Home Il bambino Sviluppo e crescita

Bambini troppo materialisti per colpa della pubblicità

di Redazione PianetaMamma - 12.09.2012 Scrivici

bambini-capricciosi-17
Tra gli 8 e gli 11 anni i bambini diventano veri consumatori. E rischiano di diventare materialisti

Uno studio condotto dall'Università di Amsterdam ha scoperto che il materialismo nasce tra gli 8 e gli 11 anni. E la pubblicità gioca un ruolo determinante nel crescere bambini materialisti.
La ricerca ha coinvolto 466 bambini di età compresa tra gli 8 e gli 11 anni e ha scoperto che i bambini non traggono nessuna soddisfazione dal possesso di oggetti desiderati, ma molto dipende dal numero di pubblicità che hanno visto.


GUARDA IL VIDEO: Bambino fa i capricci al supermercato


In altre parole la pubblicità rende il materialismo maggiormente sviluppato, ma soddisfare questi desideri non rende i bambini più felici.
Suzanna Opree, principale autrice dello studio, ha spiegato che è la pubblicità ad insegnare ai bambini che i beni materiali sono un mezzo per aumentare la felicità e che è proprio nel periodo 8-11 anni che i bambini diventano dei consumatori (LEGGI) e diventano consapevoli del significato simbolico degli oggetti.
In altre parole, a quest'età i bambini cominciano a voler possedere degli oggetti non solo per puro piacere, ma anche per aumentare la felicità e lo status sociale.

Questi risultati suggeriscono che è estremamente importante intervenire sin dai primi anni di vita (LEGGI), e soprattutto a partire dagli otto anni, per insegnare ai bambini che la felicità è raggiungibile soprattutto con amore e amicizia e non con il possesso di beni materiali.


LEGGI ANCHE: Come essere un esempio positivo per i bambini


E i genitori dovrebbero aiutare i bambini a raggiungere questa consapevolezza invitandoli a guardare la pubblicità con spirito critico (svelando loro le tecniche di seduzione tipiche della pubblicità) e a ricordare sempre quanto siano di gran lunga più importanti gli affetti familiari e il calore dei rapporti umani (LEGGI), che sono gli unici mezzi per ottenere una felicità e una gratificazione che non siano effimeri e passeggeri.

In questo modo si può agire tempestivamente per far sì che il bambino non diventi un adulto materialista, incapace di riconoscere e godere dei piaceri più semplici e destinato all'infelicità. Perchè chi più ne ha, più ne vuole avere. In una ricerca infinita e frustrante.

Fonte: le Figaro

gpt inread-altre-0