Home La famiglia Il bimbo nella società

Bambina di 3 anni affidata a una coppia omosessuale

di Redazione PianetaMamma - 15.11.2013 Scrivici

genitori-omosessuali
A Bologna il Tribunale decide di affidare una bambina ad una coppia gay

Una bambina di 3 anni è stata affidata ad una coppia omosessuale.
E' accaduto a Bologna, dove il tribunale presieduto dal giudice Giuseppe Spadaro ha deciso di affidare la piccola ad una coppia di gay che lei conosce bene e che chiama zii, ma che non ha con lei nessun legame di parentela.


Essere genitori omosessuali, come crescono i figli?


La bambina potrà continuare a frequentare i suoi genitori, ma nel frattempo che le cose si sistemino in famiglia e che i suoi genitori siano in grado di garantirle benessere e serenità, lei vivrà insieme ad una coppia di omosessuali di mezza età, che fanno coppia fissa da molti anni, hanno un buon reddito e non abitano nella sua stessa città.

La notizia farà certamente discutere, anche perchè la Procura dei Minori si era espressa con parere negativo alla richiesta di affido da parte della coppia gay e probabilmente impugnerà il provvedimento del Tribunale.


In Italia, con due mamme e due papà


Il giudice Spadaro ha motivato la sua decisione spiegando che già la Corte di Cassazione si era espressa favorevolmente sancendo il diritto dei gay ad ottenere l'affidamento di un minore e ribadendo che era un mero pregiudizio che il fatto di vivere in una famiglia incentrata su una coppia omosessuale fosse dannoso per lo sviluppo del bambino. All'epoca si trattava di una bambina affidata a sua madre, che conviveva con la sua compagna.
Oggi il caso è del tutto diverso, anche perchè la bambina non ha alcun legame di parentela con la coppia a cui è stata affidata.

Eppure la

legge sull'affido

parla chiaro: il minore può essere affidato ad un'altra famiglia, sia essa composta da una coppia tradizionale, da un single, da due persone che assolvano al ruolo di genitori.

Nessun divieto

, dunque, di affidare il bambino a coppie omosessuali, anche perchè non si tratta di un'adozione ma di una soluzione temporanea finalizzata solo a tutelare il benessere del minore che prima possibile deve rientrare in famiglia.

gpt inread-altre-0