Home La famiglia Diventare mamma

Tutto parla di voi, gioie e dolori della maternità

di Barbara Leone - 10.01.2013 Scrivici

mamma-e-figli-1_4
Un progetto in rete per raccogliere le storie delle mamme sulla maternità e sui sentimenti contrastanti che questa può generare nelle donne

Tutto parla di voi

è un'estensione in rete dell'ultimo film,

Tutto parla di te

, di Alina Marazzi,  regista da sempre attenta all'universo femminile e già autrice di

Un'ora sola ti vorrei

e

Vogliamo anche le rose

, film che hanno ottenuto importanti riconoscimenti in  Italia e all’estero.

Tutto parla di te

è interpretato da

Charlotte Rampling

(

GUARDA LE FOTO

) con la giovane

Elena Radonicich

(

GUARDA LE FOTO

). Prodotto da Mir Cinematografica e Ventura film, uscirà in sala con Bim il 4 marzo 2013. Il film affronta un tema delicato e diffuso, quello della

maternità

e dei

sentimenti contrastanti

che genera nelle donne, con un approccio narrativo e stilistico che cerca di dare eco alle emozioni reali che vivono queste madri.

LEGGI ANCHE: La maternità rende più emotive?

Partendo dal tema principale del film, è nata l'idea di realizzare un

progetto sul web

per allargare la sensibilità sul tema che il film vuole porre all’attenzione pubblica attraverso un mezzo che permette di

raccogliere testimonianze, proporre storie reali, dare suggerimenti

, interconnettere realtà che operano nel campo. Creare insomma una sorta di

contenitore terapeutico online

per parlare liberamente di maternità e di genitorialità.

E' uno spazio dedicato a tutte

quelle mamme (così come ai papà) che a volte si sentono inadeguate

, incomprese e che fanno fatica a coniugare i sentimenti spesso contrastanti che regolano il rapporto con il proprio figlio.

In Italia c'è ancora un grosso

tabù riguardo alla maternità

, dovuto anche al ruolo sociale e culturale che la donna ricopre, vista sempre come la "

mamma perfetta

" e spesso relegata solo al compito dell'accudimento dei figli, quasi non ci fosse altro spazio per lei. Troppo grande è poi il

senso di colpa

che l’ accompagna quando si ritrova a sentirsi quasi

estranea davanti al proprio figlio

e la meraviglia della maternità lascia il posto alla stanchezza.

I casi di

depressione post parto

(

LEGGI

) sono in aumento di pari passo con la crisi economica, con la difficoltà di reinserimento nel mondo del lavoro e la scarsità di leggi a tutela della donna e dei figli. Quello che si vuole realizzare è un esperimento di narrazione collettiva, per

dare voce alle mamme

che già in rete hanno abbattuto il muro del silenzio e si aiutano a vicenda. La presenza di tante mamme blogger lo testimonia e dimostra che le donne quando fanno “rete” trovano le

risorse per superare le proprie crisi

, con una buona dose di coraggio, creatività e ironia.

LEGGI ANCHE: Donne pentite della maternità: quante sono?

Tutto parla di voi

vuole infatti cogliere anche gli

aspetti più autoironici della maternità

e tra le storie che raccoglierà, alcune più divertenti, altre più difficili, invita ad una riflessione più profonda sui bisogni delle donne. Il progetto, ancora in progress e che vedrà la luce nella sua forma definitiva a fine febbraio, avrà una

parte documentaristica

con diverse testimonianze ed un'

altra partecipativa

con la possibilità di uploadare direttamente le proprie storie, scegliendo il mezzo che più si preferisce, un video, una foto, un post, un tweet.

Una parte di contenuti è già visibile e rappresenta le

voci delle donne che Alina Marazzi ha raccolto

durante il lungo lavoro di ricerca per il suo film. Il progetto ha ricevuto il patrocinio dell'Osservatorio nazionale sulla salute della Donna (O.N.Da) con il quale è nata una collaborazione per l'area educational prevista all'interno del webdoc. Il webdoc è realizzato in coproduzione con RSI Radiotelevisione svizzera.

gpt inread-altre-0