gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
Nostrofiglio.it

Pianetamamma logo pianetamamma.it

gpt skin_web-bambino-0
1 5

Come avvicinare i bambini a ricette di altri paesi e culture

/pictures/2018/05/22/come-avvicinare-i-bambini-a-ricette-di-altri-paesi-e-culture-1778977415[994]x[414]780x325.jpeg Shutterstock
gpt native-top-foglia-bambino

Come avvicinare i bambini a ricette di altre culture? La dietista ci propone dei piatti dal mondo da proporre ai bambini per stimolare in loro la curiosità, il desiderio di scoperta e il rispetto delle diversità

Come avvicinare i bambini a ricette di altre culture

Il cibo è da sempre una delle maggiori espressioni culturali di un territorio o di una nazione, così per avvicinare i bambini al resto del Mondo non c’è modo migliore che fargli conoscere i piatti tipici degli altri paesi. È vero, noi italiani vantiamo la migliore cucina del Pianeta, ma questo non è sempre un bene, perché purtroppo spesso non ci stimola a provare cose diverse. Ci sono alimenti ed ingredienti a cui non siamo tanto abituati e che sicuramente potrebbero arricchire la nostra cucina e portare numerosi benefici alla nostra salute.

L'Europa in tavola 

Aumentare, attraverso la cultura gastronomica, il senso di appartenenza alla comunità europea, è questa la motivazione per cui l’azienda Milano Ristorazione ha proposto alle mense scolastiche del capoluogo lombardo 25 diverse ricette provenienti da tutta Europa. Così, per un giorno, nelle scuole di Milano verranno serviti: Insalata greca, Goulash, Bigos, Yota, stufati e zuppe provenienti dai diversi paesi Europei. Imparare mangiando, perché la cultura non è fatta solo di libri, ma può passare anche attraverso dei momenti di condivisione e di scoperta delle piccole cose. Introdurre nel nostro quotidiano ricette diverse ci permette non solo di proporre un menù sempre più vario ed equilibrato, ma anche di conoscere il Mondo che ci circonda e capire che ciò che è nuovo e sconosciuto non è per forza cattivo.

L'alimentazione multietnica

In una società sempre più multietnica può essere molto utile far comprendere a nostro figlio le abitudini e le tradizioni dei suoi amichetti che provengono da altri paesi. È molto importante che i bambini comprendano che tra i vari popoli ci sono delle differenze, a volte molto profonde, che vanno accettate e rispettate, così magari quando invitano a casa l’amichetto marocchino possiamo provare a preparargli un piatto tipico della sua tradizione come il cous cous, stimolando nostro figlio a provare qualcosa di diverso.

Un modo divertente di ampliare la varietà di proposte per i nostri pasti può essere quello di stabilire un giorno della settimana in cui si mangia un piatto non tipicamente italiano. Insieme al vostro bambino potete cercare le ricette più sfiziose e prepararle insieme, magari servendole in una tavola addobbata a tema. Così potreste gustarvi la vostra cena giapponese in un tavolino basso seduti sui cuscini e mangiando con le bacchette, oppure farvi un bel brunch domenicale all’americana.

Cucina etnica per i bambini

Bambini e cucina dal mondo: cosa introdurre 

Partendo dal presupposto che l’alimentazione di un bambino dovrebbe prevedere per la stragrande maggioranza dei piatti degli alimenti locali e di stagione, ogni tanto si possono inserire anche frutti o alimenti non tipicamente mediterranei, per ampliare la varietà di proposta e stimolare la curiosità del bambino.

  • In estate può essere gustoso proporre frutti esotici come papaya, mango, dragon fruit o maracuja magari sottoforma di spiedini di frutta o cocktail con ombrellino per imitare i più grandi. L’avocado è un altro frutto sempre più diffuso anche sulle nostre tavole, molto utile per sostituire altri alimenti grassi sia nelle salse che nella preparazione di dolci; attenzione però, pur essendo grassi buoni sono pur sempre grassi e molto calorici.
  • Dai paesi del nord Europa possiamo imparare ad utilizzare di più il pesce, ma non solo, anche frutta secca, radici e semi sono molto diffusi in questa cucina e molto preziosi per la nostra salute.
  • India e medio-oriente sono noti per il largo utilizzo di spezie, che non solo possono avere effetti benefici sulla nostra salute, ma conferiscono ai piatti un sapore intenso permettendoci di ridurre notevolmente l’aggiunta di sale.

Piatti dal mondo da proporre ai bambini

Qui di seguito vi proponiamo qualche ricetta di piatti più o meno noti da tutto il mondo che sono allo stesso tempo sani e gustosi anche per i più piccoli.

Gran Bretagna: Filetto

Molto adatto ad un pranzo domenicale, associato ad un bel contorno di verdure e qualche patata arrosto e potete completare la giornata inglese con un bel tè delle 5. Qui la ricetta per un filetto di circa 1kg (8-10 persone)

Ingredienti

  • Filetto di manzo
  • 400g di funghi champignon freschi
  • 100g di prosciutto crudo
  • 1 rotolo di pasta sfoglia
  • 1 tuorlo
  • Olio extra vergine di oliva, sale, pepe e senape qb

Procedimento

Una volta salato e pepato il filetto fatelo rosolare in padella con un filo di olio, quindi spennellate con un po’ di senape e lasciate riposare. Preparate la crema di funghi pulendoli e frullandoli con un pizzico di sale e pepe e cuocendola poi in padella. Stendete su un foglio di pellicola il prosciutto crudo e stendetevi sopra la crema di funghi, quindi adagiatevi sopra il filetto e arrotolatelo nel prosciutto. Far riposare in frigo per 15 minuti. Arrotolatelo dunque nella pasta sfoglia assotigliata un po’ con un mattarello, richiudete le estremità e fate riposare altri 5 minuti in frigo. In fine spennellate il filetto con il tuorlo sbattuto, praticate qualche taglio sulla superficie e infornate a 200°C per mezz’ora circa.

