Nostrofiglio.it
1 5

Alimentazione in famiglia: ecco cosa ne pensano i genitori italiani

/pictures/2019/11/19/alimentazione-in-famiglia-ecco-cosa-ne-pensano-i-genitori-italiani-1745456007[974]x[407]780x325.jpeg Shutterstock
gpt native-top-foglia-famiglia
L'Osservatorio sul mondo famiglie Family Talks permette di fotografare le abitudini dell'alimentazione nelle famiglie italiane

Family Talks: alimentazione in famiglia

Secondo i dati dell’osservatorio Okkio alla Salute promosso dal Ministero della Salute, il 30% circa dei bambini in età scolare è in sovrappeso eppure solo il 9% delle mamme con figli 6/11 anni dichiara di avere un figlio in sovrappeso. L'alimentazione in famiglia è senza dubbio uno dei temi più caldi che interessano i genitori: tra abitudini, tendenze gastronomiche e nuove regole a tavola non c'è dubbio che quando si hanno dei bambini in casa le cose cambino drasticamente e si ponga maggiore attenzione a ciò che viene preparato a pranzo e cena. Ad interrogarsi su questo aspetto e su come i genitori italiani si rapportino al cibo e all'alimentazione è stato Family Talks, l'Osservatorio sul mondo famiglie che “dialoga” con mamme e papà con figli 0-14 anni e che per la prima volta mette a confronto le mamme con i papà su argomenti di ordine quotidiano e familiare. L'indagine ha coinvolto 2.260 donne con figli 0-14 anni e 800 uomini con figli 0-14 anni.

Alimentazione in famiglia, come cambia

I nuovi ruoli educativi ricoperti dalle mamme e dai papà moderni si esplicano anche attraverso il rapporto che hanno con il cibo e l'alimentazione:

  • si presta attenzione a ciò che si mangia,
  • si cerca di promuovere un'alimentazione sana,
  • si mangia volentieri fuori casa,
  • si preferisce consumare prodotti di qualità e garantiti.

Di sicuro le abitudini alimentari cambiano con l'arrivo dei figli. In linea di massima nei primi ani di vita dei bambini si tende a prestare grande attenzione all'acquisto di prodotti sani, di garantita provenienza, a preparare pasti sani. Dai 5 anni in poi si tende, poi, a mangiare più frequentemente fuori casa.

In particolare emerge che fino ai 5 anni dei bambini:

  • si mangiano più alimenti freschi preparati in casa
  • si segue una dieta più equilibrata
  • si ha una dieta più varia
  • si mangiano più piatti di pesce e/o verdure cucinati in casa

La merenda  e la prima colazione

Per quanto riguarda la scelta dei prodotti da proporre ai bambini a merenda e a colazione il 40% circa delle mamme pone attenzione all’eccesso di zuccheri/sali e alla presenza di conservanti/aromi nei prodotti. Inoltre il 49% delle mamme valorizza prima di tutto la possibilità offerta dai prodotti di essere consumati fuori casa: la marca ideale deve essere prima di tutto affidabile (53%) e poi con un ottimo rapporto qualità/prezzo (36%).

Mangiare fuori casa

Circa il 50% di mamme e papà mangiano fuori casa con i figli almeno una volta alla settimana. In particolare, l'indagine ha scoperto che:

  • nella fascia di età 3-5 anni i bambini e i loro genitori mangiano fuori orientandosi soprattutto nei bar, nei centri commerciali e nei panifici;
  • nella fascia di età 6-8 anni si mangia preferibilmente nei fast food come Mc Donald, Burger King e pizzerie;
  • nella fascia di età 9-11 si passa al ristorante tradizionale italiano
  • infine quando i bambini sono più grandicelli, dai 12 ai 14 anni, si mangia più speso nei ristoranti etnici a dimostrazione che le tradizioni alimentari dei paesi extra-europei hanno ingresso libero e attraggono le famiglie italiane.  

Questa tendenza emerge chiaramente anche dai quesiti posti direttamente ai genitori:

  1. In generale sei favorevole a consumare questo tipo di alimenti? Hanno risposto di sì il 59% delle mamme e il 61% dei papà;
  2. Sei favorevole a far provare/proporre cibi etnici ai bambini/ragazzi? Hanno risposto in modo affermativo il 60% delle mamme e il 63% dei papà.
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0