gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Perché Fabio Rovazzi piace tanto ai bambini?

/pictures/2018/01/22/il-successo-di-fabio-rovazzi-2250997624[3905]x[1625]780x325.jpeg Ufficio Stampa
gpt native-top-foglia-bambino

Una mamma in Redazione si è chiesta quale sia il motivo del successo di Fabio Rovazzi tra i bambini. Ecco le risposte di alcuni esperti di comunicazione e musica

Il successo di Fabio Rovazzi tra i bambini

"Il mio cane va in vacanza e mi ha voluto abbandonare, oh mi fa volare". Ero in cucina quando mia figlia Paola, 4 anni e mezzo, ha iniziato a cantare la canzone di Fabio Rovazzi. "E c'è anche Gianni Morandi!” ha poi commentato. Mi sentivo ancora sconvolta dal fatto che sapesse chi fosse l’"Eterno ragazzo”, quando ha sentenziato: "Rovazzi è comunque il mio cantante preferito”.

"Io non sono un cantante, non ho mai voluto esserlo, non è mai stato il mio sogno” ha dichiarato il baffetto da Lambrate in una delle sue interviste. Effettivamente le doti canore non sono dalla sua parte, ma il fatto che sia riuscito a diventare un fenomeno da milioni e milioni di visualizzazioni su YouTube non mi pare che sia frutto del caso. Molto del suo pubblico è composto però da giovanissimi, persino da bambini come la mia.

Il Vegetale, la Recensione

Mi sono chiesta come mai e la risposta mi è arrivata dall'edicola vicino casa. Chiedendo il solito giornale ho visto che il settimanale Topolino gli ha infatti dedicato la copertina. Sulle pagine del famosissimo fumetto è Paperazzi, un papero notissimo alle prese con gli aspetti del successo tra selfie e minestroni indigesti serviti da Nonna Papera. "Ecco" - ho pensato - "Rovazzi è già oltre" . Oltre a cosa? A quello che i latini chiamavano il limen, ovvero la soglia: quel confine che da Youtuber assai noto - aggettivo riduttivo visto i suoi numeri - lo ha fatto diventare un culto.

Non si tratta più "solo" di musica e di brani più noti della Regina Elisabetta, ma di un vero e proprio fenomeno della cultura popolare. Se insomma diventi un papero o un topo e disegnano una storia con te protagonista allora sei a tutti gli effetti un'icona, uno che è presente nell'immaginario. In parole povere: sei così importante che il modo migliore per riconoscerlo è crearti un alter-ego con il becco.

Me l'ha confermato Francesca Agrati, Senior Editor di Topolino, che è l’autrice assieme ad Alessandro Perina di tre tavole autoconclusive con Rovazzi/Paperazzi realizzate partendo dall’intervista che il ragazzo ha realizzato in occasione dell’uscita del suo primo film, Il Vegetale, nelle sale dal 18 di gennaio.

Abbiamo degli artisti bravissimi che sanno fare questo tipo di disegni, che sono poi delle specie di caricature. Nel caso di Rovazzi si è partiti da quelle caratteristiche che lo rendono riconoscibile; per Fabio si è trattato dei baffi e pettinatura

Anche Daniela Cardini, Docente di Teoria e tecnica del linguaggio televisivo allo IULM sostiene che uno dei motivi per cui piace tanto ai bambini sia proprio la sua fisicità.

Rovazzi unisce in sé le caratteristiche del ragazzino e del vecchio - fisico molto asciutto e quasi asessuato, faccia da adolescente ma con i baffi da adulto - sembra un cartone animato. Unito poi alle sue canzoni dai testi semplici e dalla musica molto ritmata, l’aspetto fisico costruisce un personaggio che può piacere moltissimo ai bambini. I suoi video infatti giocano molto su questi elementi

Cosa lo fa amare più di Fedez o Gabbani, altri idoli dei piccoli? “In realtà” - dice la Professoressa Cardini - “hanno qualcosa in comune: una caratteristica fisica particolare (il corpo iper tatuato di Fedez lo rende un personaggio irreale), un aspetto fisico a metà tra l’adulto e il bambino (il viso di Fedez da preadolescente appoggiato su un corpo totalmente disegnato); un particolare strano della performance (la gestualità grottesca di Rovazzi, la scimmia di Gabbani). Anche Gabbani, a ben pensare, ha un aspetto fisico particolare: un bel ragazzo con la faccia di un attore degli anni Cinquanta”.

Rovazzi uno di noi quindi? Siccome non mi è ancora chiaro che cosa spinga i bambini dell’asilo a cantare “Col trattore in tangenziale andiamo a comandare?” ho chiesto numi a Gianni Sibilla, Direttore didattico del Master in Comunicazione Musicale dell'Università Cattolica di Milano e caporedattore di rockol.it,

Funziona perché fa dei tormentoni nati e fa dei video, usa un linguaggio accessibile, viralizzabile, di contenuti che si trovano sui social. Tutto questo meccanismo fa presa facilmente

Mi viene da chiedere se i suoi video possono avere dei diversi livelli di lettura, dei significati o citazioni che solo chi è dentro al mondo dei social può cogliere (e che io nella mia ignoranza ho sempre fatto fatica a vedere).

Sì e no. Rovazzi punta a intrattenere il pubblico in maniera dritta, non gioca come Gabbani e Occidentali’s Karma, che è una canzone divertente ma con dei riferimenti molto alti che si possono cogliere o non cogliere - dice Gianni Sibilla

Secondo me molto del successo è dovuto al fatto che le sue canzoni siano quasi un inno, oggi che i bambini non hanno più le sigle dei cartoni animati da cantare - aggiunge Francesca Agrati.

Rovazzi ha sostituito Cristina D’Avena nei cuori dei bambini? Probabilmente sì e anche questo è sintomo del fatto che una delle caratteristiche del culto “rovazziano”- come dicevamo prima - è il produrre tormentoni e l’affidarsi anche a riferimenti consolidati (Gianni Morandi per esempio).

Tronfia della mia vittoria sociologica sul perché Rovazzi sia l’idolo dei piccoli, sono andata da Paola e lo chiesto: “Ma perché ti piace?”. Lei mi ha guardato come se le avessi domandato come si chiama e ha detto: “Mamma, perché sì”. I bambini: questi straordinari geni.

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0