Home Il bambino Sviluppo e crescita

Cosa fare se un bambino vuole mangiare soltanto pasta?

di Elena Berti - 14.05.2022 Scrivici

mio-figlio-mangia-solo-pasta-
Fonte: shutterstock
Mio figlio mangia solo pasta. È grave? I motivi per cui un bambino è selettivo nell'alimentazione e come convincerlo a mangiare di più

Mio figlio mangia solo pasta. È grave?

Che molti bambini abbiano gusti limitati in fatto di cibo non è un segreto, anzi: è piuttosto comune che ai piccoli, soprattutto crescendo, non vadano a genio molti piatti preparati da mamma e papà o anche dalla scuola. Ma i genitori a volte si preoccupano, per esempio possono farsi domande tipo "è grave se mio figlio mangia solo pasta?". Vediamo insieme cosa fare se i bambini mangiano solo alcuni cibi. 

In questo articolo

Aiuto, mio figlio mangia solo pasta!

Se pensate di essere gli unici ad aver pronunciato la frase "aiuto, mio figlio mangia solo pasta", vi sbagliate di grosso: magari non è la pasta (anche se in Italia è assai frequente), ma potrebbe essere solo un tipo di carne, solo minestrina, solo determinati frutti, solo un certo pesce e via dicendo. I bambini con gusti alimentari molto selettivi sono assai più diffusi di quanto si pensi: basta fare un giro nei gruppi di mamme su Facebook, per esempio, per scoprire che sono tantissimi, la maggioranza! Ma come mai succede?

Perché i bambini mangiano solo alcuni cibi

Di solito non succede subito: al momento dello svezzamento, che sia tradizionale oppure autosvezzamento, i bambini mangiano tutto con gusto. Poi, verso i due anni, la catastrofe: iniziano a rifiutare alcuni cibi, anche quelli che il giorno prima adoravano, e restringono il campo fino a limitarlo tantissimo. Mamma e papà si disperano, sia per i pasti preparati che poi non vengono consumati, sia perché si preoccupano per la salute dei piccoli. Ma come mai succede? 

La selettività alimentare inizia in corrispondenza dei "terrible two": secondo voi è un caso? Probabilmente no. In questo periodo della crescita, i bambini iniziano a sfidare i genitori, a dire sempre no e a opporsi. Sfidano i genitori per vedere fino a dove possono arrivare ed esplorano le proprie possibilità di scelta.

Non c'è da stupirsi, quindi, che applichino questa tattica anche al cibo. Il problema è che il cibo manda subito in panico mamma e papà: un po' perché non amano sprecare i pasti, un po' perché hanno paura che il figlio non mangi abbastanza. E più insistono, più diventerà difficile convincere i bambini a mangiare!

Addirittura, alcuni studi ritengono che la selettività alimentare dei bambini piccoli sia legata a un istinto di sopravvivenza antico che porta l'essere umano cucciolo a non fidarsi di alcuni alimenti (anticamente le piante velenose). In ogni caso, cosa fare se i bambini mangiano "tre cose in croce"?

Cosa fare se il bambino mangia solo pasta o altri cibi

Come bisogna comportarsi, quindi, se a un certo punto il bambino inizia a rifiutare categoricamente alcuni cibi

Innanzitutto, non bisogna sottovalutare: i suoi gusti possono essere cambiati oppure in quel momento possono non aver voglia di quel determinato cibo. L'alimentazione è collegata alle emozioni e per un bambino può essere difficile ingerire qualcosa che in quel momento lo mette a disagio. Esiste comunque il gusto personale, perciò è inutile continuare a proporre i broccoli se il bambino li sputa! 

Ecco qualche consiglio per vivere i pasti serenamente e provare ad ampliare i gusti del bambino: 

  • non forzarlo mai: i bambini non si lasciano morire di fame, perciò non vi preoccupate se mangia meno di quanto vi aspettereste e soprattutto non forzatelo mai, potreste traumatizzarlo e potrebbe sviluppare un rapporto non sano col cibo, collegandolo a un momento sgradevole
  • non preparate quel che non gli piace: inutile continuare a insistere, se il pesce non gli piace, non glielo fate! Piuttosto, quando lo fate per voi chiedetegli se ha voglia di assaggiarlo, ma senza forzarlo
  • optate per la semplicità: intingoli, cibi elaborati e altro potrebbero spaventarlo, meglio scegliere verdure crude, da mangiare direttamente con le mani, bocconcini di carne ai ferri, pasta condita in maniera semplice
  • variate: se non dovete preparare grandi piatti avete più tempo per proporre più cose, mettete in tavola diverse opzioni, del formaggio, diverse verdure crude, dei carboidrati, lasciate che componga da solo il suo piatto

E se anche così il bambino mangia solo e sempre la stessa cosa? Di solito è una fase che, se affrontata come tale e senza drammi, passa da sola.

Ma se vedete che vostro figlio non cresce e resta estremamente selettivo col tempo, meglio parlarne col pediatra. In ogni caso, non pensate di essere soli: la selettività alimentare dei bambini è cosa nota e il miglior modo per superarla è lasciare che imparino da soli ad amare il cibo, senza forzarli, proponendo sempre cose diverse, preparando loro la pasta in bianco se vogliono solo quella ma, allo stesso tempo, proponendo un assaggio di quel che mangiate voi. Di solito funziona!

gpt inread-altre-0
Continua a leggere

articoli correlati