Home Il bambino Sviluppo e crescita

Il bambino cammina sulle punte: ecco perchè

di Redazione PianetaMamma - 20.06.2013 Scrivici

20-mesi
Alcuni bambini camminano sulle punte dei piedi. Perchè può accadere e come comportarsi?

Ogni bambino è a sè e segue un suo personale percorso di sviluppo e di conquista dell'indipendenza.
Per questo ogni piccolo ha i suoi tempi per imparare a camminare e muovere i primi passi.


LEGGI ANCHE: Come cresce un bambino da 0 ad 1 anno


In genere i bambini cominciano a camminare tra l'anno di vita e i 16/17 mesi (LEGGI).
Il suo equilibrio è precario e la posizione assunta mentre cammina è generalmente quella con le braccia in avanti, gambe aperte e le ginocchia flesse.
Questa posizione permette al bambino di aumentare la stabilità della posizione e di abbassare il baricentro, garantendosi maggiore capacità di equilibrio.

Nei primi tempi il piede del bambino è piatto ed è piuttosto comune vedere i bambini che muovono i primi passi sulle punte dei piedi, soprattutto quelli che sono abituati ad usare il girello o la mano del genitore come punto di appoggio e sostegno.
Camminare sulle punte, all'inizio del percorso di autonomia della camminata, è quindi abbastanza normale perchè ogni bambino sviluppa una sua personale tipologia di camminata e molti di essi utilizzando quella con le punte intraruotate, cioè con le punte verso l'interno della gamba, un po' come quando si impara ad andare sugli sci le prime volte, oppure sulla punta dei piedi, appunto.


LEGGI ANCHE: Come cresce un bambino tra i 2 ed i 3 anni


In genere nell'arco di qualche settimana il problema sparisce: il bambino aumenta di peso e questo peso in più lo costringe a piantarsi su tutta la pianta del piede.

Quando preoccuparsi e rivolgersi al pediatra

Se dopo

due anni

il bambino (

LEGGI

) continua a camminare prevalentemente sulle

punte

è bene rivolgersi al medico. Il medico escluderà

problematiche

serie, come un problema di origine ortopedico, come i legamenti corti, oppure neuromuscolare o danni alla colonna vertebrale e infine malattie muscolari come la distrofia muscolare.

Una volta che tutte queste patologie sono state escluse si potrà classificare il "

toe walking"

del bambino come

idiopatico

, cioè senza una causa precisa.

Ad esempio il bambino può aver preso l'abitudine di camminare sulle punte per una

sensibilità tattil

e ridotta o esagerata: ciò provoca un'eccessiva sensibilità - o al contrario, una ridotta sensibilità - del pavimento sotto i piedi e questo spinge il piccolo ad alzare i talloni in modo da non dover toccare la superficie con l'intera pianta del piede.

Ma alcuni studi hanno anche mostrato un legame tra il

toe walking idiopatico

e alcune forme di

autismo

o ritardi del linguaggio.

gpt inread-altre-0

articoli correlati