gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
Nostrofiglio.it

Pianetamamma logo pianetamamma.it

gpt skin_web-bambino-0
1 5

Spagna: una vergognosa rissa fra padri durante una partita fra bambini

Una banale partita fra giovanili in Spagna si trasforma in una violenta rissa tra padri sugli spalti, sotto gli sguardi attoniti dei bambini

Rissa tra padri durante una partita tra bambini

È di oggi la notizia di una rissa tra padri in Spagna durante una partita fra giovanili di Murcia e Beniajan-Lorquì. Nel video che vediamo sulla Gazzetta.it i papà si picchiano sotto lo sguardo dei bambini spaventati e di alcune mamme che cercano di separarli. Non è la prima volta che in Spagna una partita si trasforma in una rissa e in alcuni casi ci sono stati anche feriti, come nel gennaio del 2017 quando un papà ha dovuto subire un intervento all'occhio.

Il calcio è davvero lo sport giusto?

Anche in Italia purtroppo si assiste spesso ad alterchi e litigi violenti durante delle banali partite di calcetto. Il 17 aprile del 2018 a Moncalieri, nell'area sportiva del negozio Decathlon, una rissa ha procurato un infarto a un papà che cercava di difendere il figlio. Tutto ha avuto inizio da una scivolata sul terreno sintetico, un ginocchio sbucciato e un contatto un po' rude tra alcuni ragazzi di 17 anni e un gruppetto di bambini di 9 e 11 anni. I genitori sono intervenuti e un papà avrebbe tirato un pugno in faccia a un diciassettenne cardiopatico, per difendere il proprio bambino. A sua volta il padre del ragazzo, anche lui malato di cuore, avrebbe cercato di aiutarlo, ma è caduto, colpito da un infarto. L'uomo, come aveva raccontato la moglie, era stato ricoverato in terapia intensiva ed è stato salvato grazie a un passante che nella macchina aveva un defibrillatore.

Spesso a essere vittima di reazioni violente, e aggressioni vergognose dei genitori sono anche gli arbitri. Ad esempio è recente (novembre 2018) un pestaggio a San Basilio, Roma, ai danni di Riccardo Bernardini da parte di un gruppo ultras. Il ragazzo è stato aggredito al termine di una partita amichevole, riportando un trauma cranico.

gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0