleterre è una associazione no profit che assiste i bambini malati di cancro, fornendo medicinali e aiuto e in alcuni casi portando i piccoli pazienti in Italia. E' possibile donare direttamente sulla pagina del loro sito.
  • Ai.Bi. è un'organizzazione non governativa costituita da un movimento di famiglie adottive e affidatarie. Dal 1986 Ai.Bi. lavora ogni giorno al fianco dei bambini ospiti negli istituti di tutto il mondo per combattere l'emergenza abbandono. E' possibile donare direttamente sulla pagina dedicata.
gpt inread-altre-0

articoli correlati