gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
Nostrofiglio.it

Pianetamamma logo pianetamamma.it

gpt skin_web-bambino-0
1 5

L'obbligo dei seggiolini anti abbandono: cosa sapere

/pictures/2018/09/24/l-obbligo-dei-seggiolini-antiabbandono-2076173221[1218]x[507]780x325.jpeg iStock
gpt native-top-foglia-bambino

L'obbligo dei seggiolini con dispositivo anti abbandono, per i bambini fino ai 4 anni di età, diventa legge. Ma probabilmente occorrerà attendere l'estate per la sua entrata in vigore

Seggiolini con dispositivo anti abbandono

Dopo i numerosi fatti di cronaca che hanno visto genitori dimenticare letteralmente i propri figli in auto, convinti di averli lasciati all'asilo o altrove con esiti, purtroppo, drammatici, si è iniziato a ragionare sulla possibilità di rendere obbligatori i sistemi anti abbandono sui seggiolini auto.  

L'obiettivo era quello di introdurre rapidamente un seggiolino anti abbandono per tutelare i bambini più piccoli dal rischio di restare per ore nell'abitacolo di vetture chiuse. Sono stati quindi presentati dei disegni di legge e durante l'estate è stato dato un colpo d'acceleratore a un provvedimento di cui già si discuteva nella scorsa legislatura.

La Commissione Lavori pubblici del Senato ha quindi dato il via libera al disegno di legge che prevede l'obbligo di dotare i seggiolini delle auto di dispositivi che impediscano l'abbandono in auto dei bambini.  Il Senato ha approvato all'unanimità il provvedimento; nessun voto contrario e un solo astenuto. La legge probabilmente sarà operativa dall'estate prossima. 

Seggiolini: nuove norme e consigli di sicurezza a bordo

Quando entrerà in vigore la legge?

Prima che la legge entri in vigore è necessario che il ministero delle Infrastrutture emani un proprio decreto per fissare le caratteristiche tecniche dei dispositivi. Per evitare che la questione si trascini all'infinito, come leggiamo sul Il Sole24ore, il comma 3 fissa un termine di chiusura: stabilisce che l'obbligo dovrà comunque decorrere dal 1 luglio 2019. Quindi se il decreto non arriverà sarà necessaria una proroga, che non è detto sia tempestiva. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, da parte sua, ha affermato che si impegnerà a varare un decreto apposito entro sessanta giorni e avrebbe annunciato una campagna di informazione, che andrà dal 2019 al 2021, per sensibilizzare i genitori.

Come funziona il seggiolino anti abbandono?

Quelli in commercio sono concepiti più o meno allo stesso modo. All'interno del seggiolino è installato un dispositivo in grado di connettersi, via Bluetooth, al proprio smartphone tramite un'applicazione apposita. Quando si sale in macchina, smartphone e seggiolino si connettono in automatico dopo la prima installazione. I sensori di pressione intuiscono se il seggiolino è occupato oppure no. Se il bambino è a bordo, si attivano due tipi di allarmi.

  1. Il primo scatta quando il telefono si allontana di qualche metro dalla vettura. L'allarme inviato è un segnale prolungato sul telefono.
  2. Lo step successivo, qualora il bambino sia abbandonato sul seggiolino senza intervento, è l'avvio del secondo allarme: un sms ai numeri di emergenza preimpostati sull'account, con geolocalizzazione della macchina. Una variante interessante progettata da alcuni studenti toscani prevede che l'app faccia anche abbassare i finestrini quando scatta l'allarme. Un'altra variante è un allarme sonoro collegato al seggiolino che avvisa il conducente se allo spegnimento dell'auto il bambino è ancora in macchina.

Al momento non sono in molti i produttori di seggiolini auto con questi dispositivi e il costo varia dai 150 a 350 euro.

Chi dovrà utilizzarli?

I dispositivi dovranno essere utilizzati solo su veicoli guidati da conducenti residenti in Italia. L'obbligo del dispositivo scatta solo se a bordo ci sono bambini di età fino a 4 anni. Quindi chi transita solo occasionalmente sulle strade italiane non sarà costretto a mettersi in regola.

Sanzioni

Per chi non rispetterà la legge la sanzione dovrebbe essere la stessa di quella già prevista per chi non viaggia allacciato:

  • sazioni dagli 81 ai 326 euro;
  • decurtazione di 5 punti;
  • in caso di recidiva nell'arco di un biennio, la sospensione della patente da 15 giorni a due mesi.

Incentivi per l'acquisto dei nuovi seggiolini con dispositivo

I dispositivi anti abbandono comporteranno un'ulteriore spesa di entità non trascurabile. Il disegno di legge prevede la possibilità di incentivi statati per l'acquisto, ma occorrerà vedere che ci saranno gli stanziamenti nella Legge di Bilancio. Le agevolazioni quindi dovrebbero essere fruibili solo dal prossimo anno.  

Dispositivi anti abbandono in commercio

Cybex, specializzato in sicurezza in auto dei bambini, presenta il SENSORSAFE. Si tratta di una clip collegata al sistema di chiusura del seggiolino e connessa a un'applicazione per smartphone tramite Bluetooth. In caso di una possibile situazione di pericolo per il bambino, i genitori ricevono un segnare acustico e una notifica sullo smartphone. Il SENSORSAFE misura la temperatura all'interno dell'auto e avvisa se diventa troppo calda o troppo fredda. Avvisa inoltre se il bambino è solo. Inoltre invia un avviso di fare una pausa ogni tot ore.

Nuove norme di sicurezza per l'utilizzo dei seggiolini in auto

Non dimentichiamo che dal 2017 sono entrate in vigore le normative R44/04 e R129 (i-size) secondo le quali il seggiolino dovrà essere scelto, non solo in base al peso, ma soprattutto in base all’altezza. La novità principale è che fino ai 125 cm di altezza tutti i bambini dovranno viaggiare con rialzi dotati di schienale. Non più solo semplici rialzi come accadeva prima. Dai 125 cm fino ai 150 cm invece sarà possibile utilizzare i rialzi senza schienale. Come già previsto, inoltre, sopra i 150 cm il bambino deve utilizzare la cintura di sicurezza dell’automobile, ma fino ai 12 anni deve comunque viaggiare sul sedile posteriore.

gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0