Home Il bambino Sviluppo e crescita

Una favola della buonanotte: "La storia della montagna dei sogni"

di Redazione PianetaMamma - 25.02.2022 Scrivici

una-favola-della-buonanotte-la-storia-della-montagna-dei-sogni
Fonte: Shutterstock
Una favola della buonanotte: "Favole della buonanotte" ci ha regalato una storia da raccontare ai nostri bambini prima di dormire

Una favola della buonanotte

La favola "La storia della montagna dei sogni" è a cura di "Favole della buonanotte". Buona lettura e buon ascolto a tutti i bambini!

In questo articolo

La storia della montagna dei sogni

Un giorno il piccolo folletto Genny vide un simpatico troll che andava verso la montagna dei sogni con un sacchetto di tela. Lo osservò con curiosità fino a quando sparì dietro alla folta vegetazione. Il giorno dopo, sempre alla stessa ora, si affacciò alla finestra della sua casa fungo e vide il troll con il suo sacchetto di tela dirigersi verso la stessa montagna.

Sempre più incuriosito chiese a mamma Fata verde… Chi è quel troll?...perché va tutti i giorni verso la montagna dei sogni? La dolcissima Fata riconobbe il troll e sorridendo rispose… Piccolo mio, quello è il troll Tobe e va tutti i giorni sulla montagna per raccogliere i preziosi frutti della passione che crescono solo lassù. Che meraviglia! Esclamò Genny, che era ghiotto di frutti della passione. Posso chiedere al troll Tobe di andare con lui? Certamente! ... rispose mamma Fata. 

Il giorno dopo, puntuale come sempre, il troll Tobe passo nelle vicinanze della casa fungo, il piccolo Genny gli si avvicinò e gentilmente disse… Ciao sono il folletto Genny, mi ha detto mamma Fata verde che tutti i giorni sali sulla montagna dei sogni e raccogli i frutti della passione, posso venire con te? Il troll sorrise sornione e disse.. Certo piccolo Genny. Fu così che seguì il troll alla volta della grande montagna. Iniziarono a salire, e dopo un'ora di cammino di frutti della passione non si vedeva nemmeno l'ombra. Camminarono faticosamente in salita per ancora un'ora quando finalmente videro un albero con i frutti della passione. Non erano tanti, ma il piccolo era felicissimo….

Che bello troll Tobe, è stata dura ma li abbiamo trovati…. Li raccolsero ed erano poco più di 10… e il vecchio Tobe disse… Sono pochi… che ne pensi se continuiamo a cercarne altri? Il piccolo Genny che non aveva più voglia di salire disse… Sono soddisfatto e secondo me basteranno… Il vecchio troll lo assecondò e tornarono indietro… Appena furono arrivati alle pendici della montagna c'era Fata Sister con i suoi folletti appena nati che vide il vecchio troll e chiese… Tobe hai dei frutti della passione per i miei piccoli?… Certo! disse il troll… ma erano così pochi che dovettero lasciarli tutti alla fatina sister.

Genny era un po' dispiaciuto perché dopo tutta quella fatica non aveva nemmeno un frutto della passione da portare a mamma fata Verde. Quando mamma fata lo vide capì immediatamente il suo stato d'animo e gli chiese cosa avesse. Il piccolo racconto la sua giornata e la sua delusione… Allora la mamma chiese… Adesso cosa vuoi fare? Ti vuoi arrendere? Il piccolo ci pensò e rispose… No, domani ci voglio tornare… Il giorno successivo il folletto si fece trovare pronto dal troll Tobe che con un sorriso sornione gli chiese… Vuoi venire anche oggi? Sei sicuro… la salita è dura, ricordi? Il folletto disse con decisione: Sì voglio venire!

Questa volta la salita fu più dura perché la sera prima aveva piovuto e dovevano muoversi lentamente e con grande attenzione. Arrivarono all'albero del giorno prima che non aveva frutti e proseguirono, dopo poco trovarono un altro albero, ancora più piccolo del precedente, e con meno di dieci frutti. Il troll questa volta non ebbe bisogno di fare nessuna domanda perché senti Genny che diceva…. Troll Tobe, andiamo avanti. Fu così che dopo pochi minuti di dura salita si trovarono di fronte a più di 20 alberi carichi di frutti della passione. Raccolsero tutti i frutti che potevano trasportare e discesero felici dalla montagna dei sogni.

