Home La famiglia Il bimbo nella società

10 cose da non fare sul web secondo la criminologa Roberta Bruzzone

di Emanuela Cerri - 07.04.2014 Scrivici

roberta-bruzzone-parla-del-lato-oscuro-del-web
Abbiamo incontrato la famosa criminologa e psicologa forense Roberta Bruzzone in un convegno sul 'lato oscuro del web' a Fantacity, Spoleto. Ecco le cose utili che ci ha detto e che sarebbe bene leggessero i ragazzi (e non solo)

Roberta Bruzzone

è una famosissima criminologa e psicologa forense che spesso e volentieri vediamo sui giornali o in tv come opinionista in vicende che riguardano i crimini più efferati della cronaca nera italiana degli ultimi tempi: da

Sarah Scazzi a Melania Rea

per fare due nomi tra tutti

.

Non solo,

Roberta Bruzzone

viene spesso chiamata in causa quando si discute di vicende legate al mondo dei giovani e giovanissimi in contesti che vanno dal

bullismo

alla vicenda delle

baby squillo

romane

.

E' proprio per questo che gli organizzatori di

Fantacity

, festival spoletino dedicato a bambini e ragazzi che si è svolto per l'ottava edizione dal 4 al 6 aprile 2014, ha visto la partecipazione della Bruzzone in un incontro rivolto agli adolescenti e intitolato

"Il lato oscuro del web".

Noi di Pianetamamma c'eravamo e, dalle parole della signora Bruzzone, abbiamo ricavato questa sorta di decalogo

da leggere e far circolare perchè, anche se a prima vista può spaventare, molto meglio

aver paura prima che rimanere (molto) scottati dopo.

LEGGI ANCHE:

Fantacity, come funziona un festival per bambini e ragazzi riuscito

1. Tutto quello che

scrivete su Internet

(sui social ma non solo) rimane lì per sempre

2. Evitate di far circolare

dati sensibili

come indirizzo, numero di telefono ma anche nome della scuola che frequentate

3. Disattivate la possibile di collegare le vostre

azioni ad un luogo

sui social (vedi Foursquare o simili)

4.

Non scambiatevi foto o video

intimi e/o compromettenti con fidanzati o amici. L'amore e l'amicizia possono finire e quello può diventare materiali con il quale 'ricattarvi' o 'sputtanarvi'

5. Se vivete una

situazione di disagio

e non vi va di parlarne con genitori o professori, e pensate che i vostri amici non possano farci niente, rivolgetevi agli sportelli di ascolto psicologico che si stanno diffondendo sempre di più nelle scuole


Programma e attività di Fantacity sul

sito ufficiale

6.

Qualsiasi foto

che pubblicate sui social e che in un primo momento può sembrarvi sexy, ammiccante o divertente, rimarrà in quel social e in un futuro, magari prima di un colloquio di lavoro, quando qualcuno vi cercherà attraverso social network o motori di ricerca, quella foto salterà fuori causandovi probabilmente problemi e disagi

7. Impedite ai vostri contatti di

taggarvi

in foto e video che non avete prima visionato e approvato

8.

Tutto quello che sul web è gratis

vedi ad esempio Facebook o i servizi di posta elettronica come Gmail, in realtà viene 'ripagato' con i tuoi dati che serviranno per pubblicità profilate etc. Niente di male, ma è bene esserne consci.

9. Sarebbe bene accettare di 'dare l'amicizia' solo a chi conoscete nella vita reale. Uno sconosciuto, che magari poi accettate anche di incontrare, potrebbe essere chiunque e potrebbe essere molto diverso da chi vi dice di essere per sesso, età etc.

10. Se succede qualcosa di spiacevole sul web

si possono fare le denunce e le pene per i reati accertati esistono e sono anche pesanti,

ma si tratta sempre di azioni successive al fatto. Quello rimane e nessuna denuncia potrà cancellare vergogna, diffamazioni e calunnie

gpt inread-altre-0

articoli correlati