Home Il bambino Sviluppo e crescita

L’alfabeto dei bambini

di Monica De Chirico - 12.06.2014 Scrivici

bambino-che-gioca-con-peluche
Il linguaggio e il modo di vedere le cose di un bambino piccolo alla scoperta del mondo è buffo e commovente al tempo stesso. Ecco l'alfabeto, che racchiude l'universo, secondo una bambina di quattro anni

IL LINGUAGGIO DEI BAMBINI

- Il momento in cui un bambino

inizia a sapersi esprimere

, formulando frasi e concetti compiuti, è meraviglioso, perché ogni giornata porta con se’ risate, emozioni e persino spunti di riflessione.

Il modo di vedere le cose di un bambino

piccolo alla scoperta del mondo è buffo e commovente al tempo stesso: mentre siamo colpiti da come la realtà possa essere percepita da chi la vede per la prima volta, una parte di noi si ricorda di quando era il nostro turno e ci sembra davvero di ripercorrere la nostra infanzia passo dopo passo.

LEGGI ANCHE

:

L'alfabeto delle mamme

Quindi ecco l’

alfabeto

secondo una quattrenne di mia conoscenza.


A come Arcobaleno

“Mamma, la plossima volta ci vojo salile sopla.”


B come Buio

“Nella tua pancia c’ela buio, e io mi annoiavo.”


C come Compleanno!

“Adesso è il mio

compleanno

?”

Domanda ripetuta a intervalli regolari per l’intera settimana precedente all’evento.


D come Dinosauro

“Quando c’erano i dinosauli?” “Milioni e milioni di anni fa.” “Ah, tu li hai visti?” -.-


E come Enolme

Ai suoceri venuti in visita: “La mamma fa delle cacche ENOLMI.” (Vedi l’alfabeto della mamma, voce “P come Privacy”)


F come Figli

“Da glande vojo 5 maschi e 5 femmine.” (Ndr: nel caso io spero di essere già morta).

G come Guadda

Col ditino puntato: “Mamma, guadda come è glasso quel signole!”

H come Hamburger

“Prima mangi l’hambuger, dopo le patatine.”

“La plossima volta vojo un panino di patatine.”

I come Idea

“Mi è venuta una bellisssssssima idea!” “Dimmi.” “Oggi ti tlucco io!”

L come Luna

“I palloncini che i bambini peldono vanno a vivele sulla luna.”

LEGGI ANCHE

:

Prime parole, quando come e perchè

M come Mamma

“Pel oggi facciamo così: io sono la mamma, tu sei la bimba. Occhei?”

N come Nanna

“Mamma, mi sogni stanotte, velo?”

O come Oggi

“Domani andiamo al parco.” “Ah.” (pausa) “Mamma, oggi è domani?”

P come Principessa

“Cosa vuoi fare la grande?” “La Plincipessa” Quattrenne sì, scema no.

Q come Quando

E in particolare “Quando tolna a casa papà?”


R come Regalo

Porgendoti un sasso raccolto da terra: “Mamma, ecco pel te un bellissssssimo legalo.” “Grazie, amore.” “Quindi adesso mi compli il gelato?”


LEGGI ANCHE:

Sviluppo del linguaggio: La competenza metalinguistica



S come Scuse

“Ti avevo detto di non andare più nell’acqua.” “Scusa, ci sono scivolata dentlo per sbajo.”

T come Tavolo (mannaro)

“Papààààààààà” “Sì.” “Il tavolo mi ha fatto inciampale!”

U come Urlare

“Non urlare, il bimbo piccolo dorme.” “Va bene mamma, allola ullo piano.”


V come Vetrina

“Posso vedele la vetrina dei giochi?” “Ma se l’hai già vista ieri!” “Si, ma me la sono dimenticata.”


Z come Zucchero

“Cosa vuoi mangiare per

colazione

?” “Lo zucchelo!”


a cura di Laura Losito

gpt inread-altre-0

articoli correlati