Home La famiglia Il bimbo nella società

Bonus bebè e altre agevolazioni: la mappa regione per regione

di Francesca Capriati - 02.03.2012 Scrivici

bebe-quanto-mi-costi
Quali agevolazioni sono previste per le famiglie dalle varie Regioni e Comuni? Ecco un elenco

Bonus bebè

, se ne parla tanto, le mamme lo chiedono e i governi che si succedono lo ripropongono o lo eliminano dalle

politiche economiche

a seconda della situazione finanziaria del Paese.

Ma indipendentemente dagli aiuti forniti alle famiglie dal governo centrale, c’è tutta una serie di agevolazioni per le famiglie che viene erogata dalle Regioni. Il sito

Nostrofiglio

ha condotto un’indagine presso le diverse realtà territoriali e ha stilato un dettagliato

elenco dei bonus

e delle diverse agevolazioni.

Vediamo nel dettaglio.

LEGGI ANCHE: Dal fondo nuovi nati ai mutui per le giovani coppie. Gli aiuti alle famiglie

In

Abruzzo

, la regione eroga contributi per le famiglie numerose e con bambini disabili. Sono attivi anche dei programmi di microcredito.

In

Basilicata

le ragazze madri possono avere acceso a dei contributi, così come i genitori dei bambini affetti da sindrome autistica (

LEGGI

). Sono previsti anche degli aiuti per le bollette di luce e gas e per l’acquisto di software per i bambini dislessici.

La

Calabria

propone dei ticket per l’acquisto dei beni primari nonché dei voucher di conciliazione per le mamme lavoratrici. In

Campania

agevolazioni per la Tarsu, per le bollette di gas ed energia elettrica, anche se per ora si tratta solo di provvedimenti al vaglio delle istituzioni e non ancora approvati.

In

Emilia Romagna

, contributi per i genitori che scelgono di restare  a casa per i primi anni di vita, buoni-spesa per i bambini celiaci, family card. In

Friuli Venezia Giulia

bonus bebè, contributo per il nido e carta famiglia. In

Lombardia

contributi per le donne in dolce attesa e per le spese dentistiche per i bambini, il comune di Milano ha confermato anche il bonus bebè pari a 500 euro mensili per mamme in difficoltà economiche che abbiano chiesto un congedo parentale di almeno sei mesi. Inoltre, sempre a

Milano

, è stato attivato il bonus per le donne che scelgono di non interrompere la gravidanza (

LEGGI

). A Pesaro, nelle

Marche

, è prevista la carta bimbi e un bonus per i pannolini ecologici. Nel

Molise

aiuti per le famiglie che hanno bambini non vedenti o ipovedenti.

LEGGI ANCHE: Aborto, la Lombardia lo combatte così

In

Sardegna

è attivo un programma di lotta alla povertà che prevede il trasferimento delle risorse regionale ai Comuni, cui spetterà la decisione di attivare fondi e bonus. In

Sicilia

, microcredito alle famiglie che non riescono ad avere accesso al credito delle banche per gestire emergenze, spese mediche e costi legati all’abitazione.

Prestiti per le famiglie a condizioni agevolate anche in

Toscana

, ma anche voucher nido e servizi per le famiglie numerose, e contributi economici per famiglie con reddito Isee fino a 23mila euro, nonché prestito d’onore fino a 5mila euro in

Umbria

. In

Trentino

, invece, la provincia di Trento offre buoni servizio per le mamme che lavorano e la provincia di Bolzano propone assistenza economica alle famiglie che vivono in difficoltà economica.

Ancora nessuna novità, invece, nella Regione

Lazio

, in

Piemonte

e in

Liguria

, mentre in

Puglia

tante proposte a sostegno delle donne lavoratrici ma ancora nessuna approvazione ufficiale. Infine in

Valle D’Aosta

e in

Veneto

bonus per le famiglie numerose.

gpt inread-altre-0

articoli correlati