Home La famiglia Il bimbo nella società

Bullismo e cyberbullismo: l'ultimo rapporto Terre des Hommes

di Redazione PianetaMamma - 07.02.2022 Scrivici

bullismo-e-cyberbullismo-2
Fonte: shutterstock
Bullismo e cyberbullismo: dal rapporto di Terre des Hommes, 1 adolescente su 2 ha subito atti di bullismo, 7 ragazzi su 10 teme il cyberbullismo

Bullismo e cyberbullismo, il rapporto di Terre des Hommes

Bullismo e cyberbullismo continuano ad essere tra le maggiori minacce per gli adolescenti, dopo le droghe e le violenze sessuali.

Dal 2018 Terre des Hommes, assieme all'associazione Kreattiva, ha dato vita al Network Indifesa, la prima rete italiana di WebRadio e giovani ambasciatori contro la discriminazione, gli stereotipi e la violenza di genere, bullismo, cyber-bullismo e sexting.

I dati raccolti dall'Osservatorio Indifesa 2021 realizzato da Terre des Hommes e OneDay, con l'aiuto di ScuolaZoo e delle sue community, che ha coinvolto quasi 2000 ragazzi e ragazze dai 14 ai 26 anni in tutta Italia, mostrano che un adolescente su due è vittima di bullismo e che 7 ragazzi su 10 non si sentono sicuri a navigare sul web. Sono le ragazze ad avere più paura, soprattutto sui social media.

Alcuni numeri evidenziano che per il 68% la minaccia più temuta è il cyberbullismo, seguito dal revenge porn (60%), il furto di identità (40,6%), lo stalking (35%).

Le principali cause di bullismo continuano ad essere per discriminazioni a causa dell'orientamento sessuale, offese razziste, bodyshaming, atti di denigrazione, violenza e incitazione al suicidio.

Un'attenzione particolare e che spaventa è il dato che mostra come l'88% dei ragazzi dichiara di sentirsi solo: una solitudine che è stata esasperata da questi  anni di pandemia. Un disagio psicologico che vede due ragazzi su dieci sentirsi soli.

Tra le cause della solitudine il 31% dice di non sentirsi ascoltato in famiglia e il 30% non si sente amato, mentre il 29,2% non frequenta luoghi di aggregazione.

Gli effetti della pandemia e i cambiamenti che questi hanno portato nella vita dei ragazzi, dall'isolamento sociale alla didattica a distanza, hanno provocato una profonda solitudine, una forte demotivazione, ansia, rabbia e paura. 

"La solitudine sta portando anche a un ripiegamento sempre maggiore nei social dove aumentano i rischi di bullismo, cyberbullismo e, per le ragazze, di Revenge porn. Finalmente la legge n. 69/2019 ha disciplinato questa fattispecie come reato, ma non possiamo abbassare la guardia sugli aspetti educativi: il Revenge porn sottintende il tradimento di un rapporto di fiducia ed è fondamentale ribadire che non possono essere ammessi atteggiamenti ambigui o colpevolizzanti nei confronti delle vittime!" afferma Paolo Ferrara Direttore Generale di Terre des Hommes.

Terre des Hommes, in collaborazione con ScuolaZoo, porta avanti l'Osservatorio indifesa, uno strumento per ascoltare la voce dei ragazzi e delle ragazze italiane su violenza di genere, discriminazioni, bullismo, cyberbullismo e sexting.

E' necessario intervenire. I ragazzi chiedono aiuto e la richiesta è quella di accedere a un supporto psicologico, per superare i momenti di difficoltà, di poter parlare con i coetanei, di partecipare a corsi di educazione all'emotività e iniziative di sensibilizzazione contro i pericoli del we. E soprattutto chiedono che i principali social network vengano coinvolti, per far sì che i loro sforzi non siano invani. 

In occasione del Safer Internet Day 2022, la giornata mondiale dedicata all'uso positivo di Internet, Terre des Hommes, Junior Achievement e OneDay invitano le scuole di tutta Italia all'evento online che si terrà il 7 Febbraio "Keep calm and stop (cyber)bullismo".

gpt inread-altre-0
Continua a leggere

articoli correlati