Home La famiglia

Covid e minori: in aumento disagio mentale e rischio maltrattamento

di valentina vanzini - 03.05.2022 Scrivici

covid-minori
Fonte: shutterstock
Covid e minori: aumento di disagio mentale nelle famiglie italiane e maltrattamento dei minori. Questo il quadro dell'Italia secondo l'indagine Cesvi

A un anno dall'inizio della pandemia il grave trauma causato dal Covid-19 ha provocato un impatto fortissimo sulla salute mentale di tutti. Purtroppo a pagare il prezzo maggiore sono stati i bambini e gli adolescenti a causa dello stress sperimentato in famiglia e a una esposizione al maltrattamento. Questo quadro è allarmante ed è stato evidenziato dalla Fondazione Cesvi nel corso della presentazione della IV edizione dell'Indice regionale riguardo il maltrattamento all'Infanzia, moderato da Cristina Parodi, l'ambasciatrice della fondazione.

In questo articolo

Covid e minori: l'Italia divisa in due

Lo studio evidenzia un'Italia che viaggia a due velocità diverse. Al Sud è maggiore il rischio di un maltrattamento mentre i servizi sul territorio sono carenti. La regione con una maggior capacità di contrastare il fenomeno dei maltrattamenti all'infanzia risulta il Trentino-Alto Adige, troviamo poi l'Emilia-Romagna e il Friuli-Venezia Giulia

Ne risulta una graduatoria su 64 indicatori rispetto a 6 differenti capacità che creano la struttura dell'Indice:

  1. la capacità di prendersi cura di sé stessi e degli altri
  2. la capacità di condurre un'esistenza sana
  3. la capacità di vivere una vita sicura
  4. la capacità di avere conoscenza e sapere
  5. la capacità di lavorare
  6. la possibilità di accesso ai servizi

Il maltrattamento durante l'infanzia resta un problema grave nella nostra società che provoca conseguenze drammatiche. Sono molti i danni causati da trascuratezza e maltrattamento:

  • a livello fisico, con ferite e fratture
  • a livello psicologico con ansia, sbalzi d'umore e depressione
  • a livello cerebrale con ricadute linguistiche e mentali.

Le famiglie più fragili

Nelle famiglie fragili risulta aumentata la conflittualità, ma anche la violenza contro le donne e la cosiddetta "violenza assistita" che viene subita dai minori. In tanti casi la casa è il luogo maggiormente pericoloso, dunque è facilmente intuibile come i periodi del lockdown costituiscano un'aggravante di tale problematicità.

I genitori nell'ultimo anno hanno vissuto un fortissimo stress negativo a causa di:

  • paura di ammalarsi
  • minori contatti sociali
  • preoccupazioni economiche 
  • insegnamento online

Ad aggravare il quadro della situazione, il dato mostrato dall'Indice e legato l'impatto della pandemia sulla salute mentale.

In linea generale si è verificato un aumento delle richieste di un aiuto psicologico per i bambini/e e i ragazzi, con un aumento dei tentativi di suicidio, specie nella seconda ondata della pandemia. Dal 2020 sino ad oggi risultano aumentati del 30% anche i tentativi di autolesionismo da parte degli adolescenti.

Fonte articolo: Fondazione Cesvi 4° indice regionale sul maltrattamento all'infanzia in Italia con focus specifico sul Covid-19 e la salute mentale 

gpt inread-altre-0

articoli correlati