Home Il bambino Sviluppo e crescita

Quando imparano a stare seduti i neonati e come aiutarli a farlo

di Viola Stellati - 17.11.2022 Scrivici

neonati-seduti-quando
Fonte: shutterstock
Qual è l’età giusta in cui stanno seduti i neonati? Ecco tutto quello che c’è da sapere e quando, eventualmente, preoccuparsi se non lo fanno

Quando stanno seduti i neonati?

Tuo figlio è finalmente venuto al mondo, ma ora sei impaziente di capire quando imparerà a fare tantissime cose e quando diventerà autonomo. È un desiderio normalissimo, ma alle volte ci porta a bruciare alcune tappe. Diverse mamme, infatti, vogliono insegnare sin da subito a far stare seduti i neonati. Ma imparano da soli? Possiamo aiutarli? E qual è il momento giusto per farlo?

In questo articolo

A che età stanno seduti i neonati

Ve la diamo subito la risposta: i nuovi venuti al mondo imparano a stare seduti in modo indipendente tra i 4 e i 7 mesi di vita. In alcuni casi anche a 9 mesi.

Questo è un periodo, infatti, in cui il loro peso raddoppia e in cui acquisiscono esperienze che giorno dopo giorno li rendono più competenti e autonomi.

Vedere seduti i neonati è una conquista in primis per loro, ma in qualche maniera anche per i genitori. Tuttavia, questo può accadere solo quando i muscoli della schiena e del collo sono sufficientemente robusti per poter sostenere il peso della testa e, allo stesso tempo, poter iniziare a controllare i movimenti della colonna vertebrale.

Durante i primi periodi sarà normalissimo per loro utilizzare le mani per evitare di cadere, progressivamente impareranno a fare a meno delle braccia, poi riusciranno persino a piegarsi, fino ad abituarsi a stare seduti senza l'ausilio degli arti superiori.

Come insegnare ai bambini a stare seduti

C'è una cosa che dovete sapere sin da subito: non dovete forzare e nemmeno insistere per far star seduti i neonati. Questa, infatti, è un'abilità che loro acquisiscono autonomamente e che iniziano a utilizzare solo nel momento in cui raggiungono il pieno controllo su questo movimento.

La tonicità dei muscoli del collo e del tronco migliora di giorno in giorno, fino a coinvolgere la parte bassa della schiena che gli permetterà prima di sedersi, e poi di mettersi in piedi.

Una delle cose per cui dobbiamo farci trovare pronti è che dal momento in cui inizieranno a stare seduti da soli, dovremmo necessariamente prestare maggiore attenzione alla loro postura.

Come aiutare a stare seduti i neonati

Fermo restando che non vanno assolutamente forzati, quello che possiamo attuare per aiutare a far stare seduti i neonati è fare in modo che rafforzino la muscolatura della schiena con alcuni semplici esercizi:

  • porli a pancia in giù su un tappeto e incoraggiarli a girarsi da soli grazie all'uso di un giocattolo oppure facendogli il solletico;
  • farli sedere sulle ginocchia, tenergli la schiena e poi lasciarli per qualche secondo;
  • una volta seduti, ma con sostegno, mettergli piccoli oggetti intorno in modo che provino a prenderli per poi tornare alla posizione iniziale;
  • metterli a sedere sul seggiolone per mangiare, oppure su un divano protetto dai cuscini.

Va ricordato, tuttavia, che non è necessario fare tutto questo prima dei 4-7 mesi.

Cosa fare se il bambino non sta seduto

Se il bambino non è in grado di stare seduto senza supporto entro i 9 mesi, è il caso di rivolgersi al proprio pediatra che valuterà il suo sviluppo psicomotorio per capire se preoccuparsi o meno.

La Center of Disease Control and Prevention, insieme a tanti altri esperti del settore, ha individuato i campanelli d'allarme di uno sviluppo inadeguato. Cìò vuol dire che il controllo del medico è necessario se il neonato a 9 mesi:

  • non riesce a stare seduto nemmeno se aiutato;
  • non lalla;
  • non risponde se viene chiamato con il proprio nome;
  • non distingue i familiari dagli estranei;
  • non guarda un punto o l'oggetto che gli viene indicato;
  • non riesce a manipolare gli oggetti correttamente;
  • non è in grado di passare un gioco da una mano all'altra.
gpt inread-altre-0
Continua a leggere

articoli correlati