Home Il bambino

Vaccini: le possibili reazioni locali e generali

di Redazione PianetaMamma - 11.04.2014 Scrivici

dimmi-dove-ti-fa-male
Nei giorni immediatamente successivi alla somministrazione del vaccino possono verificarsi lievi effetti indesiderati. Vediamo quali sono e come affrontarli

VACCINI, LE REAZIONI LOCALI E GENERALI

-

Abbiamo parlato

dei tristi casi riguardanti gli eventi avversi che possono verificarsi in seguito ad una

vaccinazione

, oggi ci occuperemo degli

effetti

collaterali 'normali'

.

LIEVI EFFETTI COLLATERALI AI VACCINI

- Gli appuntamenti con le vaccinazioni obbligatorie e quelle

raccomandate

sono sempre un po' delicati sia per i bambini che per i genitori che, nei giorni immediatamente successivi alla somministrazione del vaccino, possono trovarsi a dover fronteggiare lievi effetti indesiderati. Infatti, in seguito ad una vaccinazione possono insorgere reazioni che sono generalmente di lieve entità e si risolvono in fretta senza lasciare conseguenze.

Si tratta di effetti che possono presentarsi a livello locale, ossia in prossimità della sede in cui è avvenuta la somministrazione, oppure a livello generale.

La sede in cui è stato somministrato il vaccino potrà presentarsi

gonfia, arrossata o indurita e il bambino potrà avvertire un po' di dolore

.

LEGGI ANCHE

Vaccini, un po' di zucchero e il dolore va via

A livello generale invece una reazione molto frequente è rappresentata dalla

febbre

che non di rado si accompagna a irritabilità e inappetenza. Meno frequenti, ma comunque da inserire tra le reazioni normali, sono vomito e diarrea. Come può avvenire per qualsiasi altro farmaco, anche in seguito ad un vaccino possono verificarsi delle

reazioni allergiche

, a volte anche gravi, che però sono molto rare.

Per sicurezza coloro ai quali è stato somministrato un

vaccino

devono

rimanere in osservazione per almeno mezz'ora,

proprio per tenere sotto controllo l'eventuale comparsa di reazioni allergiche.

VACCINI EFFETTI COLLATERALI, COME AFFRONTARLI - 

Le reazioni a livello

locale

, ossia l'eventuale gonfiore o arrossamento della sede della puntura, possono essere alleviate con l'applicazione di ghiaccio o di un panno intriso di acqua fredda. Questo può aiutare a ridurre l'infiammazione. Generalmente nella sede in cui è stata fatta la

puntura

si forma un piccolo nodulo non dolente che non deve destare preoccupazione perchè è destinato a scomparire spontaneamente nel giro di qualche settimana.

Per ciò che riguarda le reazioni a livello generale,

è molto importante tenere sotto controllo la febbre

che, se supera i 38° va trattata con un antifebbrile per uso pediatrico, in genere a base di paracetamolo.

LEGGI ANCHE

Dubbi sui vaccini, risponde la nostra esperta

Se queste reazioni persistono per più di due giorni nonostante questi accorgimenti, o se dovessero essere più gravi del previsto, è necessario rivolgersi al medico per verificare che non si tratti di effetti collaterali del

vaccino 

ma di sintomi riferibili ad un'altra malattia che va riconosciuta ed adeguatamente trattata.

QUANDO E' MEGLIO RINVIARE LA VACCINAZIONE

- Per prevenire il rischio che insorgano complicazioni più gravi è bene riferire al medico che somministra il vaccino tutte le informazioni di carattere sanitario che riguardano il bambino e la sua famiglia. In questo modo il medico potrà individuare i casi in cui è necessario

rinviare il vaccino oppure i casi (molto rari) in cui la vaccinazione è controindicata

. A questo proposito c'è da dire che le controindicazioni “reali” ad una vaccinazione sono espresse con chiarezza dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. In presenza di una o più fra queste evenienze è necessario rimandare o evitare la vaccinazione:

LA FEBBRE, UN POSSIBILE EFFETTO COLLATERALE DEI VACCINI

*

Malattie acute in corso

, con febbre oltre 38°C o in presenza di disturbi generali considerati importanti;

*Disordini immunitari:

in presenza di alterazioni del sistema immunitario la vaccinazione è sconsigliata. La somministrazione di vaccini preparati con microrganismi vivi attenuati, come, ad esempio, il vaccino di Sabin contro la polio, il vaccino contro il morbillo, la rosolia e la parotite può stimolare le difese dell'organismo. Si tratta infatti di vaccini che contengono virus vivi, anche se privati della capacità di causare la malattia. Le alterazioni del sistema immunitario possono essere dovute a:

- malattie congenite

che comportano la diminuzione o l'assenza degli anticorpi prodotti naturalmente;

-  riduzione delle difese immunitarie

conseguente a tumori maligni o ad altre patologie come l'infezione da virus dell'AIDS (HIV) o per terapie particolari, ad esempio somministrazione di alte dosi di farmaci contenenti cortisonici.

Un'eccezione a quanto detto è data dal vaccino contro il morbillo che, anzi, è consigliato nei soggetti con infezione da HIV nei quali contrarre la malattia comporta molti più rischi della

vaccinazione

.

LEGGI ANCHE

Le vaccinazioni facoltative

Gravi reazioni dopo la prima somministrazione:

chi ha avuto una grave reazione allergica o una malattia neurologica importante in seguito alla somministrazione di una dose di vaccino non dovrà proseguire il ciclo di quello specifico vaccino. Per questo, è molto importante riferire al medico vaccinatore eventuali reazioni avverse

Gravidanza:

in generale è opportuno rimandare le vaccinazioni con microrganismi vivi attenuati nelle donne in stato di gravidanza. Se una donna non è mai stata vaccinata contro il tetano, dovrebbe effettuare l'antitetanica nel periodo compreso tra il quarto e l'ottavo mese di gravidanza.

In ogni caso, se si hanno dei dubbi o per avere informazioni dettagliate sui vaccini ci si può rivolgere alle Asl, al medico o al pediatra di fiducia che sapranno consigliare o meno una vaccinazione dopo la valutazone del rapporto fra rischi e benefici.


di Beatrice Spinelli

I BAMBINI E I LORO PEDIATRI

gpt inread-altre-0

articoli correlati