Home Il bambino Trasporto e viaggi

Il dispositivo anti-abbandono per l’auto è ancora obbligatorio? E serve davvero?

di Elena Berti - 08.07.2022 Scrivici

dispositivo-anti-abbandono-auto-obbligo
Fonte: shutterstock
Dispositivo anti abbandono auto e obbligo, è ancora in vigore? Cosa si rischia se non si è in regola? Multe, punti sulla patente e ritiro patente

Dispositivo anti abbandono auto e obbligo

Alcune leggi sono necessarie per prevenire incidenti e situazioni potenzialmente pericolose: pensate per esempio all'obbligo della cintura di sicurezza o del casco protettivo anche in scooter. Oggi parliamo però di dispositivo anti-abbandono auto e obbligo: è ancora obbligatorio averne uno? E serve davvero?

In questo articolo

A cosa serve il dispositivo anti abbandono

Sembra impossibile, eppure non è così raro: quante volte capita di arrivare in ufficio e dirsi, ma ho lasciato mio figlio al nido/dai nonni/a scuola? Il più delle volte la risposta è sì, perché i gesti vengono compiuti in maniera automatica. Ma in alcuni casi, anche senza domanda, capita che un'amnesia dissociativa impedisca di ricordarsi che dietro, in auto, c'è un bambino, e di lasciarlo lì, magari sotto il sole estivo. È per questo che nascono i dispositivi anti-abbandono. Ma dispositivo anti-abbandono e obbligo per legge hanno davvero migliorato la situazione dei bambini abbandonati in macchina?

I dispositivi funzionano, ma forse non servono davvero

Una ricerca della Rivista di psichiatria, analizzando il perché vengano dimenticati i bambini in auto, fornisce dati interessanti sulle statistiche italiane e internazionali. Per esempio, in Italia dal 1998, cioè negli ultimi ventiquattro anni, i bambini morti perché dimenticati in macchina sono una decina. Negli Stati Uniti, dal 1998 al 2020 i casi sono stati ben 897. Certo, la popolazione è maggiore e bisogna fare le dovute proporzioni, ma quel che stupisce principalmente è la causa: mentre negli Usa i genitori, principalmente, dimenticano i bambini in auto, in Italia spesso i bambini vengono lasciati volutamente al suo interno

In particolare, una ricerca del 2013 analizza sedici casi tra il 2011 e il 2012: ben dodici di questi, cioè il 75%, erano stati lasciati intenzionalmente in auto. Per questo, nonostante la legge 117 del primo ottobre 2018 preveda, tuttora, l'obbligo di dispositivi anti-abbandono in auto per trasportare (sul seggiolino) bambini con meno di 4 anni, c'è da interrogarsi sulla loro effettiva utilità allo scopo di prevenire la dimenticanza del figlio in auto.

Multe e sanzioni per chi viaggia senza dispositivo anti-abbandono

Chi è fermato a guidare con un bambino di meno di 4 anni in auto, senza il dispositivo anti-abbandono, rischia una multa fino a oltre 300 euro, oltre alla decurtazione di ben 5 punti dalla patente. Se si reitera, si può incorrere nella sospensione della patente fino a 15 giorni.

Il dispositivo anti-abbandono rasserena i genitori

Ma in una società sempre di corsa, in cui i genitori non hanno mai un momento di tregua, il dispositivo anti-abbandono diventa uno strumento utile per avere una preoccupazione in meno: se a un certo punto della mattinata arriva la fatidica domanda, avrò lasciato mio figlio al nido?, un dispositivo permette di poter rispondere serenamente. Per questo il suo utilizzo è, oltre che utile per la prevenzione nei casi - seppur apparentemente rari - di amnesia dissociativa, importante per rasserenare i genitori sempre di corsa. A ogni modo, anche un solo bambino salvato grazie al dispositivo anti-abbandono è un successo. 

Come scegliere il dispositivo anti-abbandono

Ma come si fa per scegliere il dispositivo anti-abbandono? È bene affidarsi a marche note e con buone recensioni e non lesinare sul prezzo, che non è elevatissimo. Tra le caratteristiche che deve avere troviamo: 

  • la capacità di attivarsi da solo ogni volta, senza che nessuno debba fare niente
  • la capacità di inviare segnali visivi, acustici o di altro tempo al conducente, che siano percepibili sia all'interno che all'esterno del veicolo
  • la capacità di inviare una comunicazione a un telefono o altro dispositivo connesso
  • un'alimentazione a batteria, con notifiche al conducente qualora fosse scarica
  • l'attivazione, con comunicazione immediata, non appena si inizia a usare

Riguardo all'acquisto, esistono dispositivi da integrare a seggiolini già esistenti, e seggiolini che lo prevedono già integrato. 

Se avete già un seggiolino e volete comprare solo il dispositivo, Chicco ne ha uno molto economico che trovate su Amazon, ma di ottima qualità: 

Oppure, sempre conforme alla legge e molto amato dai genitori, il dispositivo Tippy:

Entrambi sono da posizionare sotto il seggiolino.

Il dispositivo anti-abbandono auto è ancora obbligatorio per tutte le vetture che trasportano bambini con meno di 4 anni.

Non averlo prevede una multa e 5 punti in meno sulla patente. Anche se i casi di bambini dimenticati in auto in Italia sono molto pochi, è meglio che siano zero: inoltre il dispositivo aiuta i genitori a sentirsi più sereni, perciò non c'è nessun motivo per non averlo. 

gpt inread-altre-0

articoli correlati