Home La famiglia Diventare papà

Come rafforzare il legame papà neonato e favorire l'attaccamento

di Francesca Capriati - 09.09.2022 Scrivici

come-rafforzare-il-legame-papa-neonato
Fonte: shutterstock
Come rafforzare il legame papà neonato: consigli per favorire l'attaccamento neonato padre. Qual è il ruolo del padre nei primi mesi di vita del bambino

Come rafforzare il legame papà neonato

Quando nasce un bambino nasce una mamma, ma anche un papà! Per lui l'arrivo del piccolo è un evento davvero straordinario: la mamma ha avuto nove mesi di tempo per poter vivere il cambiamento, innanzitutto del corpo, per sentire un legame profondo con il bambino che è cresciuto dentro di lei. Il papà ha vissuto i 9 mesi con un misto di stupore, domande, sospetto e tante paure che, però, si sciolgono quando per la prima volta prende tra le braccia il suo bambino. Eppure possiamo fare alcune cose per rafforzare il legame papà neonato.

In questo articolo

Attaccamento neonato padre

La gravidanza, il parto e l'allattamento possono dare alle mamme un po' di vantaggio nel costruire un legame con il neonato. Ma i papà possono sviluppare legami molto intensi e potenti con i loro figli: potrebbe solo volerci solo un po' più di tempo rispetto a mamma.
I papà, infatti, costruiscono il legame con il loro bambino comunicando con lui, prendendosene cura e giocando.

Man mano che il bambino cresce e arrivano i sorrisi, le risate e i balbettii, inizia a svilupparsi una vera relazione tra padre e figlio. Possono essere necessari in media sei mesi per arrivare a questo punto.

C'è da ricordare sempre, in ogni caso, che anche se la Teoria dell'Attaccamento approfondisce soprattutto il rapporto tra madre e figlio nei primi mesi di vita, comunque non implica che il rapporto diadico nel quale si sviluppa la personalità del bambino sia obbligatoriamente tra una madre e un bambino.

Come favorire il legame padre-neonato

  • Inizia sin dalla gravidanza

Il legame tra papà e figlio può nascere già durante la gravidanza per poi rafforzarsi nei primi mesi di vita: a 18 settimane di gravidanza i bambini possono sentire all'interno del pancione, quindi è una buona idea parlare con lui, cantargli una ninna nanna, coccolarlo con la voce.

  • Il contatto pelle a pelle dopo la nascita

Esattamente come accade con la mamma, anche il contatto pelle a pelle con il papà è importantissimo. Il neonato ascolta la sua voce sommessa, si fa coccolare dal battito del suo cuore e dal respiro, impara l'odore della pelle del papà.

  • Il massaggio

Il papà può occuparsi di fare un massaggio al neonato usando un olio. Questa pratica favorisce la produzione di ossitocina, l'ormone della felicità, sia nel bambino che nel papà cementando il legame.

  • Il gioco

A circa sei mesi, il legame tra padre e figlio si sposta ad un altro un livello. E' il momento di giocare, ma soprattutto di fare giochi un po' spericolati e divertenti. Il solletico, rimbalzi, salti in aria: tutti giochi che stimolano il rilascio dell'ossitocina, ma anche di dopamina e beta-endorfine. Inoltre questo tipo di attività favorisce lo sviluppo della coordinazione fisica e delle abilità sociali.

Secondo una ricerca di Frontiers in Psychiatry, nei casi in cui, sin dai primi mesi di vita, anche il papà si connette emotivamente, si sente coinvolto e utile nei nuovi ritmi familiari, si manifestano evidenti benefici sia per il padre che per il bambino.

In particolare dalla ricerca emerge che un attaccamento precoce aiuta il papà a sentirsi meglio anche a distanza di tempo, ad evitare ansia e depressione, e a sentirsi utili e gratificati nel loro ruolo.

Un altro studio ha mostrato che a 3 anni i bambini che avevano vissuto un attaccamento precoce sia con il padre che con la madre avevano risultati migliori per quanto riguarda la gestione delle emozioni, con un aumento rispetto ai contributi singoli di ciascun genitore.

gpt inread-altre-0

articoli correlati