Riuscirono a rifornire tutto il sottobosco e ne avanzarono così tanti che per un mese Genny e mamma fata Verde ogni mattina fecero colazione con un frutto della passione. E il troll Tobe?... Ancora qualcuno lo incontra nel sottobosco con il suo sorriso sornione che accompagna qualche follletto a scalare la montagna dei sogni...

Grazie a Favole della Buonanotte per la favola

Favole della buonanotte per bambini

Le favole della buonanotte sono un rito che si ripete ogni sera che non solo accompagna i più piccoli verso un sonno sereno e appagante, ma crea anche un ricordo che alimenta l'amore tra genitore e figlio.

Ecco un elenco di favole perfette per la buonanotte dei bambini.

  • I tre porcellini
  • Riccioli D'Oro
  • Il Brutto Anatroccolo
  • Cappuccetto Rosso
  • La principessa sul pisello
  • Cipollino

In vendita troviamo anche dei bellissimi libri di raccolte di fiabe per la buonanotte.

Favole della buonanotte brevi

Ecco una storia breve da raccontare ai bambini. E' di Gianni Rodari ed è tratta dalla raccolta "Favole al telefono".

Il Palazzo di Gelato (tratto da "Favole al telefono" di Gianni Rodari)

Una volta, a Bologna, fecero un palazzo di gelato proprio sulla Piazza Maggiore, e i bambini venivano di lontano a dargli una leccatina. Il tetto era di panna montata, il fumo dei comignoli di zucchero filato, i comignoli di frutta candita. Tutto il resto era di gelato: le porte di gelato, i muri di gelato, i mobili di gelato. Un bambino piccolissimo si era attaccato a un tavolo e gli leccò le zampe una per una, fin che il tavolo gli crollò addosso con tutti i piatti, e i piatti erano di gelato al cioccolato, il più buono. Una guardia del Comune, a un certo punto, si accorse che una finestra si scioglieva. I vetri erano di gelato alla fragola, e si squagliavano in rivoletti rosa. – Presto, – gridò la guardia, – più presto ancora! E giù tutti a leccare più presto, per non lasciar andare perduta una sola goccia di quel capolavoro.

– Una poltrona! – implorava una vecchiettina, che non riusciva a farsi largo tra la folla, – una poltrona per una povera vecchia. Chi me la porta? Coi braccioli, se è possibile. Un generoso pompiere corse a prenderle una poltrona di gelato alla crema e pistacchio, e la povera vecchietta, tutta beata, cominciò a leccarla proprio dai braccioli. Fu un gran giorno, quello, e per ordine dei dottori nessuno ebbe il mal di pancia. Ancora adesso, quando i bambini chiedono un altro gelato, i genitori sospirano:

– Eh già, per te ce ne vorrebbe un palazzo intero, come quello di Bologna.

Favole della buonanotte da ascoltare

Favole della buonanotte illustrate

Su Amazon troviamo diverse proposte per delle raccolte di favole della buonanotte, ecco una selezione delle raccolte più belle, che hanno ricevuto le migliori recensioni e per i clienti Amazon Prime arrivano a casa il giorno dopo l'acquisto: i membri del programma Amazon Prime ricevono il prodotto a casa il giorno successivo all'acquisto e non pagano la spedizione. Iscriversi a Prime è semplice: basta andare sulla pagina, attivare la prova gratuita e poi rinnovare a 3,99 euro al mese.

Favole della Buonanotte: Oltre 40 Fantastiche Avventure nella Foresta

Fiabe della Buonanotte: Il Grande Libro di Racconti e Favole con Illustrazioni

***Contenuto sponsorizzato: PianetaMamma.it presenta prodotti e servizi che si possono acquistare online su Amazon e/o su altri e-commerce. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, PianetaMamma.it potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. Vi informiamo che i prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo, vi invitiamo quindi a verificare disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati**

gpt inread-altre-0

articoli correlati