Home Il bambino Svezzamento

Tagli sicuri svezzamento: come tagliare il cibo

di Elena Berti - 05.11.2021 Scrivici

tagli-sicuri-svezzamento
Fonte: shutterstock
Tagli sicuri svezzamento: come tagliare gli alimenti, frutta, verdura e altri, perché i bambini piccoli non corrano il rischio di soffocarsi.

Tagli sicuri svezzamento: come tagliare il cibo

I bambini piccoli sono curiosi e tendono a portarsi tutto alla bocca, e quando iniziano a mangiare una delle preoccupazioni più frequenti tra i genitori è che possano strozzarsi con pezzi di cibo. Vediamo insieme tagli sicuri svezzamento, consigli pratici e cibi da evitare per mangiare tranquillamente e scongiurare il rischio di soffocamento.

In questo articolo

Quali cibi sono a rischio soffocamento

Il cibo può ostruire le vie aeree perché il primo tratto è comune alle vie digerenti. Le vie aeree di un bambino sono poi a forma di imbuto, quindi più strette nella parte finale rispetto a quelle di un adulto: per questo è più probabile che cibo troppo grosso o non masticato vi si blocchi. 

Ci sono quindi dei cibi che sarebbe meglio evitare o su cui prestare molta attenzione quando si parla di svezzamento e in generale di bambini tra gli 0 e i 4 anni: i salumi, perché filamentosi, frutta e verdura rotonda (uva, olive, arachidi…), cibo appiccicoso o filamentoso (sedano, finocchi), mozzarella, würstel e alimenti di forma cilindrica, come le carote. Per evitare qualsiasi rischio, non proponete mai questi cibi interitagliati in maniera scorretta. Ma come si tagliano?

Come tagliare i cibi in svezzamento

Veniamo al punto: è importante scegliere come porzionare i diversi alimenti, non soltanto in caso di frutta e verdura ma anche per gli altri cibi, come i salumi, la pasta e altri, in particolare quelli "morbidi" che potrebbero trarre in inganno perché stimolano meno la masticazione. Ecco i consigli sui tagli sicuri da dare ai bambini

  • carne e pesce andrebbero cotti bene per farli diventare morbidi, poi ridotti in piccoli pezzi da mangiare singolarmente
  • i cibi secchi e duri, come i biscotti e i cracker, andrebbero frantumati
  • frutta e verdura rotonde, come uva, pomodorini, ciliegie, mozzarelline andrebbero tagliati in quattro parti, da mangiare singolarmente
  • gli alimenti dalla forma cilindrica, come le carote, le banane, i cetrioli, andrebbero tagliati per la lunghezza e non a rondelle
  • i formaggi andrebbero tagliati a cubetti piccoli, ma attenzione alla cottura perché potrebbero crearsi dei filamenti che il bambino non riesce a tagliare coi denti
  • i cibi filamentosi come sedano e finocchi andrebbero privati dei filamenti
  • altri cibi duri, come la mela, andrebbero grattugiati durante lo svezzamento e proposti poi in piccoli pezzi

Come evitare il soffocamento

C'è però una serie di alimenti che andrebbe proprio evitata durante lo svezzamento e prima dei 4-5 anni, quando cioè i bambini hanno tutti i denti e hanno più coscienza della masticazione: si tratta della frutta a guscio intera (noci, nocciole, noccioline…) ma anche di popcorn, gomme da masticare e caramelle di ogni tipo. 

È inoltre buona pratica osservare delle abitudini durante i pasti, e cioè: 

  • insegnare al bambino a mangiare da solo, concentrandosi sul cibo ed evitando altre attività (come la tv o il cellulare)
  • prendersi il tempo necessario per il pasto, masticando bene insieme
  • non perdere mai di vista il bambino quando mangia (anche per verificare che porti alla bocca porzioni adeguate, anche di cibi potenzialmente "innocui")
  • verificare sempre la cottura dei cibi
  • prediligere pasta di un formato piccolo, come quella da minestrina

Autosvezzamento e taglio dei cibi

Molti genitori scelgono oggi di lasciare che il bambino si svezzi da solo, per citare un famoso libro, ed è una pratica approvata anche da molti esperti, a patto che l'alimentazione in famiglia sia sana ed equilibrata. In questo caso, comunque, è sempre bene verificare che le porzioni degli alimenti siano a portata di bambino ed evitare di lasciargli provare qualsiasi cosa a prescindere dal formato e dalla cottura

Scegliere il taglio sicuro degli alimenti è importante durante la fase di svezzamento, quando i bambini non hanno ancora imparato a masticare e tendono a ingoiare bocconi interi. Con porzioni alla loro portata, il rischio di soffocamento si riduce notevolmente.

gpt inread-altre-0

articoli correlati