Home Il bambino Sviluppo e crescita

Attività sulla pace per i bambini: cosa fare per educarli

di Simona Bianchi - 26.06.2024 Scrivici

attivita-sulla-pace-per-i-bambini-cosa-fare-per-educarli
Fonte: shutterstock
Le attività sulla pace sono utili per far comprendere ai bambini l’importanza della solidarietà e dell’amicizia: come funzionano

In questo articolo

Perché sono importanti le attività sulla pace per i bambini

Parlare di guerra ai più piccoli non è semplice, ma è fondamentale farlo per insegnare loro l'importanza della pace. Attraverso alcune attività si può far capire ai bimbi quanta sofferenza porta la tensione con il vicino e quanto invece può essere più gratificante avere un rapporto di correlazione e amicizia con chiunque ci sta intorno. Avere una buona relazione con gli altri, a partire dai propri compagni di scuola per allargare il campo all'intera umanità, apporta numerosi benefici in termini di risultati, apprendimento e di benessere perché "l'unione fa la forza" mentre le divisioni creano un aumento dei problemi, rabbia e solitudine.

Tre attività sulla pace per i bambini

Il sito Save The Children indica tre attività didattiche per sensibilizzare i bambini e i ragazzi, dalle elementari alle scuole superiori, sui conflitti che affliggono alcuni Paesi del mondo. Secondo l'associazione (dai dati del 2023) oltre un bambino su sei vive in aree colpite da guerre.

La prima attività sulla pace è diretta ai bambini della scuola primaria e viene chiamata "le parole della pace e della guerra". La classe si dispone in cerchio e viene divisa in gruppi. Al centro del cerchio vengono posti tre cartelloni con le scritte "guerra", "pace", "conflitto". A turno, i bambini di ciascun gruppo scrivono sul cartellone di riferimento più parole possibili che ritengono collegate a questi concetti. Al termine del brainstorming la classe legge le parole emerse, ponendo attenzione a quelle che si ripetono, quelle più interessanti, quelle in contrasto tra loro. Ogni gruppo prova a creare una definizione dei tre concetti: guerra, conflitto e pace. Per la definizione possono essere usate, oltre alle parole, anche immagini, disegni o quanto di più creativo venga in mente ai bambini.

Un'attività sulla pace per ragazzi della scuola media è invece il "role playing sui diritti".

Bisogna proporre a ogni studente di disegnare la sagoma della propria mano su un foglio. In gruppo, a partire dalla lettura della CRC (Convenzione ONU sui Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza semplificata), ognuno dovrà scegliere cinque diritti tra quelli che sente più importanti e scriverli sulla sagoma. A ciascun alunno viene poi consegnato un biglietto con ruoli di persone, militari o civili, coinvolte all'interno di una situazione di conflitto. Infine si chiede di pensare a quali diritti, tra quelli che hanno scritto sulla propria mano, sono negati alla persona in cui si stanno immedesimando. 


I ragazzi più grandi possono invece essere coinvolti in attività di teatro forum. Un gruppo di studenti viene coinvolto nella rappresentazione scenica di una situazione di oppressione presente in un contesto di guerra. Poi un conduttore invita gli altri ragazzi (spettatori) a entrare in scena per sostituire, rappresentandolo, il protagonista o i suoi alleati, proponendo strategie e ipotesi di soluzione per migliorare la situazione di partenza. Infine si sviluppa un dibattito partecipativo animato tra attori, facilitatore e spettatori.

Cosa si può fare per costruire la pace

Per evitare le guerre è importante educare le nuove generazioni facendo capire loro come si può costruire la pace. Sembra qualcosa di terribilmente complicato (e allargando il campo alla geopolitica lo è) ma per quanto riguarda i bambini si può partire da un concetto semplice: la pace si costruisce con il rispetto dell'altro. L'educazione è il principale strumento per costruire la pace. Non sbattere la porta in faccia a qualcuno, salutare quando si entra in un negozio, non prendere in giro o provocare il compagno di scuola o l'amichetto sono tutte piccole azioni che permettono di mantenere la pace. In generale costruire un ponte tra le divisioni ed evitare le ingiustizie sono la strada per non causare conflitti.

Come parlare ai bambini di pace

Per parlare ai bambini di pace è fondamentale usare parole semplici e immediate come "è qualcosa di bello in cui tutti ci teniamo per mano".

 Il concetto di rispetto può diventare, per i più piccini, l'idea di non farsi i dispetti l'un l'altro. Oppure, di ascoltare in silenzio quando gli altri parlano. Si possono anche leggere delle storie ai piccoli che parlino di pace per poi avviare un dibattito sulla morale del racconto appena letto. I più piccoli possono anche essere incuriositi dai simboli della pace e si potrebbe chiedere loro di disegnarli e poi di parlare di cos'è per loro la pace.

Fonti

gpt inread-altre-0

Articoli correlati

Ultimi articoli