Home Il bambino Trasporto e viaggi

In Campania con i bambini: alla scoperta delle isole e delle sue bellezze

di Penelope Greco - 03.06.2021 Scrivici

campania
Fonte: shutterstock
La Campania con i bambini è tutta da scoprire con le sue splendide isole e magnifiche città. Venite con noi e segnate le cose da non perdere

La Campania è perfetta per una vacanza con i bambini. Troverete spiagge splendide, natura, siti archeologici tutti da scoprire; e ancora ottimo cibo e isole meravigliose. Iniziamo però da Napoli, prima tappa da non perdere!

In questo articolo

In Campania con i bambini: Napoli

Questa città è il posto perfetto per trascorrere una vacanza con i bambini tra sole, aria di mare e la cordialità del popolo napoletano. 

Parco Nazionale del Vesuvio

Il Parco Nazionale del Vesuvio è caratterizzato da vari sentieri che conducono nei pressi della bocca del noto ed antichissimo vulcano, ormai da anni dormiente. 

Napoli sotterranea

La visita a Napoli Sotterranea è un'esperienza mistica per grandi e piccini che hanno la possibilità di entrare in contatto con la storia e con una realtà a loro sconosciuta.

Acquario di Napoli

L'acquario di Napoli risale al 1872 ed è situato nella Villa Comunale, nei pressi del lungomare. La struttura mantiene l'impianto originale, caratterizzato da 26 vasche espositive che ospitano una grande vastità di ambienti, organismi e specie che caratterizzano il golfo di Napoli. 

Zoo di Napoli

Lo zoo di Napoli è stato di recente rinnovato e sono state introdotte aree divise per habitat dove sono state immesse nuove specie sia autoctone sia esotiche. I bambini possono imparare curiosità e segreti sugli animali dello zoo e possono interagire con gli animali nella fattoria didattica. Lo zoo è stato anche costruito per avere una diversificazione botanica che i bambini potranno esplorare.

Pompei

Arrivare a Pompei da Napoli è facilissimo, ci vuole mezz'ora in Circumvesuviana, vicino alla stazione centrale, e la fermata è proprio davanti agli Scavi. Da qualche anno è stato anche creato un percorso facilitato che permette di visitare parte degli scavi anche con il passeggino.

Il 24 agosto del 79 d.C. Pompei venne completamente distrutta da un'eruzione lavica. La città venne completamente seppellita sotto uno strato di 3 m di cenere e lapilli. La catastrofe fu di proporzioni gigantesche, colpendo anche le aree circostanti di Ercolano, Stabia e Oplonti. Plinio il Giovane descrisse l'evento nei suoi scritti, ricostruendo le ultime ore di una delle vittime più illustri, ovvero il filosofo Plinio il Vecchio.

Tuttavia le particolari condizioni del terreno hanno permesso di conservare inalterate molte testimonianze del passato. La città di Pompei contava circa 20.000 abitanti. In seguito all'eruzione molte persone morirono a causa delle ceneri, dei lapilli e delle esalazioni causate dai flussi piroclastici. Si stima che persero la vita più di 2000 persone.

Il Parco archeologico di Pompei è molto vasto, circa 44 ettari, occorrono almeno 2 ore per una visita rapida ed una giornata intera per ammirarli tutti.

Al momento dell'acquisto on-line il visitatore potrà scegliere la fascia oraria di ingresso, prevista ogni 15 minuti per un massimo di 500 persone, fino alle ore 13,00. Dopo le ore 13,00 l'ingresso consentito è per un massimo 300 persone per turno. Il costo del biglietto, acquistabile online, è di 16 euro.

Gli ingressi per gli scavi di Pompei sono tre:

  • Porta Marina (via Villa dei Misteri)
  • Piazza Esedra (piazza Porta Marina Inferiore)
  • Piazza Anfiteatro (piazza Immacolata)

Il Foro

Il Foro che si trova negli scavi archeologici di Pompei è stato il centro economico, politico e religioso della città. Era il luogo in cui si svolgevano i dibattiti pubblici e le manifestazioni religiose: il vero cuore della città.

Il Tempio di Apollo

Tempio di Apollo è l'antico luogo religioso più importante e antico di Pompei. Risale al VII sec. a.C. ed era il principale luogo sacro di Pompei prima dell'avvento del culto di Giove. Il portico era formato da 48 colonne e al suo interno vi era un altare in marmo bianco, la cella in cui si trovava la statua in bronzo di Apollo.

La casa del Fauno

La Casa del Fauno era sicuramente di proprietà di una persona molto facoltosa, in quanto i ritrovamenti fanno pensare ad un complesso enorme, con stanze, ambienti e aree dedicate alle attività più disparate. È estesa per un intero isolato di oltre 3000 mq! La struttura è composta da due ampie zone comunicanti, ognuna dotata di un ingresso indipendente, collegate da una serie di botteghe concesse in affitto ai negozianti.

Orto dei Fuggiaschi

L'Orto dei Fuggiaschi è certamente la testimonianza più straziante della fine di Pompei avvenuta con l'eruzione del Vesuvio del 79 d.C. Durante gli scavi del 1961-62 e 1973-74 furono trovati i corpi di 13 vittime dell' eruzione, sorprese dalla lava e dai lapillo mentre scappavano in direzione di Porta Nocera.Uomini, donne, bambini, di uno o più gruppi familiari, asfissiati dai gas e poi lentamente ricoperti di cenere. Quelle che si vedono oggi nell'Orto dei fuggiaschi sono le perfette riproduzioni in gesso che permettono di comprendere gli ultimi istanti di vita degli antichi abitanti di Pompei.

Ischia, Capri e Procida

Ischia

Dal porto di Napoli dista un'ora e mezza di traghetto. Grandi spiagge di sabbia, acque termali, strutture ricettive perfette per i più piccoli e passeggiate adatte a tutte le esigenze.

Le spiagge

  • spiaggia dei Maronti, lunga circa 3 km e nota in tutto il mondo
  • La Chiaia, nel territorio di Forio
  • la spiaggia dei Pescatori
  • Cartaromana, la spiaggia affacciata sul bellissimo Castello Aragonese
  • spiaggia di San Montano, a Lacco Ameno, c
  • baia di Sorgeto

Tra le attività da fare a Ischia con i bambini non può mancare una visita al Castello Aragonese (servito da un ascensore comodo per chi arriva col passeggino. I più allenati potranno tentare l'ascesa al Monte Epomeo, il vulcano inattivo che rappresenta la cima più alta dell'isola (1300 metri)

Capri

Il centro storico di Capri e tutte le zone a cui si accede dalla Piazzetta non sono accessibili alle auto. Anche il centro storico di Anacapri è pedonale.

Le spiagge adatte ai più piccoli sull'isola di Capri sono tre:

  • Spiaggia di Marina Grande
  • Spiaggia di Marina Piccola
  • Bagni di Tiberio

Procida

L'isola è considerata una delle più belle e suggestive del Golfo di Napoli. L'approdo è a Marina Grande, il porto di Procida dove attraccano le navi e gli aliscafi sia dalla terraferma che da Ischia, una delle isole principali del Golfo. Il centro storico di Procida ha tra i suoi protagonisti assoluti Terra Murata, il borgo antico. Il Palazzo D'Avalos è un ex penitenziario che ora domina un promontorio proprio nel borgo di Terra Murata.  

Le spiagge:

  • Spiaggia della Sirulenza
  • Spiaggia della Chia
  • Spiaggia di Ciraccio e della Chiaiolella
gpt inread-altre-0

articoli correlati