Home Il bambino Sviluppo e crescita

I bambini secondo Piaget: piccoli scienziati alla scoperta del mondo

di Parlare con i bambini - 11.10.2013 Scrivici

evitare-di-prendere-sempre-le-loro-difese
Proprio partendo dall'osservazione dei suoi tre figli, Jean Piaget, pedagogista ed epistemologo svizzero, ha influenzato il nostro modo di pensare i nostri figli e di crescerli. Uno dei suoi contributi più apprezzati è stato quello di darci una nuova visione del bambino che cresce e impara

Piaget, stadi evolutivi del bambino

Chi ha un bambino, e chi lo è stato, ha delle idee più o meno chiare di cosa voglia dire esserlo. Che cosa lo interessi, che cosa gli fa bene, come gli piace imparare. Uno dei motivi di contrasto tra le generazioni e di confronto – e a volte sconforto- tra i genitori è proprio la differenza tra convinzioni. Non sono tutte uguali (forse menomale) e bambini e genitori nell'imperfezione sopravvivono, si scoprono e crescono.


10 modi per crescere bambini liberi e felici


Proprio partendo dall'osservazione dei suoi tre figli, Jean Piaget, pedagogista ed epistemologo svizzero, ha influenzato il nostro modo di pensare i bambini e di crescerli. Uno dei suoi contributi più apprezzati è stato quello di darci una nuova visione del bambino che cresce e impara: da una visione quantitativa, in cui si pensava che le conoscenze si andassero accrescendo numericamente nel tempo, si è così passati ad una visione qualitativa, secondo la quale con la crescita cambia il modo di guardare alla realtà esterna. Come dire che i bambini non sono meno intelligenti degli adulti o dei bambini più grandi, ma lo sono in modo diverso. Una scoperta che Albert Einstein definì "così semplice che solo un genio poteva pensarla."

I bambini, inoltre, non imparano come 'osservatori', ma come 'scienziati': sono curiosi e vanno alla scoperta del mondo in modo attivo, formulando ipotesi (schemi), che possono poi essere rafforzarti (assimilazione) o messi in discussione, attraverso la rielaborazione di quanto già appreso.

In questa prospettiva, “lo sviluppo mentale è una costruzione continua, paragonabile a quella di un vasto edificio che ad ogni aggiunta diventa più solido, o piuttosto alla messa a punto di un delicato meccanismo”.


Sviluppare l'autostima attraverso la conoscenza di sé e degli altri


Secondo Piaget, ci sono quattro stadi principali attraverso cui si sviluppa il pensiero:

•    Stadio Senso-Motorio: in questa fase, i bambini elaborano le conoscenze attraverso l'esplorazione sensibile.
•    Stadio Preoperatorio: i bambini imparano molto attraverso il gioco di ruolo, però non si è ancora affermata la capacità di vedere le cose dal punto di vista dell'altro
•    Stadio delle Operazioni Concrete: i bambini iniziano a pensare in modo più logico, anche se spesso il loro pensiero tende ad essere molto rigido e non riescono ancora ad operare con concetti astratti e ipotetici.
•    Stadio delle Operazioni Formali: giunti allo stadio finale, si osservano un aumento della capacità logica, l'abilità di usare il ragionamento deduttivo e la comprensione di idee astratte.
 

Rispetto alla formulazione originaria, oggi si pensa che i diversi stadi non si succedano solo in base all'età, ma che un ruolo fondamentale sia svolto dall'ambiente e dagli stimoli che i bambini ricevono. Inoltre, per molte delle abilità citate, Piaget, secondo alcuni, ha sottostimato i bambini, che le rivelano ben prima di quanto predetto nella teoria.


Come crescere bambini educati e sicuri di sè


A livello educativo, molte strategie oggi in uso sono state tratte dai lavori di Piaget, come ad esempio quella di fornire ai bambini un ambiente stimolante o il basarsi sull'interazione sociale per favorire l'apprendimento. Se i bambini imparano da scienzati e non da osservatori, anche il fine dell'apprendimento cambia, ed è rivoluzionario: “l'obiettivo principale dell'educazione nelle scuole dovrebbe essere quello di creare uomini e donne che siano capaci di fare cose nuove, non soltanto di ripetere semplicemente ciò che le altre generazioni hanno fatto.”


Link che possono interessarti
Antologia di Piaget 
Assimilazione e accomodamento

Contatti

Resta in contatto seguendo il blog attraverso la Newsletter , oppure unendoti alla pagina Facebook Parlare con i bambini. Ci trovi anche su Instagram e Twitter

gpt inread-altre-0

articoli correlati