Spagna, la paella

Dici Spagna e pensi all’estate, allora cosa c’è di meglio di una bella paella?! Ricordiamoci che alternare la pasta ad altri cereali, come il riso, è una buona abitudine e per renderlo meno noioso possiamo optare per una coloratissima paella, meglio se nella versione col pesce.

Ingredienti (4 persone)

  • 300g di riso (la varietà originale è il bomba, ma vanno bene anche un arborio o un carnaroli)
  • 1 kg di cozze
  • 400g di gamberi
  • 400g di calamari
  • 300g di piselli freschi o surgelati
  • 1 peperone rosso
  • 1 peperone giallo
  • 4 peperoncini verdi dolci
  • 3 pomodori
  • 1 spicchio di aglio
  • 2 bustine di zafferano
  • Olio extravergine di oliva, sale, pepe, cipolla
  • Vino bianco e brodo vegetale qb

Procedimento

Una volta puliti e tagliati a piccoli pezzi sia il pesce che le verdure (per renderlo più adatto ai bambini è infatti consigliabile non lasciare le cocciole delle cozze o i gamberi da aprire, come nella versione originale) e cotte le cozze iniziamo a preparare il riso. Soffriggere aglio e cipolla con un filo di olio quindi aggiungere per primi i calamari, quindi pomodori e peperoni seguiti dallo zafferano, i piselli ed il riso, in ultimo verranno aggiunti i gamberi. Far cuocere aggiungendo il brodo vegetale e a cottura ultimata aggiungere le cozze ed un po’ di prezzemolo fresco.

Grecia, pita con souvlaki 

Spostandoci in Grecia abbiamo l’imbarazzo della scelta, con molti piatti leggeri e sani, la nostra proposta sono degli souvlaki, spiedini di carne, serviti con salsa tkatziki e una bella pita! Per creare gli spiedini tagliate la carne di maiale a cubetti e ripulitela del grasso visibile, quindi infilatela negli spiedini e marinate per almeno 30 minuti con olio, limone, rosmarino, origano, sale e pepe. Quindi cuoceteli su una griglia o padella ben calda.

Per creare la salsa vi serviranno invece

  • 500g di yogurt greco magro
  • 2 cetrioli grattugiati
  • 4 spicchi di aglio grattugiati (o interi e poi tolti per rendere il gusto più adatto al palato dei più piccoli)
  • il succo di un limone
  • un pizzico di sale e olio extravergine di oliva. 

La pita è una sorta di piadina greca, preparata con

  • 200g di farina di manitoba
  • 200g di farina 00
  • 250ml di acqua
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 3g di lievito di birra ed un pizzico di sale.

La pita può essere cotta in forno su carta da forno a 250°C per 5 minuti.

Olanda: i pannenkoeken

Golosissimo piatto olandese sono i pannenkoeken, il perfetto mix tra crepes e pizza. I pannenkoeken sono infatti delle grandi crepes, condite proprio come fossero delle pizze, con formaggio, affetatti, pancetta, verdure e sopra, immancabilmente, della glassa al caramello.

Argentina: empanadas

Uno dei piatti tipici dell’Argentina sono le empanadas: mezzelune di pasta con ripieno di carne, molto gustose anche per i bambini. Qui la ricetta.

Ingredienti per 6 empanadas

  • 120g di farina 00
  • 15g di olio evo
  • Un pizzico di sale
  • 60g di macinato di bovino magro
  • 60g di cipolle bianche
  • 1 uovo
  • 7g di uvetta
  • 12g di olive verdi
  • Cumino e peperoncino, se graditi, qb

Procedimento

Sciogliete 2-3g di sale in 50ml di acqua tiepida, quindi unitela alla farina e ad un cucchiaino di olio e impastate con le mani. Lasciate riposare e nel frattempo preparate il ripieno: mettete in ammollo l’uvetta, in una padella fate soffriggere la cipolla con un cucchiaio di olio, quindi unite la carne, le spezie, l’uvetta e le olive. Stendete la pasta formando 6 cerchi, ponete su di essi il ripieno e chiudete a mezzaluna sigillando bene i bordi. Spennellate con un po’ di uovo e fate cuocere in forno preriscaldato ventilato a 170°C per circa 10 minuti.

India: Pollo al curry

Il pollo al curry riunisce in un unico piatto un incredibile mix di spezie, ecco la ricetta.

Ingredienti (4 persone)

  • 700g di petto di pollo
  • 50g di scalogno
  • 50g di farina tipo 0
  • 3 cucchiaini di curry (poco piccante)
  • Brodo vegetale, prezzemolo e olio evo qb

Procedimento

Fate soffriggere leggermente lo scalogno tritato con un filo di olio, nel frattempo tagliate il pollo a cubetti e impanatelo con la farina e 3 cucchiaini di curry, quindi fatelo rosolare in padella. Aggiungete il brodo vegetale e fate cuocere per 15 minuti circa, a cottura quasi ultimata aggiungete in padella la farina e curry rimasti dall’ impanatura stemperati con 50ml di acqua circa. Servite con una spolverata di prezzemolo fresco.

gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0